Se non vedi correttamente la Rassegna Stampa clicca qui

Rassegna stampa del 11 ottobre 2005
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Documento Programmatico sulla Sicurezza personalizzato
Assegnazione permessi e autorizzazioni
Inventario banche dati
Lettere d'incarico per responsabili e incaricati
Informative personalizzate per categorie di soggetti
Rilevazione automatica hardware e software installato
Modulo completamente integrato in Office 2003
  Professional

Formazione per il personale coinvolto nel trattamento
Versione speciale per consulenti
CONOSCERE LA LEGGE È IMPORTANTE, ADEGUARSI È OBBLIGATORIO.

Visita il sito www.dataprintgrafik.it!
A partire dal 31 ottobre 2005,
l'indirizzo areanews@dataprint.it non sarà più attivo.


Il nostro nuovo indirizzo è areanews@dataprintgrafik.it
La trasformazione non ha spazio

Unico 2005-Sul riporto delle perdite manca un quadro per consentire la deduzione delle società di persone. L'unica via d'uscita per le imprese è l'utilizzo di alcuni righi destinati a generiche variazioni in diminuzione

Le perdite pregresse sono fruibili dalla società di persone trasformata nel limite del reddito prodotto in ciascun esercizio ed eventualmente riportabili per l'eccedenza. A chiarirlo è l'agenzia delle Entrate con la risoluzione 60/E/05. Statuito il principio, si pone, tuttavia, un problema di compilazione poichè nel modello Unico per le società di persone non c'è spazio per accogliere ed evidenziare questo dato.

Il Sole 24 Ore -P. Meneghetti - art. pag. 27

Oggi a Lussemburgo il via alle norme su "Basilea 2"

Ecofin

E' previsto per oggi, da parte dei ministri economici dei 25 Paesi Ue, riuniti a Lussemburgo per la sessione dell'Ecofin, il via libera alle norme "Basilea 2" approvate in prima lettura dall'Europarlamento a fine settembre. Lo affermano fonti diplomatiche e comunitarie che considerano ormai chiusa la discussione sulla disciplina che assicurerà l'applicazione nei Paesi dell'Unione delle disposizioni sui fondi propri per le banche e le imprese di investimento adottate dal comitato di Basilea. Garantendo che i fondi propri delle istituzioni finanziarie siano più strettamente allineati ai rischi cui sono esposte, il nuovo "quadro" dovrebbe migliorare la protezione dei consumatori e rafforzare la stabilità finanziaria.

Il Sole 24 Ore - art. pag. 29

Studi di settore: aggiornata la "Guida" sul sito dell'Agenzia delle Entrate

Nella fase del contradditorio degli studi di settore, l'ufficio accertatore deve valutare attentamente le osservazioni formulate dai medesimi contribuenti e deve motivarne l'eventuale rigetto. Tuttavia, l'inversione dell'onere della prova è a carico del contribuente. Sono questi alcuni degli elementi contenuti nella "Guida agli studi di settore" aggiornata il 10 ottobre 2005, dall'Agenzia delle Entrate e disponibile sul sito www.agenziaentrate.it. La guida, che offre al contribuente le indicazioni su come difendersi qualora sia stato sottoposto alla procedura dell'accertamento da studi di settore, ricorda che colui che riceve un accertamento si può avvalere, oltre che alle regole sull'accertamento con adesione, anche dei normali mezzi di difesa previsti dalla norma (per ultimo, il ricorso alla Commissione tributaria provinciale, se non è stato raggiunto l'intesa in sede di concordato).

Il Sole 24 Ore - art. pag. 29

Legge 488, più aiuti al Centronord

Il decreto che introduce le nuove regole per le imprese all'esame della Conferenza stato-regioni. Finanziamento agevolato al 15%. Parte riservata alle pmi

La nuova 488 aumenta l'appeal della quota di finanziamento agevolato per i comuni del Centronord, Abruzzo e Molise. Le imprese potranno ottenere un finanziamento agevolato pari al 15% che si aggiunge alla parte di finanziamento in conto capitale e al finanziamento bancario. Mentre le percentuali degli indicatori, che consentono di aumentare il punteggio delle imprese per le graduatorie finali, incidono tra lo 0,5% e il 2% sulla ´votazione' finale. Inoltre un ruolo sempre più centrale sarà destinato alla parte del finanziamento bancario e agevolato a scapito di quello in conto capitale. Nessun limite è stato stabilito, infatti, al rapporto inversamente proporzionale che consente di vedere aumentare la quota di finanziamento agevolato o bancario rispetto a una contestuale riduzione del contributo in conto capitale. In pratica si potrà rinunciare integralmente al contributo in conto capitale per veder crescere della stessa percentuale quello del finanziamento bancario. Infine sarà necessario stipulare il contratto per il finanziamento bancario e il finanziamento agevolato dovrà essere stipulato entro 60 giorni dalla pubblicazione delle graduatorie. Sono queste alcune novità dei 16 articoli (che per un refuso passano da 15 a 17) del decreto interministeriale sulla legge 488, licenziata dal ministro delle attività produttive Claudio Scajola e sul tavolo della Conferenza stato-regioni che la esaminerà per il proprio parere la prossima settimana.

Italia Oggi - C. Bartelli - art. pag. 28

Carta d'identità elettronica al bivio

FINANZIARIA 2006/ I comuni gireranno all'erario le somme incassate. L'Anci: è la fine della Cie. Rilascio a pagamento, procedure come la tessera sanitaria

La carta d'identità elettronica sarà a pagamento e andrà a braccetto con la tessera sanitaria. Il rilascio del documento da parte dei comuni (o dell'Aire per i cittadini residenti all'estero) non sarà gratuito, ma si dovrà pagare un importo corrispondente alle spese di produzione e spedizione della tessera. I soldi incassati per la Cie non andranno nelle casse dei comuni, ma verranno da questi riversati all'erario per essere nuovamente riassegnati dal ministero dell'economia. Per quanto riguarda, invece, le procedure di emissione, diffusione e gestione del documento, si farà riferimento a quelle previste per la tessera sanitaria. Sono queste le novità più rilevanti in materia di carta d'identità elettronica contenute nel disegno di legge finanziaria per il 2006. Novità che però non piacciono ai comuni secondo i quali la manovra decreterebbe una volta per tutte il fallimento della Cie.

Italia Oggi - F. Cerisano - art. pag. 32

Informativa art. 13 D.lgs 196/2003 - Codice della Privacy

I dati da Voi forniti sono disciplinati dal Nuovo Testo Unico sulla Privacy (dlgs n.196 del 30 giugno 2003 - G.U. 29/07/2003) e saranno trattati sia in forma scritta, sia elettronica da personale incaricato, che potrà avere accesso ai soli dati necessari alla gestione delle attività del servizio richiesto. Potranno venire a conoscenza dei Suoi dati personali gli incaricati di segreteria interni, commercializzazione di beni e servizi, incaricati della contabilità e fatturazione nonché gli incaricati della gestione e manutenzione dei sistemi di elaborazione. I dati non saranno oggetto di comunicazione o diffusione a terzi, se non per i necessari adempimenti contrattuali o per obblighi di legge. Le ricordiamo infine che Le sono riconosciuti i diritti di cui all’art. 7 del D.lgs. 196/2003 in particolare, il diritto di accedere ai propri dati personali, di chiederne la rettifica, l’aggiornamento e la cancellazione, se incompleti, erronei o raccolti in violazione della legge, nonché di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi rivolgendo le richieste al Titolare del trattamento Data Print Grafik, Strada del Sabattino, 73 – 47896 Faetano (RSM) o scrivendo all’indirizzo e-mail: areanews@dataprintgrafik.it



Se non desideri ricevere ulteriori articoli della Rassegna Stampa/Newsletter Privacy/ArchiviOk.it
di Data Print Grafik, clicca qui per annullare la tua sottoscrizione.

Privacy
In conformità al D.Lgs. 196/2003, Testo unico della privacy sulla tutela dei dati personali, Data Print Grafik
garantisce la massima riservatezza dei dati e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica
scrivendo a areanews@dataprintgrafik.it.
Potrai prendere visione dell’informativa completa nella sezione Newsletter del nostro sito www.dataprintgrafik.it

Seguici su: Facebook Twitter