Rassegna stampa del 12 ottobre 2005
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Documento Programmatico sulla Sicurezza personalizzato
Assegnazione permessi e autorizzazioni
Inventario banche dati
Lettere d'incarico per responsabili e incaricati
Informative personalizzate per categorie di soggetti
Rilevazione automatica hardware e software installato
Modulo completamente integrato in Office 2003
  Professional

Formazione per il personale coinvolto nel trattamento
Versione speciale per consulenti
CONOSCERE LA LEGGE È IMPORTANTE, ADEGUARSI È OBBLIGATORIO.

Visita il sito www.dataprintgrafik.it!
A partire dal 31 ottobre 2005,
l'indirizzo areanews@dataprint.it non sarà più attivo.


Il nostro nuovo indirizzo è areanews@dataprintgrafik.it
Il consolidato perde di vista i crediti

Unico 2005-Nel gruppo di modelli al debutto quest'anno mancano i righi per il trasferimento delle eccedenze. Le indicazioni su agevolazioni alle Onlus e aumenti d'imposta per le coop sono giunte dopo le scadenze per il saldo

Lo slalom nel modello Unico 2005 alla ricerca di anomalie prosegue per le società che partecipano al consolidato fiscale relativamente ai crediti d'imposta trasferiti. L'ultimo periodo del comma 2 dell'articolo 118 del Tuir prevede infatti la possibilità per la controllante di cedere le eccedenze di credito Ires generato dalla dichiarazione consolidata (articolo 43-ter, Dpr 602/73). Le eccedenze possono essere cedute dalla consolidante alle controllate o ad altre società del gruppo, non solo incasso di interruzione o mancato rinnovo dell'opposizione per la tassazione consolidata, ma anche in ipotesi di tassazione di gruppo.

Il Sole 24 Ore - G.P. Tosoni - art. pag. 25

Ad alto rischio il decreto su Caf e Ici

Commercialisti: la decadenza sarebbe un'occasione sprecata

Rischia la decadenza il decreto legge 163/2005 che oltre a contenere misure urgenti sulle infrastrutture (dal Registro italiano dighe alla riforma dell'Anas), abilita alla compilazione dei "730" i commercialisti, gli esperti contabili e i consulenti del lavoro e riconosce l'esenzione dall'Ici agli edifici ecclesiastici usati per attività di assistenza, beneficenza, istruzione, educazione e cultura, anche se svolta in forma commerciale. La conversione in legge deve avvenire infatti entro il 17 ottobre, ma il lavoro della Camera, che deve dare il via libero definitivo al provvedimento, sarà monopolizzato fino a domani dall'esame della legge elettorale. Così il Ddl di conversione, che ieri era atteso in aula dopo il varo da parte della Commissione Bilancio, resta all'ordine del giorno della stessa commissione anche per la seduta di oggi. 

Il Sole 24 Ore - V. Melis - art. pag. 25

Cala il sipario sui Co.co.co.

Lunedì 24 ottobre scade l'ultima proroga per le collaborazioni coordinate e continuative. Ancora incerto il bilancio della transizione - I vincoli dell'unico precedente giurisprudenziale

Lunedì 24 ottobre calerà il sipario sulle collaborazioni coordinate e continuative. Scade infatti l'ultima delle "proroghe", quella per gli accordi sindacali stipulati in sede aziendale allo scopo di traghettare i "co.co.co." verso il lavoro a progetto o altre forme di lavoro subordinato (articolo 86 del decreto legislativo 276/03 e articolo 20 del decreto legislativo 251/04). La lunga parabola dei "co.co.co.", avviata all'inizio degli anni Settanta si chiude a due anni esatti dall'entrata in vigore del decreto legislativo 276/03 e a un anno dalla "scadenza" dei contratti non riconducibili a un progetto.

Il Sole 24 Ore - E. Marro - art. pag. 29

Passo indietro per il falso in bilancio

Il senato ha approvato il disegno di legge sul risparmio che passa alla camera per l'ok definitivo. Reato unico, senza soglie di punibilità e con sanzioni più alte

Stretta sul falso in bilancio. Che torna a essere unica fattispecie sanzionata a prescindere da soglie di punibilità e con sanzioni più alte (da uno a cinque anni più l'interdizione; da due a sei anni più l'interdizione se la società è quotata). Riforma della Banca d'Italia con l'introduzione del mandato a termine del governatore. Disciplina dei conflitti banche-imprese, disciplina più stringente per le società di revisione e paradisi fiscali. Al palo la riforma delle Authority, il passaggio delle competenze sulla concorrenza bancaria da Bankitalia all'Antitrust e di quelle sulla trasparenza bancaria alla Consob. Il senato ha approvato a maggioranza la riforma del risparmio che ora approda alla camera per la terza lettura. La seduta di aula è andata tranquillamente a segno con una selva di emendamenti dell'opposizione bocciati, così come l'ordine del giorno che impegnava il governo a verificare la permanenza delle condizioni di fiducia del governo nei confronti del governatore di Bankitalia, Antonio Fazio. L'aula ha praticamente confermato il testo delle commissioni riunite e ha introdotto due novità di rilievo: la riforma di Bankitalia proposta dal governo e la soppressione del tetto alla responsabilità civile per danni delle società di revisione.

Italia Oggi - C. Morelli - art. pag. 25

Stretta retroattiva sulle plusvalenze

È la conseguenza delle modifiche apportate all'articolo 87 del Tuir da parte del decreto fiscale. Rimane fermo a due anni il monitoraggio sulle svalutazioni

La stretta sulle plusvalenze esenti si estende anche ai periodi precedenti; ciò perché l'ampliamento del periodo di possesso necessario a far scattare l'esenzione in caso di plusvalenza non viene coordinato con l'allargamento del periodo di rilevanza delle svalutazioni effettuate in applicazione della disciplina transitoria della pex. Questi i riflessi delle modifiche apportate all'articolo 87 del Tuir a opera del dl n. 203 del 2005, così come illustrate dalla circolare Assonime n. 54 del 7 ottobre scorso.

Italia Oggi - A. Feliciano, G. Ripa - art. pag. 28

Informativa art. 13 D.lgs 196/2003 - Codice della Privacy

I dati da Voi forniti sono disciplinati dal Nuovo Testo Unico sulla Privacy (dlgs n.196 del 30 giugno 2003 - G.U. 29/07/2003) e saranno trattati sia in forma scritta, sia elettronica da personale incaricato, che potrà avere accesso ai soli dati necessari alla gestione delle attività del servizio richiesto. Potranno venire a conoscenza dei Suoi dati personali gli incaricati di segreteria interni, commercializzazione di beni e servizi, incaricati della contabilità e fatturazione nonché gli incaricati della gestione e manutenzione dei sistemi di elaborazione. I dati non saranno oggetto di comunicazione o diffusione a terzi, se non per i necessari adempimenti contrattuali o per obblighi di legge. Le ricordiamo infine che Le sono riconosciuti i diritti di cui all’art. 7 del D.lgs. 196/2003 in particolare, il diritto di accedere ai propri dati personali, di chiederne la rettifica, l’aggiornamento e la cancellazione, se incompleti, erronei o raccolti in violazione della legge, nonché di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi rivolgendo le richieste al Titolare del trattamento Data Print Grafik, Strada del Sabattino, 73 – 47896 Faetano (RSM) o scrivendo all’indirizzo e-mail: areanews@dataprintgrafik.it