Rassegna stampa del 21 ottobre 2005
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Documento Programmatico sulla Sicurezza personalizzato
Assegnazione permessi e autorizzazioni
Inventario banche dati
Lettere d'incarico per responsabili e incaricati
Informative personalizzate per categorie di soggetti
Rilevazione automatica hardware e software installato
Modulo completamente integrato in Office 2003
  Professional

Formazione per il personale coinvolto nel trattamento
Versione speciale per consulenti
CONOSCERE LA LEGGE È IMPORTANTE, ADEGUARSI È OBBLIGATORIO.

Visita il sito www.dataprintgrafik.it!
A partire dal 31 ottobre 2005,
l'indirizzo areanews@dataprint.it non sarà più attivo.


Il nostro nuovo indirizzo è areanews@dataprintgrafik.it

Fatture online più vigilate

Le indicazioni della circolare 45/E ampliano le possibilità degli ispettori. I documenti devono essere sempre stampabili e masterizzabili anche se sono in mano a terzi

La gestione e conservazione delle fatture e dei registri in formato elettronico modifica anche i rapporti con il Fisco. In effetti, il decreto legislativo 52/04 ha integrato in modo sostanziale l'articolo 52 del Dpr 633/72, introducendo nuove regole sia per quanto riguarda i poteri di controllo dell'amministrazione fiscale che per quanto riguarda gli adempimenti che i contribuenti devono porre in essere per poter rispondere in modo corretto alle richieste dell'amministrazione tributaria.
I contribuenti secondo il nuovo quadro normativo (circolare 45/E/2005 dell'Agenzia delle entrate) possono conservare le fatture elettroniche su un supporto informatico e tale supporto può essere localizzato presso l'operatore o presso terzi e addirittura presso un Paese diverso dall'Italia a condizione che questo Paese abbia con l'Italia uno strumento giuridico di reciproca assistenza. In quest'ultimo caso il contribuente deve assicurare d'accesso automatizzato all'archivio; deve garantire che tutti i documenti e i dati in esso contenuti, compresi i certificati relativi alla sottoscrizione elettronica, siano stampabili e trasferibili su altro supporto informatico.

Il Sole 24 Ore - B. Santacroce - art. pag. 25


 

Firma digitale pronta per gli adempimenti Iva

Gli elementi essenziali al funzionamento sono già disponibili

Con la circolare dell'agenzia delle Entrate n.45/E del 19 ottobre, la fatturazione elettronica e svincolata dalla "carta" si appresta a diventare una realtà, che consentirà consistenti risparmi nella gestione del ciclo di fatturazione.
La fatturazione "paperless" - che non va confusa con la possibilità di trasmettere l'immagine di una fattura cartacea via fax o e-mail (già consentita dal fisco dal 1988) - nasce con il Dlgs 52/2004. Ora la carta sparisce del tutto. Ma per questo occorrono essenzialmente tre componenti: -la sottoscrizione elettronica "qualificata" (in pratica la firma digitale, peraltro già distribuita, per la stragrande maggioranza dal sistema delle Camere di commercio a circa 2 milioni di imprenditori); l'elenco dei certificatori abilitati all'erogazione dei servizi di firma elettronica qualificata può essere consultato sul sito www.cnipa.gov.it -un sistema di trasmissione affidabile e un sistema di archiviazione "sostitutiva".

Il Sole 24 Ore - M. Pirazzini - art. pag. 25

Bilanci, neutralità a rischio

Unico 2005 - Il disinquinamento potrebbe portare a componenti di reddito tassabili ai fini Ires. Restano i dubbi sull'eliminazione delle interferenze fiscali non segnalate nella nota integrativa

Con la scadenza a fine mese di Unico 2005 terna in pista l'esclusione da Ires del disinquinamento dei vecchi bilanci. In questo ambito tuttavia non è raro il caso in cui le società abbiano inquinato i bilanci di esercizio, mediante rettifiche di valore e accantonamenti. Misure finalizzate esclusivamente a ottenere benefici fiscali, senza però darne notizia in nota integrativa. Così contrariamente a quanto previsto dal n. 14 del precedente articolo 2427 del Codice Civile, è stata omessa l'indicazione delle informazioni relative ai motivi e agli importi delle "interferenze fiscali".

Il Sole 24 Ore - R. Valacca - art. pag. 29

 

Il Garante: per i Comuni archivi a prova di privacy

Voto a Roma: indagine chiusa

Il primo punto fermo l'ha messo il Garante della privacy con  un provvedimento reso noto ieri: tra il 9 e il 14 marzo di quest'anno, sotto elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale, l'archivio anagrafico del Comune di Roma è stato oggetto di interrogazioni illecite da parte della Laziomatica Spa, la società informatica della Regione, con la quale il municipio capitolino ha firmato nel 2004 un protocollo d'intesa. In quei giorni, scrive il Garante, si sono verificati "accessi in grande quantità, effettuati in singolari circostanze (utilizzo di password altrui, consultazioni in orari non di servizio, notturni e festivi; asseriti interventi di manutenzione che hanno determinato la cancellazione d dati di tracciamento degli accessi)", che hanno consentito di consultare dati personali relativi a documenti di identità. La questione è finita da subito nelle mani della magistratura, la quale ora può contare anche sul materiale raccolto dall'Authority della riservatezza nel corso della propria indagine.

Il Sole 24 Ore - A. Cherchi - art. pag. 31

 
La concorrenza è delegittimante

STUDI DI SETTORE/ Sentenza Ctp Gorizia.

La concorrenza uccide anche lo studio di settore. Infatti, tra le cause che l'ufficio tributario deve tenere in considerazione prima di emettere l'avviso di accertamento derivante dall'applicazione degli studi di settore, vi è anche quella di considerare, tra i fattori che possono inficiare sulla piena aderenza al dato reale da quanto emerso dall'applicazione dello studio di settore, anche lo svolgimento di attività similari in prossimità della ditta sottoposta alla ricostruzione dei ricavi con tale meccanismo presuntivo. Ad affermarlo è la seconda sezione della commissione tributaria provinciale di Gorizia, nella motivazione della sentenza n.106, depositata lo scorso 29 agosto 2005.

Italia Oggi - A. G. Paladino - art. pag. 36

Informativa art. 13 D.lgs 196/2003 - Codice della Privacy

I dati da Voi forniti sono disciplinati dal Nuovo Testo Unico sulla Privacy (dlgs n.196 del 30 giugno 2003 - G.U. 29/07/2003) e saranno trattati sia in forma scritta, sia elettronica da personale incaricato, che potrà avere accesso ai soli dati necessari alla gestione delle attività del servizio richiesto. Potranno venire a conoscenza dei Suoi dati personali gli incaricati di segreteria interni, commercializzazione di beni e servizi, incaricati della contabilità e fatturazione nonché gli incaricati della gestione e manutenzione dei sistemi di elaborazione. I dati non saranno oggetto di comunicazione o diffusione a terzi, se non per i necessari adempimenti contrattuali o per obblighi di legge. Le ricordiamo infine che Le sono riconosciuti i diritti di cui all’art. 7 del D.lgs. 196/2003 in particolare, il diritto di accedere ai propri dati personali, di chiederne la rettifica, l’aggiornamento e la cancellazione, se incompleti, erronei o raccolti in violazione della legge, nonché di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi rivolgendo le richieste al Titolare del trattamento Data Print Grafik, Strada del Sabattino, 73 – 47896 Faetano (RSM) o scrivendo all’indirizzo e-mail: areanews@dataprintgrafik.it