Rassegna stampa del 25 ottobre 2005
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Documento Programmatico sulla Sicurezza personalizzato
Assegnazione permessi e autorizzazioni
Inventario banche dati
Lettere d'incarico per responsabili e incaricati
Informative personalizzate per categorie di soggetti
Rilevazione automatica hardware e software installato
Modulo completamente integrato in Office 2003
  Professional

Formazione per il personale coinvolto nel trattamento
Versione speciale per consulenti
CONOSCERE LA LEGGE È IMPORTANTE, ADEGUARSI È OBBLIGATORIO.

Visita il sito www.dataprintgrafik.it!
A partire dal 31 ottobre 2005,
l'indirizzo areanews@dataprint.it non sarà più attivo.


Il nostro nuovo indirizzo è areanews@dataprintgrafik.it

Dai curatori solo l'Iva annuale

Unico 2005 - Invio online entro il 31 ottobre anche per le imprese sottoposte a procedure concorsuali. Un nuovo prospetto per monitorare Srl e Spa. I modelli vanno però trasmessi in via autonoma e per gli altri adempimenti sono previsti termini mobili

La scadenza del 31 ottobre per l'invio telematico delle dichiarazioni fiscali riguarda anche i curatori fallimentari e i commissari liquidatori ma solo per l'Iva annuale. Gli adempimenti per le altre dichiarazioni devono invece rispettare i termini mobili. Fallimento e liquidazione coatta amministrativa sono assoggettati a una normativa fiscale particolare, che comporta il totale "smembramento" della dichiarazione unificata. Infatti, la dichiarazione dei redditi deve essere spedita in via autonoma, perchè riguarda solo il reddito d'impresa (quindi permane l'obbligo per il fallito di dichiarare gli altri suoi redditi personali nei modi ordinari), ed abbraccia l'intero periodo dei durata della procedura. 

Il Sole 24 Ore - G. Pel. - art. pag. 27


 

La fattura digitale allontana il reato

Fisco elettronico - Più tutela per le aziende

L'adozione della fatturazione elettronica e dell'archiviazione sostitutiva di cui al decreto legislativo 52/04 e del decreto ministeriale 23 gennaio 2004 e alla recentissima circolare delle Entrate 45/E del 19 ottobre costituisce un elemento importante nella costruzione dei modelli organizzativi e di funzionamento necessari all'impresa per evitare l'applicazione delle sanzioni amministrative derivanti da comportamenti illeciti dei propri organi di direzione. In effetti, l'adozione della particolare modalità informatica della gestione fiscale delle transazioni commerciali risponde in pieno alle esigenze di trasparenze e di controllo richieste dal Dlgs 231/2001, determinando una sorta di rete invisibile e incancellabile che lega le operazioni ai comportamenti dei singoli soggetti che gestiscono per le imprese i rapporti esterni con fornitori e clienti. 

Il Sole 24 Ore - B. Santacroce - art. pag. 28

Gli studi di settore verso la proroga

Brunello (a.d. Sose): presto il parere della commissione per la revisione per 650 mila contribuenti. Durerà un anno in più il monitoraggio svolto sui professionisti

Gli studi di settore dei professionisti potrebbero avviarsi verso un altro anno di monitoraggio. Il che significa che potrebbe essere decisa una proroga del periodo di applicazione sperimentale, come già avviene oggi, che non consentirà all'amministrazione finanziaria di utilizzare gli studi come strumenti di accertamento automatico dei redditi. La possibile apertura è annunciata da Giampiero Brunello, che oltre a essere amministratore delegato della Sose, la Società per gli studi di settore, è presidente della commissione di esperti. Cioè dell'organo che, investito del compito di fornire un parere prima dell'approvazione definitiva degli studi, entro gennaio deciderà se suggerire o meno all'Agenzia delle entrate di prolungare di un anno il monitoraggio. Infine Brunello anticipa che per fine novembre è previsto un parere della commissione su metà dei 57 studi che il ministero ha messo in revisione per il 2005 con il coinvolgimento di circa 650 mila contribuenti.

Italia Oggi  - S. Sansonetti - art. pag. 27

 

 

Il consolidato spiazzato dalla pex

Le critiche al dl 205/2005 sono mosse dalla circolare del Consorzio studi del gruppo Sanpaolo Imi. La stretta sulle plusvalenze è di ostacolo alla riorganizzazione

La stretta sulle plusvalenze spiazza il consolidato fiscale; ciò perché la penalizzazione introdotta, assieme all'impossibilità di fruire del regime di neutralità per le cessioni infragruppo, crea un grosso ostacolo alle riorganizzazioni societarie. L'esenzione parziale genera poi problemi di coordinamento soprattutto in relazione ai titoli derivati a copertura e ai diritti di opzione. Queste alcune delle critiche che la circolare del Consorzio studi e ricerche fiscali del gruppo Sanpaolo Imi n 6/2005 del 21 ottobre 2005 esprime nei confronti del decreto legge n. 203/2005, con particolare riferimento alla disposizione che ha limitato il regime di esenzione sulle plusvalenze da cessione di partecipazioni.

Italia Oggi - A. Felicioni - art. pag. 30

 
Fisco federale, la Sicilia è apripista

Gli effetti del dlgs attuativo dello statuto dell'isola. I governatori dell'Unione: un regalo elettorale. Alla regione i tributi delle imprese. Presto anche in Sardegna

Il federalismo fiscale parla siciliano. E presto anche sardo. D'ora in avanti le imprese che hanno stabilimenti in Sicilia, ma sede legale fuori dal territorio della regione, dovranno versare una quota dei redditi nelle casse dell'amministrazione guidata da Salvatore Cuffaro. Che provvederà da sé a riscuotere le imposte. Con l'approvazione da parte del consiglio dei ministri di venerdì scorso dello schema di decreto legislativo che dà attuazione all'art.37 dello statuto siciliano, il governo ha chiuso un contenzioso quarantennale tra la regione e lo stato centrale. E ha deciso di fare altrettanto con la Sardegna.

Italia Oggi - F. Cerisano - art. pag. 31

Informativa art. 13 D.lgs 196/2003 - Codice della Privacy

I dati da Voi forniti sono disciplinati dal Nuovo Testo Unico sulla Privacy (dlgs n.196 del 30 giugno 2003 - G.U. 29/07/2003) e saranno trattati sia in forma scritta, sia elettronica da personale incaricato, che potrà avere accesso ai soli dati necessari alla gestione delle attività del servizio richiesto. Potranno venire a conoscenza dei Suoi dati personali gli incaricati di segreteria interni, commercializzazione di beni e servizi, incaricati della contabilità e fatturazione nonché gli incaricati della gestione e manutenzione dei sistemi di elaborazione. I dati non saranno oggetto di comunicazione o diffusione a terzi, se non per i necessari adempimenti contrattuali o per obblighi di legge. Le ricordiamo infine che Le sono riconosciuti i diritti di cui all’art. 7 del D.lgs. 196/2003 in particolare, il diritto di accedere ai propri dati personali, di chiederne la rettifica, l’aggiornamento e la cancellazione, se incompleti, erronei o raccolti in violazione della legge, nonché di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi rivolgendo le richieste al Titolare del trattamento Data Print Grafik, Strada del Sabattino, 73 – 47896 Faetano (RSM) o scrivendo all’indirizzo e-mail: areanews@dataprintgrafik.it