Rassegna stampa del 28 ottobre 2005
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

 Attenzione! Il servizio di Rassegna stampa verrà sospeso fino a martedì 1 novembre. Riprenderà regolarmente mercoledì 2 novembre 2005.

 

Documento Programmatico sulla Sicurezza personalizzato
Assegnazione permessi e autorizzazioni
Inventario banche dati
Lettere d'incarico per responsabili e incaricati
Informative personalizzate per categorie di soggetti
Rilevazione automatica hardware e software installato
Modulo completamente integrato in Office 2003
  Professional

Formazione per il personale coinvolto nel trattamento
Versione speciale per consulenti
CONOSCERE LA LEGGE È IMPORTANTE, ADEGUARSI È OBBLIGATORIO.

Visita il sito www.dataprintgrafik.it!
A partire dal 31 ottobre 2005,
l'indirizzo areanews@dataprint.it non sarà più attivo.


Il nostro nuovo indirizzo è areanews@dataprintgrafik.it

Per l'Irap un'udienza straordinaria

L'imposta contestata tornerà all'esame degli eurogiudici a metà dicembre per un approfondimento supplementare. Sarà ridiscussa l'equivalenza sostanziale rispetto all'Iva

A sorpresa, si riapre nelle aule della Corte di giustizia la partita sulla legittimità dell'Irap: i giudici europei hanno infatti deciso che si dovrà tenere una nuova udienza, con tutta probabilità il 14 dicembre. Un altro dibattimento è perciò in vista per la celeberrima causa tra Banca popolare di Cremona e agenzia delle Entrate, che ha messo a repentaglio un flusso di imposte di oltre  120 miliardi di euro (arretrati compresi) alle Regioni italiane. Non solo. L'elemento più inatteso è che la nuova udienza sarà a tutto campo. Non riguarderà cioè solo la questione degli effetti temporali della sentenza. Verrà rimesso in gioco il nodo principale, ovvero il "teorema" prospettato dalla Commissione Europea, dell'equivalenza sostanziale dell'Irap all'Iva. Quell'equazione che, ai sensi dell'articolo 33 della VI direttiva Iva (77/388) renderebbe l'Irap illegittima.

Il Sole 24 Ore - E. Brivio - art. pag. 23


 

Deduzioni, vincolo sulle riserve

Unico 2005 -  Per le operazioni extra-contabili su ammortamenti e rettifiche di valore si compila il quadro EC. La possibilità estesa a società di capitali, imprenditori e società di persone con periodo d'imposta "regolare"

Nel modello Unico 2005 - che va inviato online entro lunedì - per i contribuenti con periodo d'imposta coincidente con l'anno solare è presente anche il quadro EC relativo alla deduzione extra-contabile dei componenti negativi di reddito. Le società di capitali, gli imprenditori e le società di persone in contabilità ordinaria devono infatti applicare le regole sulla deduzione extra-contabile degli ammortamenti, delle altre rettifiche di valore e degli accantonamenti, se intendono dedurre fiscalmente i componenti negativi non imputati a conto economico. Gli stessi soggetti devono anche compilare il quadro EC per neutralizzare gli eventuali effetti delle disposizioni sull'inquinamento fiscale del bilancio di esercizio.

Il Sole 24 Ore - S. Giovagnoli, C. Mezzetti - art. pag. 24

Per il consolidato nel 2005 opzione all'ultima chiamata

Il 31 ottobre scade il termine per l'invio alle Entrate. Per gli esercizi a cavallo d'anno la proroga non ha effetto

Il 31 ottobre scade il termine per trasmettere alle Entrate il modello per l'opzione da parte delle società controllanti che intendono avviare la tassazione di gruppo a partire dal 2005. Per le società che avevano già attivato il consolidato fiscale dall'esercizio precedente, nessuna ulteriore comunicazione deve effettuarsi a meno che non si intenda far entrare nuove società controllate in precedenza escluse.

Il Sole 24 Ore - L. Gaiani - art. pag. 25


 

La giustizia tributaria cambia pelle

La commissione finanze del senato ha approvato il dl fiscale. Sul 730 spazio ai professionisti. Tribunali al posto delle commissioni. E competenze a 360°

La giustizia tributaria cambia forma e contenuto. Da una parte si amplia il perimetro della giurisdizione fiscale, che si occuperà anche dei canoni per l'occupazione di aree pubbliche, dei canoni per lo smaltimento dei rifiuti urbani e per lo scarico di acque reflue, nonché dei canoni comunali sulla pubblicità; dall'altra le commissioni tributarie provinciali e regionali prenderanno il nome rispettivamente di tribunali tributari e corti d'appello tributarie. In più viene eliminato il mandato decennale dei magistrati fiscali, sostituito con un meccanismo di rotazione dei giudici da una sezione all'altra della stesso organo giudicante.
È questa una delle principali novità contenute negli emendamenti al decreto legge fiscale (n. 203/05), collegato alla manovra, approvati ieri dalla commissione finanze del senato, che in serata ha dato il via libera definitivo al provvedimento. Ma il decreto, che passerà all'esame dell'aula il 7 novembre assieme alla legge finanziaria, esce dall'esame in commissione con altri importanti cambiamenti, a cominciare dal riconoscimento del modello fiscale 730 anche a dottori commercialisti e ragionieri.

Italia Oggi - S. Sansonetti - art. pag. 26


 
Software, l'Iva non fa distinzioni

Per la Corte europea si tratta di prestazione di servizi. Territorialità in base alla VI direttiva. Cessione e adattamento costituiscono un'operazione unica

La cessione di software standard e il successivo adattamento, essenziale per consentirne l'utilizzazione, costituisce un'operazione unica agli effetti dell'Iva, anche se nel contratto siano stati previsti prezzi distinti. Tale operazione, qualora risulti predominante l'adattamento, deve essere qualificata come prestazione di servizi, la cui territorialità è determinata in applicazione del criterio speciale indicato nel par. 2, lett. e), dell'art. 9 della sesta direttiva (domicilio del committente). Sono i principi affermati dalla Corte di giustizia Ue nella sentenza C-41/04 di ieri. Il caso riguardava una società di assicurazioni olandese che aveva concluso con una società americana un contratto per l'acquisto di un programma informatico, con licenza d'uso illimitata non cedibile, per 713 mila dollari. Il contratto prevedeva anche che la società statunitense avrebbe adattato il programma standard per consentirne l'uso da parte dell'acquirente; il prezzo dell'adattamento, consistente nella traduzione in olandese e in alcune modifiche necessarie per permettere la gestione delle intermediazioni, era stato convenuto in un minimo di 793 mila e un massimo di 970 mila dollari. La società fornitrice si impegnava inoltre a installare il programma standard e l'adattamento nel sistema informatico dell'acquirente e a tenere un corso di formazione per il personale, in cambio di due pagamenti di 7.500 dollari, nonché al collaudo generale. Sul presupposto che l'acquisto del software, svolto in Usa, fosse un'operazione autonoma rispetto al successivo adattamento, la società olandese riteneva di dover versare l'Iva soltanto sugli importi pagati per l'adattamento del programma, per l'installazione e per la formazione del personale. Il fisco aveva invece preteso l'Iva su tutti gli importi versati alla società statunitense, sul presupposto che si trattasse di un'unica operazione.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 28

Informativa art. 13 D.lgs 196/2003 - Codice della Privacy

I dati da Voi forniti sono disciplinati dal Nuovo Testo Unico sulla Privacy (dlgs n.196 del 30 giugno 2003 - G.U. 29/07/2003) e saranno trattati sia in forma scritta, sia elettronica da personale incaricato, che potrà avere accesso ai soli dati necessari alla gestione delle attività del servizio richiesto. Potranno venire a conoscenza dei Suoi dati personali gli incaricati di segreteria interni, commercializzazione di beni e servizi, incaricati della contabilità e fatturazione nonché gli incaricati della gestione e manutenzione dei sistemi di elaborazione. I dati non saranno oggetto di comunicazione o diffusione a terzi, se non per i necessari adempimenti contrattuali o per obblighi di legge. Le ricordiamo infine che Le sono riconosciuti i diritti di cui all’art. 7 del D.lgs. 196/2003 in particolare, il diritto di accedere ai propri dati personali, di chiederne la rettifica, l’aggiornamento e la cancellazione, se incompleti, erronei o raccolti in violazione della legge, nonché di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi rivolgendo le richieste al Titolare del trattamento Data Print Grafik, Strada del Sabattino, 73 – 47896 Faetano (RSM) o scrivendo all’indirizzo e-mail: areanews@dataprintgrafik.it