Rassegna stampa del 22 novembre 2005
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

PATENTINO PRIVACY

Patentino Privacy è lo strumento che permette l'adempimento dell'obbligo di formazione per responsabili ed incaricati previsto dal punto 19.6 del disciplinare tecnico.
Il cd-rom contiene:

il corso multimediale
il codice identificativo
il link a cui è possibile collegarsi per sostenere l'esame


Rispondendo correttamente alle domande dei consulenti di Data Print Grafik, verra' rilasciata una certificazione di frequenza valida ai fini di legge.

CONOSCERE LA LEGGE È IMPORTANTE, ADEGUARSI È OBBLIGATORIO.

Visita il sito www.dataprintgrafik.it!
Dal 31 ottobre 2005,
l'indirizzo areanews@dataprint.it non è più attivo.


Il nostro nuovo indirizzo è areanews@dataprintgrafik.it
Sull'acconto pesa la stretta

A fine mese scade il termine dei versamenti ma su Ires e Irap può incidere il Dl fiscale.  Nuove misure in arrivo su ammortamenti e leasing. Primo ravvedimento il 30 dicembre

Più di dieci milioni di contribuenti sono chiamati alla cassa per l'acconto 2005. Scade infatti mercoledì 30 novembre il termine per versare il secondo o unico acconto di imposte e contributi. La scadenza riguarda i contribuenti di Unico 2005, persone fisiche, società di persone e soggetti assimilati, comprese le società di capitali e gli enti non commerciali con periodo d'imposta che coincide con l'anno solare. L'obbligo si estende al modello 730/2005, anche se il versamento viene effettuato dai sostituti d'imposta con trattenuta Irpef in busta paga o dalla pensione. Per le imprese invece quest'anno i calcoli sono complicati dalle novità previste ai fini Ires e Irap dal decreto legge 203/05, ora all'esame della Camera.  

Il Sole 24 Ore - T. Morina - art. pag. 23

Conferimenti neutrali per i privati

È l'effetto delle disposizioni del correttivo Ires, approvato venerdì scorso, combinato con il dl fiscale. La convenienza della permuta passa anche dalla rivalutazione

Il correttivo Ires apre ai conferimenti neutrali di partecipazioni anche per i privati. Combinato con la riapertura della rivalutazione delle partecipazioni per i privati garantisce, infatti, un doppio vantaggio da sfruttare appieno. È l'effetto delle disposizioni introdotte dal correttivo Ires, approvato venerdì scorso in consiglio dei ministri, in tema di scambi domestici di partecipazioni se letto alla luce della nuova possibilità offerta dal dl fiscale (n. 203/05) in tema di partecipazioni in società non quotate per le persone fisiche.

Italia Oggi - A. Felicioni, G. Ripa - art. pag. 33

Banche, acconto bollo da febbraio

Circolare dell'Agenzia delle entrate illustra gli adempimenti previsti dal decreto legge 282/2004. Entro novembre assicurazioni alla cassa per versare l'imposta

L'acconto dell'imposta di bollo virtuale che banche, poste e società finanziarie devono versare entro il 30 novembre potrà essere scomputato, a partire da febbraio 2006, anche in sede di versamento del conguaglio 2005. Sempre entro il 30 novembre le compagnie assicuratrici devono versare l'acconto dell'imposta sulle assicurazioni; all'adempimento sono tenute anche le società stabilite in altri stati membri della Comunità. È quanto chiarisce l'Agenzia delle entrate con la circolare n. 49, emanata ieri per illustrare le disposizioni in materia di acconto dell'imposta di bollo e sulle assicurazioni introdotte con il dl n. 282/2004.

Italia Oggi - R. Rosati - art. pag. 34

Motivi di salute tutti da provare

STUDI DI SETTORE/ Sentenza Ctp di Mantova.

Per giustificare la non congruità dagli studi di settore dovuta a una diminuzione della capacità lavorativa per motivi di salute, occorre la prova, in quanto trattandosi di accertamento induttivo ricade sul contribuente l'onere di dimostrare l'infondatezza del maggior reddito accertato. Lo ha affermato la quinta sezione della commissione tributaria provinciale di Mantova, nella motivazione della sentenza n.62 depositata l'8 luglio 2005 (su www.finanzaefisco.it). Nei fatti oggetto della sentenza, un contribuente impugnava l'avviso di accertamento notificatogli dal competente ufficio delle entrate relativa all'anno d'imposta 1999, con cui, a seguito dell'applicazione degli studi di settore ex art. 62-bis del dl 331/93, i suoi redditi venivano dichiarati non congrui e pertanto rettificati. In sua difesa, eccepiva preliminarmente sulla natura della rettifica operata dall'ufficio tributario in quanto basata su studi di settore dal carattere specificatamente non determinato e quindi non basata su prove certe, gravi e concordanti.

Italia Oggi - A. G. Paladino - art. pag. 34