Se non vedi correttamente la Rassegna Stampa clicca qui

Rassegna stampa del 29 novembre 2005
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Documento Programmatico sulla Sicurezza personalizzato
Assegnazione permessi e autorizzazioni
Inventario banche dati
Lettere d'incarico per responsabili e incaricati
Informative personalizzate per categorie di soggetti
Rilevazione automatica hardware e software installato
Modulo completamente integrato in Office 2003
  Professional

Formazione per il personale coinvolto nel trattamento
Versione speciale per consulenti
CONOSCERE LA LEGGE È IMPORTANTE, ADEGUARSI È OBBLIGATORIO.

Visita il sito www.dataprintgrafik.it
Dal 31 ottobre 2005,
l'indirizzo areanews@dataprint.it non è più attivo.


Il nostro nuovo indirizzo è areanews@dataprintgrafik.it
Sul Tfr un ricalcolo con svista

Perplessità al debutto delle comunicazioni di liquidazione del trattamento di fine rapporto. In alcuni casi gli uffici modificano l'imposta applicata dal datore sulla quota maturata al 31 dicembre 2000

Rischio errori nelle comunicazioni di liquidazione del Tfr. In queste settimane sono in arrivo le prime comunicazioni degli esiti  della liquidazione automatizzata del trattamento di fine rapporto corrisposto nel 2001 così come previsto dalla Finanziaria dello scorso anno , ma la procedura di ricalcolo effettuata dagli uffici modifica, e non dovrebbe farlo, l'imposta applicata dal datore di lavoro sulla quota di Tfr maturata fino al 31 dicembre 2000. L'errore, quando si verifica, può essere sia a vantaggio sia a svantaggio del contribuente.

Il Sole 24 Ore - M. Magnani - art. pag. 25

Sugli elenchi telefonici privacy a tutela piena

L'inserimento in banca dati è illecito se non c'è informativa agli interessati

L'inserzione in rete dei nuovi elenchi telefonici ha reso operativa la disciplina europea secondo cui i dati degli abbonati sono utilizzabili solo per permettere alle persone di ricercare contatti utili nelle relazioni interpersonali. E' possibile un loro uso per pubblicità e promozioni solo se i cittadini hanno espresso al loro fornitore un "sì", informato e consapevole, a ricevere comunicazioni a casa o per telefono (consenso risultante dalla "cornette" e dalla "bustina" apposte sugli elenchi). Gli unici elenchi utilizzabili per comunicazioni pubblicitarie o promozionali sono quelli aventi le caratteristiche indicate dall'Autorità nel provvedimento del 15 luglio 2004 e non si può eludere la volontà degli abbonati continuando ad utilizzare come se nulla fosse i vecchi elenchi (cartacei, su Cd Roma o on-line).

Il Sole 24 Ore - F. Pizzetti - art. pag. 27

Le fatture elettroniche all'espatrio

In Gazzetta Ufficiale il provvedimento dell'Agenzia delle entrate con le specifiche tecniche di invio. Fissate le modalità di conservazione dei documenti all'estero

Tutto pronto per ´l'espatrio' delle fatture elettroniche: le istruzioni per la conservazione all'estero delle fatture digitali sono state infatti completate con un provvedimento dell'11 novembre 2005, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 275 del 25 novembre 2005, con il quale l'Agenzia delle entrate ha approvato le nuove specifiche tecniche per l'invio telematico dei modelli anagrafici AA7 e AA9. L'aggiornamento dei tracciati per la trasmissione dei modelli si deve, appunto, alle innovazioni introdotte in materia di fatturazione elettronica con il dlgs n. 52/2004, attuativo della direttiva n. 115 del 2001, recepite con la circolare dell'amministrazione finanziaria n. 45 del 19 ottobre 2005. L'Agenzia delle entrate ha chiarito che ai fini della comunicazione del luogo di conservazione delle fatture, anche fuori dal territorio dello stato, come previsto dall'art. 39, devono essere utilizzati i modelli di comunicazione anagrafica Iva AA7 e AA9, rispettando i termini previsti, per l'inoltro di queste comunicazioni, dall'articolo 35 del dpr 633/72, ovverosia 30 giorni dall'evento.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 25

Accesso blindato alla trasparenza

È un'ulteriore conseguenza che si può trarre dal parere n. 27 del comitato per le norme antielusive. Fortemente limitate anche le modifiche all'assetto societario

Accesso blindato alla trasparenza fiscale. La rigida interpretazione delle norme antielusive limita anche le operazioni straordinarie volte a precostituire i requisiti di accesso al regime opzionale per le piccole srl partecipate da persone fisiche. Così, solo la modifica della compagine sociale volta, per esempio, a eliminare soggetti interposti tra la partecipata e i soci interessati, non passa al vaglio del comitato consultivo per l'applicazione delle norme antielusive. Il parere n. 27 del 16 novembre scorso del comitato per l'applicazione delle norme antielusive conferma, al di là della sindacabilità delle motivazioni addotte in sede di valutazione fiscale dell'operazione, che la libera iniziativa dei contribuenti è sempre più spesso affossata dalle troppo severe interpretazioni delle norme antielusive disseminate nel Testo unico.

Italia Oggi - A. Felicioni - art. pag. 28

     


Se non desideri ricevere ulteriori articoli della Rassegna Stampa/Newsletter Privacy/ArchiviOk.it
di Data Print Grafik, clicca qui per annullare la tua sottoscrizione.

Privacy
In conformità al D.Lgs. 196/2003, Testo unico della privacy sulla tutela dei dati personali, Data Print Grafik
garantisce la massima riservatezza dei dati e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica
scrivendo a areanews@dataprintgrafik.it.
Potrai prendere visione dell’informativa completa nella sezione Newsletter del nostro sito www.dataprintgrafik.it

Seguici su: Facebook Twitter