Se non vedi correttamente la Rassegna Stampa clicca qui

Rassegna stampa del 09 dicembre 2005
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

  Documento Programmatico sulla Sicurezza personalizzato
Assegnazione permessi e autorizzazioni
Inventario banche dati
Lettere d'incarico per responsabili e incaricati
Informative personalizzate per categorie di soggetti
Rilevazione automatica hardware e software installato
Modulo completamente integrato in Office 2003 Professional
Formazione per il personale coinvolto nel trattamento
Versione speciale per consulenti

 

CONOSCERE LA LEGGE È IMPORTANTE, ADEGUARSI È OBBLIGATORIO.

Visita il sito www.dataprintgrafik.it


Irap, la Ue salva il bonus assunzioni

 

Via libera della Commissione Ue allo sconto per gli incrementi occupazionali contenuta nel Dl competitività. La decisione non cambia l'orientamento comunitario sulla natura dell'imposta. Mercoledì nuova udienza alla Corte di giustizia o

E' scattato il semaforo verde a Bruxelles per le agevolazioni Irap finalizzate alla creazione di nuovi posti di lavoro, varate con il Dl competitività (35/2005). Via libera della Commissione europea sia alle deduzioni generalizzate da applicare su tutto il territorio italiano, non ritenute aiuti di Stato, sia agli sgravi più accentuati per il Sud, che sono stati invece qualificati come aiuti di Stato ma compatibili con i Trattati europei in virtù del chiaro vincolo alla creazione di nuova occupazione in aree in ritardo di sviluppo.


Il Sole 24 Ore - E. Brivio - art. pag. 25





Il saldo Ici punta alla cassa

 

Fino al 20 pagamenti senza sanzioni, ravvedimento entro il 19 gennaio. Non sempre il conto è uguale a quello di giugno. Mano pesante sulle nuove aree edificabili

Ai contribuenti restano 12 giorni per il saldo Ici 2005 senza sanzioni. La scadenza è infatti fissata per martedì 20 dicembre. Per calcolare correttamente l'imposta comunale sugli immobili occorre tenere conto di quanto versato con l'acconto: l'importo della prima rata, il cui versamento avrebbe dovuto essere effettuato entro il 30 giugno, è normalmente pari al 50% dell'imposta dovuta, calcolata secondo l'aliquota e le detrazioni dei dodici mesi dell'anno precedente. La seconda rata, ora in scadenza, pari al saldo dell'Ici, è invece calcolata secondo l'aliquota e le detrazioni deliberate dal Comune per il 2005.


Il Sole 24 Ore - R. Arduini - art. pag. 27





Deducibili le spese per convention

 

Il comitato per l'applicazione delle norme antielusive distingue tra rappresentanza e pubblicità. La condizione è che si verifichi un incremento del fatturato

Spese per le convention deducibili se correlate a un incremento del fatturato. Il comitato consultivo per l'applicazione delle norme antielusive nel parere n. 26/2005 continua la sua opera di identificazione del confine tra spese di pubblicità e rappresentanza, ma prima ancora di qualificazione degli oneri ordinariamente deducibili. Questa volta ha considerato deducibili le spese di vitto e alloggio sostenute da una azienda per illustrare, con conferenze di lavoro, le caratteristiche e le innovazioni tecnologiche di un nuovo prodotto anche considerando che le stesse hanno determinato vendite significative del prodotto presentato.


Italia Oggi - N. Villa - art. pag. 26





Iva, regime del margine ampliato

 

La Corte di giustizia europea interviene sulla disciplina speciale per le cessioni dei beni usati. Anche l'attività di locazione consente di tassare solo l'utile

Anche l'impresa che acquista veicoli usati per concederli in locazione o leasing deve essere considerata soggetto passivo-rivenditore ai fini dell'applicazione del regime del margine sulle successive cessioni. Lo ha stabilito la Corte di giustizia con una sentenza di ieri nel procedimento C-280/04. Nella sentenza si chiarisce inoltre che l'esenzione dall'imposta, prevista nel caso di cessione di beni acquistati senza aver potuto esercitare il diritto di detrazione, non è applicabile qualora la preclusione sia derivata non da un divieto normativo, ma dal fatto che il cedente non aveva titolo ad evidenziare l'imposta.


Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 29





Dividend washing a impatto ridotto

 

Con la legge 248/2005 individuati i casi in cui non possono operare le disposizioni anti-elusione. Niente effetti su partecipazioni con minusvalenze indeducibili

Dividend washing senza effetto sulle partecipazioni che, in caso di cessione, generano minusvalenze indeducibili: in questo caso, infatti, l'irrilevanza fiscale del componente negativo è assicurata dalle norme ordinarie e non possono operare le disposizioni anti elusive. Per conseguenza, le partecipazioni interessate potranno essere solo quelle collocate nell'attivo circolante per le differenze negative che generano e le immobilizzazioni cedute prima dei dodici mesi di possesso. Inoltre, le nuove disposizioni anti elusive devono tenere conto anche degli orientamenti che via via l'agenzia delle entrate sta esprimendo in relazione a situazioni nelle quali compete l'esenzione parziale per le cessioni delle partecipazioni. Infatti, la non commercialità della società che viene ceduta esclude in toto dalla applicazione delle nuove restrizioni. Sono alcune delle osservazioni che possono essere formulate alla luce di quanto contenuto nell'art. 109 comma 3 bis e seguenti del Tuir nella formulazione introdotta definitivamente dalla legge 248/2005 e in vigore dall'1/1/2006.


Italia Oggi - D. Liburdi - art. pag. 31






Se non desideri ricevere ulteriori articoli della Rassegna Stampa/Newsletter Privacy/ArchiviOk.it
di Data Print Grafik, clicca qui per annullare la tua sottoscrizione.

Privacy
In conformità al D.Lgs. 196/2003, Testo unico della privacy sulla tutela dei dati personali, Data Print Grafik
garantisce la massima riservatezza dei dati e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica
scrivendo a areanews@dataprintgrafik.it.
Potrai prendere visione dell’informativa completa nella sezione Newsletter del nostro sito www.dataprintgrafik.it

Seguici su: Facebook Twitter