Rassegna stampa del 02 gennaio 2006
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

PATENTINO PRIVACY
Patentino Privacy è lo strumento che permette l'adempimento dell'obbligo di formazione per responsabili ed incaricati previsto dal punto 19.6 del disciplinare tecnico.

Il cd-rom contiene:

il corso multimediale
il codice identificativo
il link a cui è possibile collegarsi per sostenere l'esame

Rispondendo correttamente alle domande dei consulenti di Data Print Grafik, verrà rilasciata una certificazione valida ai fini di assolvere l'obbligo di legge.

CONOSCERE LA LEGGE È IMPORTANTE, ADEGUARSI È OBBLIGATORIO.

Visita il sito www.dataprintgrafik.it
Bonus figli con autocertificazione

Il reddito familiare va indicato al momento della riscossione

La Finanziaria 2006 prevede interventi a beneficio delle famiglie ai commi da 334 a 340; alcune disposizioni sono già delineate, mentre altre attendono gli strumenti attuativi.
Bonus bebè. La norma premia la nascita o l'adozione di figli per gli anni 2005 e 2006 con la concessione di un assegno di mille euro. In relazione al 2005 rileva la nascita o l'adozione di qualunque figlio (primo o successivo); per il 2006, invece, daranno diritto al bonus solamente i figli nati come secondi o ulteriori, ovvero adottati.
La procedura. Oltre al requisito reddituale, la norma limita la spettanza ai soli soggetti residenti, cittadini italiani o comunitari. L'incasso materiale dell'assegno potrà avvenire, a opera dell'esercente la potestà sui figli, presso l'ufficio postale indicato in apposita comunicazione inviata dal ministero delle finanza entro il 15 gennaio 2006, oppure entro il mese successivo a quello di nascita o adozione.
Asili nido. Per fornire un ulteriore aiuto alle famiglie che iscrivono i figli agli asili nido, viene prevista per il solo 2005 la possibilità di ottenere una detrazione del 19% sulle rette pagate per la frequenza, entro un massimale di importo base pari a 632 euro annui per ciascun figlio (minori imposte pari al massimo a 120 euro).
Deduzioni "family area". Già dallo scorso anno ci sono deduzioni dal reddito per carichi familiari per l'importo di 3.200 euro per il coniuge non legalmente separato e 2.900 euro per ciascun figlio nonché altro familiare convivente con il contribuente. La deduzione va suddivisa tra gli aventi diritto, tenendo conto che l'importo diminuisce in proporzione all'aumentare del reddito.

Il Sole 24 Ore - G. Trovati - art. pag. 5

Slalom tra le perdite nei condoni

I problemi che emergono dall'analisi della no0rma della legge finanziaria sull'inutilizzabilità - Le utilizzate aumentano i ricavi o compensi della proposta

Perdite nei condoni in cerca di definizione. Non è infatti scontato il trattamento a esse riservato dalla legge Finanziaria per il 2006. Il comma 516 sul nuovo istituto dell'accertamento con adesione per i periodi di imposta in corso al 31 dicembre degli anni 2003 e 2004 si candida come la disposizione più controversa della nuova disciplina. Si tratta di una norma che rievoca l'identico trattamento riservato alle perdite in sede di condoni, tant'è che alcune interpretazioni possono essere sviluppate proprio in relazione ai chiarimenti forniti in tale sede.
La norma sancisce l'effettuazione di una proposta da parte dell'agenzia delle entrate basata sulla rideterminazione di maggiori ricavi o compensi, rispetto ai cui importi si procederà all'applicazione di una imposta sostitutiva, pari al 28% per le società di capitali e al 23% per gli altri soggetti. La prima perplessità che emerge è se l'imposta sostitutiva si applica a un maggior reddito rideterminato, laddove potrebbero entrare in gioco perdite inutilizzate od oneri deducibili incapienti, ovvero se l'applicazione vada effettuata sic et simpliciter verso i maggiori imponibili connessi ai maggiori ricavi.

ItaliaOggi7 - M. Tozzi - art. pag. 11

Premio concentrazione, più chance

Il beneficio è riconosciuto ai soggetti che rientrano nella definizione Ue di microimpresa e pmi

Premio concentrazione, più opportunità per le pmi. Chiarite dalla circolare 13 dicembre 2005 le ipotesi di concentrazione rilevante per l'attribuzione del relativo credito d'imposta. Il premio di concentrazione era stato previsto dall'art. 9 del dl 14 marzo 2005, n. 35 e consiste nell'erogazione di un contributo a favore delle microimprese, delle piccole e delle medie imprese che prendono parte a processi di concentrazione concesso nella forma di credito d'imposta, pari al 50% delle spese sostenute per studi e consulenze inerenti all'operazione di concentrazione effettivamente realizzata. Si tratta di un'agevolazione la cui fruizione, rientrando il premio di concentrazione tra gli aiuti di stato è stato concesso subordinatamente alla compatibilità con la normativa comunitaria e in particolare con il regolamento Ce n. 70/2001. Sono ammessi a beneficiare del premio quei soggetti che rientrano nella definizione comunitaria di microimprese, piccole e medie imprese di cui alla raccomandazione n. 2003/361/Ce, intendendo per microimprese, piccole imprese e medie imprese quelle imprese con:
- meno di 250 occupati
- un fatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro, oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 43 milioni di euro
Nella più generale categoria delle pmi si definisce poi piccola impresa l'impresa con:
- meno di 50 occupati
- un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo non superiore a 10 milioni di euro
Mentre la microimpresa è l'impresa con:
- meno di 10 occupati
- un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo non superiore a 2 milioni di euro.

ItaliaOggi7 - F. Pau - art. pag. 15

Contratti, deducibile la simulazione

L'orientamento recente della Corte di Cassazione sui poteri dell'amministrazione finanziaria - Il fisco può far valere anche la nullità per frode alla legge

L'amministrazione finanziaria, quale terzo interessato alla regolare applicazione delle imposte, è legittimata a dedurre la simulazione assoluta o relativa dei contratti stipulati dal contribuente, o la loro nullità per frode alla legge (art. 1344 c.c.). Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza 26 ottobre 2005 n. 20816.

ItaliaOggi7 - M. Tasini - art. pag. 17