Rassegna stampa del 26 gennaio 2006
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

PATENTINO PRIVACY
Patentino Privacy è lo strumento che permette l'adempimento dell'obbligo di formazione per responsabili ed incaricati previsto dal punto 19.6 del disciplinare tecnico.

Il cd-rom contiene:

il corso multimediale
il codice identificativo
il link a cui è possibile collegarsi per sostenere l'esame

Rispondendo correttamente alle domande dei consulenti di Data Print Grafik, verrà rilasciata una certificazione valida ai fini di assolvere l'obbligo di legge.

NUOVO CALENDARIO PER LE MISURE MINIME DI SICUREZZA!

Tutte le scadenze su www.dataprintgrafik.it
La pianificazione fiscale pesa sul secondo acconto

Risposte dall'Economia sul nuovo istituto

La programmazione fiscale inciderà solamente sulla seconda rata degli acconti del 2006. Lo ha precisato il Governo, attraverso il ministero dell'Economia, in una risposta fornita a un'interrogazione presentata in commissione Finanze alla Camera dall'onorevole Renzo Patria. La questione riguarda i tempi di invio delle proposte di programmazione fiscale, anche alla luce dei riflessi per i termini di versamento di Unico 2006. In particolare il comma 519 della Finanziaria 2006 dispone che il versamento degli acconti d'imposta deve essere eseguito tenendo conto della maggior base imponibile derivante dalla programmazione fiscale. 

Il Sole 24 Ore - D. Deotto, A. Venuti - art. pag. 24

Disponibile il modello 1993-2004

Esattori

Ici, il modello di dichiarazione delle somme riscosse che non è stato possibile attribuire ai comuni di competenza, per il periodo 1993-2004, è ora disponibile. E i concessionari della riscossione lo dovranno presentare, in formato cartaceo o in formato elettronico, entro il 28/2/06. Lo ha reso noto il ministero dell'economia che dà in tal modo l'operatività alle disposizioni previste dal comma 2-bis dell'art. 7 del dm 22/11/2005. Le istruzioni allegate al modello prevedono che il rappresentante legale della società di riscossione dovrà dichiarare l'importo, in euro, delle somme riscosse a titolo di Ici che non è stato possibile riversare ai comuni di competenza, distinte per anno, a partire dal 1993 a tutto il 2004. Non è ammessa modulistica che non sia quella del sito www.finanze.gov.it Due le possibilità di comunicare i suddetti dati. In formato cartaceo, con invio al ministero delle finanze - dipartimento per le politiche fiscali - Ufficio federalismo fiscale, viale Europa 242, 00144 Roma, o con invio a dpf.uffsegreteria@finanze.it.

Italia Oggi - A. G. Paladino - art. pag. 26

Iva, crediti indietro

I chiarimenti sulle novità introdotte dalla Finanziaria per il 2006 forniti dall'Agenzia delle entrate. Chi aderisce a pf paga entro il 16/10

I contribuenti che accetteranno la proposta di adeguamento delle annualità pregresse (2003 e 2004), che l'amministrazione finanziaria invierà a coloro che aderiranno alla programmazione fiscale, dovranno restituire entro il 16 ottobre 2006 gli eventuali crediti Iva risultanti dalle dichiarazioni delle predette annualità, se rimborsati o utilizzati. È quanto ha precisato l'Agenzia delle entrate nel corso del forum di sabato 21 gennaio, in riferimento alla previsione contenuta nel comma 516 dell'art. 1 della legge n. 266/2005. Questa disposizione si inserisce nell'ambito dell'opportunità di (quasi) definizione dei periodi d'imposta in corso al 31 dicembre 2003 e al 31 dicembre 2004, che la Finanziaria riserva ai soggetti destinatari delle proposte di programmazione fiscale di cui al comma 499: questi soggetti, se decideranno di avvalersi della programmazione, potranno altresì adeguare i ricavi e compensi delle predette annualità pregresse, pagando sulle maggiori somme un'imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell'Irap, nonché l'Iva calcolata con l'aliquota media.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 28

 

Controlli bancari a prova di privacy

Analisi delle conseguenze dai nuovo accertamenti fiscali nei conti dei contribuenti e terzi. L'atto autorizzativo illegittimo non è impugnabile da subito

I rapporti bancari diventano trasparenti, non c'è riservatezza che tenga se lo scopo è quello di stanare l'evasione. E' questa la situazione con la quale ci si potrebbe confrontare nel momento in cui anche il garante della privacy  ha dato il suo assenso alla liceità di procedere a verifiche sulle movimentazioni finanziarie del contribuente con due sole accortezze. La prima è tesa a fare in modo che dei dati acquisiti venga a conoscenza solo il destinatario legittimato. La seconda, tesa a evitare possibile abusi, è ferma nell'indicare come si possa accedere al sistema di rilevazione solo mediante autorizzazione.

Italia Oggi - A. Felicioni, G. Ripa - art. pag. 33