Rassegna stampa del 28 febbraio 2006
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik


 

Oggi scade il termine per
l'invio telematico dei dati
sulle forniture!

 

STAMPATI FISCALI, il software per l'invio telematico dei dati sulle forniture (D.P.R. 404 del 05/10/2001).

Principali funzionalità:

- codifica personalizzata dei prenumerati fiscali
- gestione registro di carico forniture
- gestione registro di scarico delle vendite
- produzione file telematico ed invio del file per l'anno 2005
- importazione dei dati anagrafici e dei registri
- stampa dei registri di carico/scarico
- stampa della richiesta di fornitura
- stampa dei totali per identificativi prodotti
- stampa dei totali per identificativi clienti
- stampa di controllo relativa alla gestione dei prodotti
- ricerca per codice fiscale e per serie.

Visita il sito www.dataprintgrafik.it

Slittano le indagini finanziarie online

Le Entrate hanno prorogato al 15 aprile il termine entro cui gli intermediari dovranno disporre di posta elettronica. Anzichè da domani, lo scambio di informazioni tra il Fisco e gli operatori partirà dal 2 maggio

Ancora una proroga per le indagini finanziarie online. Con provvedimento del 24 febbraio 2006, l'agenzia delle Entrate ha infatti deciso lo slittamento da oggi al prossimo 15 aprile del termine entro cui gli intermediari dovranno dotarsi di un indirizzo di posta elettronica certificata ("Pec") per la ricezione e la trasmissione di dati e notizie sulle indagini avviate dal Fisco. Con lo stesso provvedimento l'agenzia ha anche prorogato dal 1° marzo al 2 maggio 2006 un altro termine: quello per l'utilizzo della procedura di scambio di informazioni online tra gli uffici dell'amministrazione fiscale e gli intermediari finanziari. In una nota le Entrate spiegano che le motivazioni alla base di questo rinvio sono tutte da ricercarsi nelle richieste di numerose associazioni e intermediari finanziari (tra cui Assoholding e Afin).

Il Sole 24 Ore - M. Peruzzi - art. pag. 25

Stop alle tlc invadenti

PRIVACY/ Un provvedimento del garante fissa i paletti. Servizi attivabili soltanto se richiesti

Il garante stoppa i servizi telefonici non richiesti. Violano la privacy. Con un provvedimento a carattere generale, in corso di pubblicazione in G.U., il garante della privacy ha imposto a gestori telefonici e agli altri operatori di comunicazione elettronica una serie di prescrizioni a tutela dei consumatori. Quello che va sottolineato è che la privacy diventa il grimaldello per incidere sull'equilibrio contrattuale. Le prescrizioni sono chiare: è vietato intestare schede telefoniche prepagate a clienti ignari o attivare senza precisa richiesta segreterie o altri servizi, come la selezione automatica dell'operatore telefonico o linee internet veloci. Non solo. È di competenza dei gestori telefonici anche una attività di vigilanza a carico di rivenditori e call center. La pronuncia del garante vuole porre un argine di fronte a comportamenti di cui consumatori e loro associazioni si sono lamentati, come l'attivazione indebita del servizio di selezione automatica dell'operatore o di altri servizi non richiesti, come la segreteria telefonica, tariffe telefoniche speciali, linee di navigazione veloce in internet. Tutte sorprese sgradite apprese magari solo al momento della prima bolletta.

Italia Oggi - A. Ciccia - art. pag. 35

     
L'Iva oggi mette il punto

Per l'adempimento che scade oggi vale la modulistica usata lo scorso anno. Comunicazione dei dati con modello telematico

Scade oggi il termine di presentazione della comunicazione annuale dati relativa al periodo d'imposta 2005. Per l'adempimento, da effettuare esclusivamente per via telematica, direttamente o mediante intermediari abilitati, va utilizzato lo stesso modello dell'anno scorso. L'obbligo di presentare la comunicazione dati, istituito con l'art. 8-bis del dpr n. 322/98, riguarda i soggetti titolari di partita Iva tenuti a presentare la dichiarazione annuale, anche se non tenuti all'esecuzione delle liquidazioni periodiche. Sono pertanto esonerati coloro che non hanno l'obbligo di presentare la dichiarazione annuale (soggetti totalmente esenti che non siano debitori d'imposta per effetto del reverse charge, produttori agricoli marginali in regime di esonero, imprese di intrattenimento in regime speciale art. 74 ecc.). Sono inoltre esonerati dalla comunicazione dati, ancorché tenuti a presentare la dichiarazione annuale: gli organi e le amministrazioni dello stato, le regioni, gli enti locali, determinati enti pubblici; i responsabili delle procedure concorsuali; le persone fisiche che nel 2005 hanno realizzato un volume d'affari non superiore a 25.822,84 euro.
 

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 36

È nullo l'avviso emesso dall'ufficio senza convocazione dell'interessato

La Commissione tributaria provinciale di Nuoro accoglie il ricorso del contribuente contro il fisco.

È nullo l'avviso emesso dall'ufficio senza la preventiva convocazione del contribuente che ha presentato istanza di accertamento con adesione; ciò perché il contraddittorio richiesto deve in ogni caso essere posto in atto dall'amministrazione; la proroga di due anni previste per chi non ha aderito ai condoni del 2002 non si applica a coloro che non potevano accedere alle sanatorie per la presenza di cause ostative; queste due delle principali argomentazioni con le quali, nella sentenza n. 280/01/05 depositata il 1° febbraio 2006, la Commissione tributaria provinciale di Nuoro ha accolto il ricorso di un contribuente raggiunto da un avviso di accertamento in materia di imposte dirette e Iva.


Italia Oggi - A. Felicioni - art. pag. 36
 

Società, partecipazioni al rush finale

Scade oggi anche la determinazione del costo fiscalmente rilevante al netto delle svalutazioni. Ultimo giorno per la sanatoria sulle mancate comunicazioni

Partecipazioni societarie sotto osservazione: ultimo giorno per la sanatoria relativa alle omesse comunicazioni per le minusvalenze e determinazione del costo fiscalmente rilevante al netto di tutte le svalutazioni dedotte. Sono queste le indicazioni contenute nei due provvedimenti di legge recentemente approvati e che incidono, come detto, sul complesso sistema delle partecipazioni societarie, in particolare di quelle dotate dei requisiti per l'esenzione, ´caratteristica' incisa da ulteriori provvedimenti normativi approvati a fine 2005.

Italia Oggi - D. Liburdi - art. pag. 38