Rassegna stampa del 3 aprile 2006
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Questionario XP è il modulo per la raccolta dati on-line dedicato a coloro che forniscono a terzi un servizio di consulenza sulla normativa Privacy (D.lgs 196/03).

Questionario XP può essere fatto compilare direttamente al cliente, evitando costosi sopralluoghi, al fine di ottenere tutti i dati e le informazioni richiesti dal Codice Privacy.

Caratteristiche del servizio:
Questionario on-line
2 Aree di lavoro: Amministratore/Utente
Generazione del file txt per l'importazione in Privacy XP
Gestione utenti con accessi controllati e protetti


Per provare il questionario visita l'AREA DEMO
sul sito
www.dataprintgrafik.it
La lente del fair value su conti e finanza

L’Organismo italiano ha diffuso la versione definitiva del documento Oic 3 sulla valutazione delle attività finanziarie. Le innovazioni comunitarie vanno subito adottate nei bilanci in corso di approvazione

Gli strumenti finanziari trovano le istruzioni contabili per i bilanci italiani. L’Oic, l’Organismo italiano di contabilità, ha infatti approvato venerdì 31 marzo in via definitiva il principio contabile Oic 3, relativo alle informazioni sugli strumenti finanziari da includere nella nota integrativa e nella relazione sulla gestione. L’informativa sugli strumenti finanziari è richiesta, a partire dal 1° gennaio 2005, dagli articoli 2427-bis e 2428, comma 2, n.6-bis del Codice civile, introdotti dal decreto legislativo 394/03. Questo decreto recepisce parzialmente, per la sola informativa, la direttiva 2001/65/Ce in materia di strumenti finanziari, che ha modificato le direttive contabili e ha introdotto, ai fini valutativi e ai fini dell’informativa di bilancio, il principio di valutazione del fair value degli strumenti finanziari, ormai largamente utilizzati nella prassi internazionale e, in particolare, dei principi contabili internazionali (Ias/Ifrs). Il principio contabile diramato dall’Oic ha lo scopo di illustrare le nuove disposizioni e fornire indicazioni operative alle imprese.

Il Sole 24 Ore - sabato 1 aprile - F. Roscini Vitali - art. pag. 23

Noleggio delle navi senza Iva

Una nota delle Entrate sul trattamento fiscale per le imbarcazioni da diporto. Operazione esente se c'è un'attività commerciale

Il noleggio della nave da diporto non paga l'Iva se questa è utilizzata per svolgere un'attività commerciale, mentre è imponibile se è diretto nei confronti di privati oppure di imprese che impiegano la nave per finalità ludiche, sportive o ricreative. In ogni caso, la prestazione di noleggio, se resa da operatori stabiliti in Italia, è rilevante solo nella misura in cui è utilizzata in Italia o nell'Ue, per cui il trattamento di non imponibilità oppure di imponibilità riguarderà soltanto la quota del corrispettivo del noleggio imputabile all'utilizzo territoriale. È quanto ha chiarito l'agenzia delle entrate con la nota prot. n. 2006/44534 del 20 marzo 2006, rispondendo all'istanza di interpello di una società che aveva chiesto di conoscere se l'attività di noleggio a fini turistici di un proprio yacht adibito a navigazione internazionale potesse ricondursi nella previsione dell'art. 8-bis, primo comma, lett. a) ed e), del dpr n. 633/72.

Italia Oggi - sabato 1 aprile - R. Rosati - art. pag. 40

E-commerce, dichiarazioni al 20/4

Una raffica di appuntamenti attende le imprese extracomunitarie che siano registrate in Italia. Ed entro luglio la decisione della Ue sul sistema di tassazione

Le imprese extracomunitarie che svolgono attività di commercio elettronico, identificate in Italia ai fini degli adempimenti Iva, devono presentare entro il 20 aprile la dichiarazione delle operazioni effettuate nel primo trimestre 2006 in ambito comunitario ed effettuare il versamento dell'imposta dovuta. La dichiarazione va presentata anche se non sono state effettuate operazioni. Ciò è previsto dalle disposizioni dell'art. 74-quinquies del dpr 633/72, concernente il regime speciale per le imprese stabilite fuori della Comunità che effettuano prestazioni di servizi di e-commerce nei confronti di privati consumatori comunitari. Occorre ricordare che le regole speciali sulla tassazione Iva del commercio elettronico, come definite in sede comunitaria con la direttiva n. 2002/38/Ce del 7 maggio 2002, hanno attualmente carattere temporaneo, essendone prevista l'applicazione fino al 30 giugno 2006. Entro tale data il Consiglio Ue dovrà decidere se adottare nuove misure in materia oppure se prorogare quelle vigenti. Peraltro, il 1° luglio prossimo entreranno in vigore alcune ´disposizioni di applicazione' della sesta direttiva, concernenti anche il commercio elettronico, contenute nel regolamento del consiglio n. 1777 del 17 ottobre 2005.

Italia Oggi - sabato 1 aprile - F. Ricca - art. pag. 41

Disinquinamento, ritorna EC

Debuttano i canoni di leasing e possibilità dell'integrativa

Nella dichiarazione Unico 2006 trova spazio per la seconda volta, nella generalità dei casi, la compilazione del quadro EC per la deduzione extracontabile dei componenti negativi. In particolare, si tratta di ammortamenti, rettifiche di valore e accantonamenti deducibili per ragioni esclusivamente fiscali. La novità di maggior rilievo evidenziata nelle istruzioni è la possibilità di indicare, per i soggetti che adottano il metodo finanziario di contabilizzazione del leasing, la differenza tra il canone risultante dal contratto e l'ammontare dei componenti negativi imputati a conto economico (ammortamenti e oneri finanziari). In sostanza, ciò che non è imputato a conto economico per effetto dell'adozione dello Ias 17 resta deducibile mediante il prospetto extra-contabile del quadro EC di Unico che considera i canoni eccedenti le quote di ammortamento e gli interessi passivi come ulteriori ammortamenti che incidono sul valore fiscale del bene appartenente all'impresa.

IL Sole 24 Ore del lunedì - L. Mi. - art. pag. 26


Il tax planning familiare al decollo

Un confronto delle novità sulle ripartizioni contenute nel modello 730 e in Unico persone fisiche. Non sempre conviene attribuire le deduzioni a un solo coniuge

Parte il tax planning familiare. sarà necessario simulare diverse ripartizioni dei carichi di famiglia. La suddivisione del beneficio sicuramente non risulterà conveniente se effettuata al 50%, ma non sempre è vantaggioso attribuire al 100% i figli a un coniuge piuttosto che all'altro. Se i redditi dei coniugi ricadono negli stessi scaglioni reddituali, il maggior beneficio si ottiene con i carichi di famiglia in capo al coniuge con reddito più basso. Casi critici, invece, si hanno con un livello reddituale di uno dei coniugi ´a cavallo' di due scaglioni e comunque in virtù dell'effetto ´aliquota marginale'. Questo è quanto emerge dalla lettura combinata del nuovo articolo 12 del Tuir, delle istruzioni alle dichiarazioni e delle modalità compilative dei modelli, sia 730 sia unico PF.

Italia Oggi Sette - M. Tozzi - art. pag. 12