Rassegna stampa del 26 maggio 2006
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Scarica subito
la demo del software

Antiriciclaggio XP!

Antiriciclaggio XP è un software gestionale per l’adozione delle misure previste dai Decreti n. 141 e 143 del 3 febbraio 2006.

Antiriciclaggio XP aiuta a comprendere tutta la normativa e guida nella organizzazione e nella predisposizione dell'Archivio Unico Informatico.

Il software permette di:
  • registrare i dati per l'identificazione dei clienti

  • importare i dati anagrafici direttamente dall'applicativo gestionale utilizzato (f.to ASCII o XML)

  • registrare tutte le operazioni effettuate per conto del cliente nell'Archivio Unico Informatico (Aui)

  • predisporre la modulistica necessaria per la segnalazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze delle violazioni all’art. 1 L. 197/91

  • predisporre la modulistica necessaria per la segnalazione all'Uic (Ufficio italiano cambi) delle operazioni sospette.

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Rivalutazioni, fissati i codici per l’imposta sostitutiva

Risoluzione su versamento del 30 giugno

Persone fisiche, società semplici ed enti non commerciali che intendono rivalutare il costo di acquisto dei terreni e delle partecipazioni posseduti al 1° gennaio 2005 – che devono provvedere alla redazione e asseverazione della perizia di stima e al versamento della relativa imposta sostitutiva o della prima rata di questa entro il 30 giugno 2006 – hanno a disposizione i nuovi codici tributo. L’Agenzia delle Entrate, infatti, con la risoluzione 75/E del 25 maggio 2006, rende noti i nuovi codici tributo per il versamento delle imposte sostitutive, tramite modello F242, relative alla rideterminazione dei valori d’acquisto delle partecipazioni non negoziate in mercati regolamentati – codice 8055 – e dei terreni edificabili e con destinazione agricola – codice 8056 – come previsto dall’articolo 11-quaterdecies del decreto legge 203/2005, convertito con modificazioni dalla legge 248/05.

Il Sole 24 Ore – G.P. Tosoni – art. pag. 27

Spazio alla privacy al Tar e al Cds

Pubblicato in Gazzetta il decreto del consiglio di presidenza della giustizia amministrativa. Regole ad hoc per reclutamento, contenzioso e personale

La giustizia amministrativa (Tar e Consiglio di stato) si adegua al Codice della privacy e vara il regolamento per il trattamento dei dati sensibili. Si tratta del decreto del Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa del 12 maggio 2006 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 120 del 25 maggio 2006. Il provvedimento individua tre filoni: reclutamento magistrati; gestione del personale; gestione del contenzioso. Per ciascun filone il provvedimento elabora una tabella in cui sono indicate le modalità del trattamento. Anche gli uffici giudiziari sono soggetti al codice della privacy, anche se la disciplina è speciale. In particolare i trattamenti di dati personali effettuati per ragioni di giustizia godono di un regime di esonero da un gran numero di disposizioni del codice. In particolare ai trattamenti per ragioni di giustizia non si applica l'articolo 20 relativo ai regolamenti sui dati sensibili. Tutte le pubbliche amministrazioni, infatti, per poter legittimamente trattare dati sensibili (sesso, salute, religione, politica, filosofia, sindacato, razza, etnia) devono elaborare un regolamento in cui specificare tipi di dati trattati e categorie di operazioni eseguite. L'organo di vertice della giustizia amministrazione ha preparato uno schema di regolamento passato al vaglio favorevole del garante della privacy e ha ora il suo regolamento definitivo.

Italia Oggi - A. Ciccia – art. pag. 32

Banche dati ammortizzabili al 15%

Risoluzioni sui cd-rom. Deduzione intera se il valore unitario è inferiore a 516,46 €

Sono beni materiali ammortizzabili al 15% le banche dati disponibili su cd-rom; a meno che non ricadano tra i beni di valore unitario inferiore a 516,46 euro, nel qual caso vanno dedotte per intero nell'anno di acquisizione. Questa la soluzione adottata dall'Agenzia delle entrate con la risoluzione n. 72/E del 25 maggio 2006 in risposta a un interpello presentato da un dottore commercialista.
La fattispecie verte sull'esatto trattamento fiscale da riservare a una banca dati costituita da alcuni cd-rom in cui sono memorizzati documenti e formulari al fine di dedurre il relativo costo dal proprio reddito professionale. Nella soluzione prospettata si avanza l'ipotesi che il costo sostenuto per l'acquisto del software possa essere di natura pluriennale, giustificando quindi la deducibilità pro quota in luogo della applicazione del criterio generale della cassa. Lo stesso professionista però, una volta appurato che il software debba essere comunque configurato come bene strumentale, non sembra sicuro sull'esatto trattamento; ciò soprattutto in relazione all'individuazione dei coefficienti da utilizzare per il presunto ammortamento. La soluzione, dunque, si lega alla natura strumentale dei beni in questione. La strumentalità, individuata nella possibilità di utilizzo durevole del bene nell'ambito dell'attività, viene riconosciuta alla banca dati contenuta su cd-rom, che può essere considerata bene materiale avente un'utilità pluriennale. In tal modo se il costo di tale banca dati è inferiore a 516,46 euro questo è deducibile integralmente per cassa; se invece il costo è superiore allora il costo stesso va ammortizzato.

Italia Oggi - A Felicioni – art. pag. 35

Agevolazioni prima casa più facili

La Cassazione non penalizza la restituzione del bene dopo la firma del solo preliminare di vendita. Consegnato il vecchio immobile, il nuovo fruisce dei benefici

Più facili le agevolazioni per la prima casa. Infatti, chi acquista un'abitazione e contestualmente avvia la vendita del suo vecchio appartamento, consegnandolo anticipatamente dopo la stipula del solo preliminare, può comunque usufruire dei benefici fiscali. Ciò perché, ha spiegato la Corte di cassazione con la sentenza n. 11564 del 17 maggio 2006, dev'essere privilegiata un'interpretazione ´soggettiva' della nozione di idoneità abitativa del fabbricato. In altre parole, i giudici della quinta sezione hanno dato ragione a un uomo che, dopo aver stipulato il preliminare e aver consegnato anticipatamente il suo appartamento, ne aveva acquistato un altro in un comune diverso e, senza aver ancora ottenuto il cambio di residenza, aveva dichiarato, nell'atto di compravendita, di non possedere altro fabbricato idoneo ad abitazione. Il Collegio ha avallato la tesi del contribuente perché l'idoneità va stabilita su parametri soggettivi. E, nel caso sottoposto all'esame della Corte, lui lavorava nel comune dov'era situato il nuovo immobile e quello vecchio era già stato consegnato.

Italia Oggi – D. Alberici - art. pag. 36


Privacy con ordine

Il Mingiustizia al lavoro per elaborare un solo schema tipo. Regolamento unico per le categorie

Un modello di regolamento per il trattamento dei dati sensibili uguale per tutti gli ordini professionali. A prepararlo sarà un gruppo di lavoro costituito volontariamente dagli stessi professionisti sotto il coordinamento del ministero di giustizia guidato da Clemente Mastella. Il progetto è stato deciso ieri nel corso dell'ultima riunione, tenutasi in via Arenula, tra l'ufficio legislativo del dicastero e i rappresentanti di tutti gli ordini. Pertanto sono stati costituiti dei sottogruppi suddivisi per aree professionali di competenza e il modello unico, che verrà preparato entro metà giugno per ottenere il via libera dell'autorità entro la fine del mese, dovrà poi essere personalizzato sulla base delle esigenze di ciascun ordine professionale. Si conclude così la lunga storia dei regolamenti privacy che, a partire dall'entrata in vigore del codice privacy (il dlgs 196/03), ha visto succedersi vari rinvii.

Italia Oggi - C. Cinti - art. pag. 40