Rassegna stampa del 31 maggio 2006
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Scarica subito
la demo del software

Antiriciclaggio XP!

Antiriciclaggio XP è un software gestionale per l’adozione delle misure previste dai Decreti n. 141 e 143 del 3 febbraio 2006.

Antiriciclaggio XP aiuta a comprendere tutta la normativa e guida nella organizzazione e nella predisposizione dell'Archivio Unico Informatico.

Il software permette di:
  • registrare i dati per l'identificazione dei clienti

  • importare i dati anagrafici direttamente dall'applicativo gestionale utilizzato (f.to ASCII o XML)

  • registrare tutte le operazioni effettuate per conto del cliente nell'Archivio Unico Informatico (Aui)

  • predisporre la modulistica necessaria per la segnalazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze delle violazioni all’art. 1 L. 197/91

  • predisporre la modulistica necessaria per la segnalazione all'Uic (Ufficio italiano cambi) delle operazioni sospette.

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

L'Ici prepara 900 aumenti

Il Territorio integra le tariffe d'estimo in 33 province. Interessati nove capoluoghi. Gli incrementi scatteranno nel 2007 e riguarderanno anche le imposte dirette e quelle indirette

Dal 1° gennaio 2007 aumenterà l'Ici, ma anche le imposte dirette e indirette, per circa 900 Comuni di 33 province in 16 regioni. Sarà questo l'effetto principale del provvedimento 12 maggio 2006, emanato dall'agenzia del Territorio, sull'integrazione dei quadri di tariffa d'estimo del Catasto dei fabbricati. Il provvedimento è stato pubblicato sul supplemento straordinario alla "Gazzetta Ufficiale" 123 del 29 maggio scorso. Fra gli enti locali interessati - in tutto 904 - vi sono nove capoluoghi di provincia: Piacenza, L'Aquila, Isernia, Foggia, Taranto, Vibo Valentia, Agrigento, Catania e Cagliari, oltre a molti comuni a vocazione turistica come Limone Piemonte, Celle Ligure, Finale Ligure, Spotorno, Francavilla a mare, Lampedusa, Porto Empedocle e altri ancora.

Il Sole 24 Ore – F. Guazzone – art. pag. 25

Sulla videosorveglianza Garante Privacy all'attacco

Molte le circostanze e i settori interessati dagli interventi

L'estensione ai luoghi di lavoro della tutela nei confronti della videosorveglianza, recentemente affermata dalla Corte di Cassazione, caratterizza anche la posizione del Garante per la protezione dei dati personali. Questa authority si è occupata diffusamente di videosorveglianza, con provvedimenti di carattere generale e con decisioni su singole controversie. Il principio alla base dell'attività in materia del Garante è che l'installazione di telecamere è lecita, solo se è proporzionata agli scopi che si intendono perseguire. Inoltre gli impianti di videosorveglianza possono essere attivati solo quando misure alternative siano insufficienti o inattuabili. L'eventuale conservazione delle immagini deve essere limitata nel tempo e i cittadini devono sapere sempre se un’area è sottoposta a videosorveglianza. L’authority si è pronunciata specificatamente nel campo del diritto del lavoro e dei controlli a distanza preclusi dall’articolo 4 dello Statuto dei lavoratori.   

Il Sole 24 Ore - G. Pietrosanti – art. pag. 31

La società Exa Media pronta al raddoppio

Confermata anche quest'anno una crescita dei ricavi del 100% a quota 15 milioni

Nel giro di tre anni ha quadruplicato il proprio giro d'affari raggiungendo, nel 2005, 7,4 milioni rispetto agli 1,8 milioni del 2003. E per quest'anno le prospettive sono di un'ulteriore crescita. Grazie, soprattutto, all'avvio di un progetto di internazionalizzazione che ha cominciato, già dai primi mesi di quest'anno, a dare ottimi risultati. Exa Media - la società di Information technology di Ancona, leader nel settore dell'autoapprendimento, attraverso la distribuzione nei principali canali della Gdo italiana di una vasta gamma di corsi multimediali - dopo aver conquistato il mercato italiano ora guarda con interesse ai mercati europei. E per il 2006 punta a superare i 15 milioni di euro d'affari, mettendo a segno per il terzo anno consecutivo una crescita del 100% rispetto all'anno precedente. «Gran parte dei risultati del 2006 - spiega il presidente della società, Bonfiglio Mariotti – saranno frutto della creazione della divisione Exa International, grazie alle quale abbiamo già cominciato a esportare in Europa alcuni titoli del nostro portafoglio prodotti, in particolare quelli che abbiamo ritenuto più interessanti per i consumatori stranieri, come i corsi di cucina italiana o le guide ai vini e olii tipici. Ma il nostro obiettivo è quello di arrivare, una volta consolidata la presenza europea, a diventare un player internazionale in grado di presentarsi su mercati dei cinque continenti». Exa Media nasce nel 1999, ma è con la trasformazione in società per azioni, nel 2003, che prende il via la sua crescita esponenziale. Idee innovative e solide basi finanziarie («ci siamo sempre autofinanziati – dice Mariotti - senza dover mai far ricorso al credito») sono la chiave del successo dell'azienda che, partita come editore multimediale, si è negli anni diversificata.

Il Sole 24 Ore Centro Nord - C. Colella – art. pag. 6

Alla gdf i controlli antiriciclaggio

Le istruzioni operative delle Fiamme gialle per l'applicazione del decreto legislativo 56 del 2004. Contestazione immediata sulle violazioni dei professionisti

Poteri forti alla guardia di finanza ai fini dell'accertamento delle violazioni sull'antiriciclaggio ascrivibili ai professionisti. Ciò in relazione all'art. 6, comma 7 del dlgs 56/04 che fornisce alla gdf la possibilità di contestare immediatamente le violazioni in relazione ai loro compiti di servizio. Tali poteri, evidentemente, riguarderanno, oltre che la mancata segnalazione delle transazioni vietate di cui all'art. 1 della legge 197/91, anche le violazioni inerenti ai nuovi obblighi per i professionisti attinenti alla identificazione della clientela, istituzione dell'archivio unico e segnalazione delle operazioni sospette. Mentre in passato, quindi, la guardia di finanza, in caso di violazione alla legge n. 197/91 a seguito di autonoma attività di servizio (verifiche fiscali, indagini di polizia giudiziaria ecc.), poteva predisporre solo appositi atti di constatazione, oggi, anche qualora la gdf agisca nel ruolo di polizia tributaria avrà la possibilità di emettere atti di contestazione per tutte le violazioni valutarie di cui prendesse contezza nell'ambito della propria attività di servizio.

Italia Oggi - L. De Angelis - art. pag. 27


Privacy, per l'adeguamento on-line c'è il vademecum

Uno strumento per i professionisti sul sito dei ragionieri www.consarag.it

 I Collegi dei ragionieri hanno a disposizione un nuovo strumento per orientarsi nell'applicazione della complessa normativa sulla privacy per la pubblica amministrazione (dlgs n. 196/2003). È da oggi on-line, sul sito del consiglio nazionale, una sezione interamente dedicata alla materia. L'iniziativa si inserisce tra le attività avviate dal Consiglio per agevolare le proprie realtà territoriali nella corretta interpretazione della norma. La sezione contiene, oltre al codice della privacy, alcuni documenti che tracciano linee guida utili alla revisione di specifici processi organizzativi che implicano il trattamento di dati sensibili e giudiziari.

Italia Oggi - B. Proietti - art. pag. 37