Rassegna stampa del 24 luglio 2006
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Scarica subito
la demo del software

Antiriciclaggio XP!

Antiriciclaggio XP è un software gestionale per l’adozione delle misure previste dai Decreti n. 141 e 143 del 3 febbraio 2006.

Antiriciclaggio XP aiuta a comprendere tutta la normativa e guida nella organizzazione e nella predisposizione dell'Archivio Unico Informatico.

Il software permette di:
  • registrare i dati per l'identificazione dei clienti

  • importare i dati anagrafici direttamente dall'applicativo gestionale utilizzato (f.to ASCII o XML)

  • registrare tutte le operazioni effettuate per conto del cliente nell'Archivio Unico Informatico (Aui)

  • predisporre la modulistica necessaria per la segnalazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze delle violazioni all’art. 1 L. 197/91

  • predisporre la modulistica necessaria per la segnalazione all'Uic (Ufficio italiano cambi) delle operazioni sospette.

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Leasing con prelievo ridotto

La manovra d'estate - I cambiamenti in extremis avvicinano il trattamento ai fondi immobiliari

Diventa meno pesante l'effetto fiscale dalla manovra bis sugli immobili per il settore del leasing. La commissione Bilancio del Senato ha, infatti,, approvato l'emendamento presentato dal Governo nei giorni scorsi che ha profondamente modificato i commi 8, 9 e 10 dell'articolo 35 del decreto legge 223/06 con alcune correzioni: salvo ritoocchi in sede di coordinamento formale, la principale dovrebbe riguardare l'abbattimento dell'imposta ipo-catastale dal 4 al 2% per il settore del leasing come già avvenuto per i fondi immobiliari. Inoltre, è previsto che l'imposta di registro sui canoni di locazione finanziaria rappresenta un acconto e può essere scontata dalle ipo-catastali dovute al momento del riscatto. In base alle nuove disposizioni, la locazione di fabbricati abitativi è sempre esente da Iva anche se posta in essere dalle imprese di costruzione. L'imposta di registro continua a essere fissata nella misura del 2%.  

Il Sole 24 Ore - sabato 22 luglio - R. Portale, G.P. Tosoni - art. pag. 3

Madri figlie, esenzioni più difficili

Consiglio dei ministri - Le novità dello schema di dlgs che recepisce la direttiva 2003/123. Per evitare la ritenuta istanze entro il pagamento degli utili

Più difficile l'esenzione della ritenuta nel regime madri figlie; la richiesta di non vedersi applicato il prelievo alla fonte in presenza dei requisiti richiesti deve essere prodotta entro la data del pagamento degli utili; peraltro, anche in caso di pagamento e successivo rimborso, spetterà solo alla società dimostrare il requisito del possesso ininterrotto. Queste le ulteriori considerazioni a margine dello schema di decreto legislativo di recepimento della direttiva 2003/123/ce di modifica al regime madri figlie, approvato dal consiglio dei ministri. Oltre alle novità in termini di percentuale significativa per far scattare il regime, lo schema di decreto legislativo modifica anche alcuni aspetti significativi legati alle modalità di presentazione delle condizioni per fruire del rimborso, nonché per l'ottenimento diretto dell'esenzione.

Italia Oggi - sabato 22 luglio - A. Felicioni - art. pag. 40

Conti a monitoraggio continuo

La manovra d’estate - Banche e operatori dovranno comunicare al Fisco l'esistenza di rapporti

Non è l'anagrafe dei conti, istituita 14 anni fa con la Finanziaria del 1992 (legge 413/91) e poi rimasta sulla carta, ma poco ci manca. Di certo, dopo le modifiche arrivate lo scorso anno, le indagini del Fisco nei rapporti bancari e finanziari dei contribuenti, vengono ancora potenziate con il decreto legge 223 del 4 luglio 2006. I commi 4 e 5 dell'articolo 37 del decreto Bersani-Visco, ora all'esame del Parlamento per la conversione in legge del provvedimento d'urgenza, hanno previsto, modificando l'articolo 7, comma 6, del Dpr 605/73, che banche, Poste, intermediari finanziari, imprese di investimento e ogni altro operatore finanziario non potranno più limitarsi (come è accaduto fino a ora) a rilevare e tenere in evidenza i dati identificativi, compreso il codice fiscale, di ogni soggetto che con gli stessi intrattenga qualsiasi rapporto o effettui operazioni di natura finanziaria (escluse quelle con bollettino di conto corrente postale per importo  unitario inferiore a 1.500 euro). Questi intermediari finanziari infatti dovranno ora comunicare all'anagrafe tributaria l'esistenza e la natura dei rapporti (non le operazioni), indicando i dati anagrafici dei titolari, compreso il codice fiscale. E a chi non lo farà sarà applicata la sanzione da 2.065 a 20.658 euro.

Il Sole 24 Ore del lunedì - S. Screpanti - art. pag. 22

Aree, l'ammortamento prova lo scorporo

La manovra d’estate - Immobili strumentali, con il decreto legge il Fisco si uniforma al metodo per i bilanci. Nessun effetto retroattivo, però l'esclusione del 20 o 30% impone il ricalcolo delle quote residue

Il decreto legge 223/2006 ha affrontato in modo deciso anche un tema che da tempo sollecitava le riflessioni degli operatori: l'ammortamento delle aree su cui insiste un fabbricato. La vicenda prende le mosse dai principi contabili che prevedo in sostanza di separare il costo del terreno da quello del fabbricato e di sottoporre ad ammortamento solo quest'ultimo. L'intervento del Dl prevede che: - il costo dei fabbricati deve essere assunto al netto del costo delle aree; - il costo delle aree, ai fini fiscali, è dato dal maggiore importo tra quello iscritto in bilancio e quello ottenuto applicando una percentuale al costo complessivo; - la percentuale è del 20%, elevata al 30 per i fabbricati industriali; - solo l'ammortamento riferito al costo de fabbricato è deducibile.  

Il Sole 24 Ore del lunedì - P. Ceppellini, R. Lugano - art. pag. 23

Sconto Irap per le nuove assunzioni

Le novità dell'Agenzia delle entrate introdotte con circolare n. 26/2006 da applicare all'Unico 2006. Premiati i datori che prediligono il tempo indeterminato

Acquista appeal l'incentivo Irap sulle nuove assunzioni stabili. Premiate le trasformazioni a tempo indeterminato di assunzioni a termine e porte aperte all'agevolazione alle nuove imprese e ai nuovi datori di lavoro (imprese esistenti al 31 dicembre 2004 che effettuano assunzioni successivamente a tale data). Lo sconto dell'imposta regionale, inoltre, si cumula con altre agevolazioni quali, per esempio, il bonus assunzione (il credito d'imposta per nuove assunzioni). Le novità sono arrivate dall'Agenzia delle entrate con la circolare n. 26/2006, a scadenza oramai prossima per il pagamento delle imposte di Unico 2006. A chi trae beneficio dagli ultimi chiarimenti rimane, però, la possibilità di ricalcolare l'agevolazione Irap prima della presentazione della dichiarazione dei redditi che, per via telematica, andrà effettuata entro il 31 ottobre 2006.

Italia Oggi Sette - C. De Lellis - art. pag. 11