Rassegna stampa del 25 ottobre 2006
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Patentino Antiriciclaggio è lo strumento che permette l'adempimento dell'obbligo di formazione previsto dall'articolo 11 com. 3 del D.M. 141/2006 e dall'articolo 3 com. 4 del D.M. 143/2006 .

Il cd-rom contiene:

il corso multimediale
il codice identificativo
il link a cui è possibile collegarsi per sostenere l'esame

Rispondendo correttamente alle domande dei consulenti di Data Print Grafik, verrà rilasciata una certificazione valida ai fini di assolvere l'obbligo di legge.

Hai già pensato alla formazione?
Se ancora non lo hai fatto, visita il sito www.dataprintgrafik.it

Spedizione telematica per appalti e mutui

Entro febbraio 2007 invio dei dati relativi al 2005

Il Fisco vuole tutti i dati in via telematica. Tutto e subito online per contrastare meglio l'evasione fiscale e cercare di scoprire i "falsi poveri". Le comunicazioni da fare all'anagrafe tributaria, a partire dai bonifici bancari per lo sconto Irpef del 41 o del 36% per le ristrutturazioni edilizie, ai contratti di appalto, alle licenze rilasciate dagli uffici pubblici, ai dati dei contratti di mutuo, fino ai contratti di luce, acqua e gas, devono essere fatte esclusivamente in via telematica. E' un provvedimento dell'agenzia delle Entrate del 2 ottobre 2006, pubblicato sulla "Gazzetta Ufficiale" n. 248 del 24 ottobre 2006, a dettare le modalità per la trasmissione telematica dei dati da comunicare all'anagrafe tributaria. L'articolo 7 del provvedimento del 2 ottobre 2006 fissa i termini per l'invio delle comunicazioni. Esso stabilisce che entro il 28 febbraio 2007 si devono comunicare in via telematica i dati relativi all'anno 2005. Entro il 30 aprile di ciascun anno devono essere poi inviate le comunicazioni dei dati relativi all'anno precedente. Perciò le comunicazioni relative all'anno 2007 dovranno essere inviate entro il 30 aprile 2007. 

Il Sole 24 Ore - T. Morina - art. pag. 31
 

Al traguardo di Basilea 2

La maggioranza delle aziende pronta per il via da gennaio 2007. Resta il rischio di una eccessiva standardizzazione dei sistemi di valutazione e rating.

Le imprese del Centro-Nord sono sostanzialmente pronte all'appello di Basilea 2 e alla grande rivoluzione che introduce il rating in vista dell'accesso a finanziamenti bancari. Le simulazioni svolte da Confartigianato hanno fornito in buona parte risultati superiori alle attese, con molte società classificate a basso rischio: un sicuro vantaggio per le banche, che sui finanziamenti a questa classe di imprese potranno ridurre i loro accantonamenti. Un ruolo delicato nell'operazione Basilea 2 l'avranno anche i professionisti, chiamati a sempre maggiore attenzione nella stesura dei bilanci e che temono di essere "schiacciati" dagli automatismi dei rating. 

Il Sole 24 Ore  Centro Nord - art. pag. 1

Condomini, gestione estesa

La Cassazione ha deciso che anche la persona giuridica offre le stesse garanzie. Porte aperte alle società quali amministratori

L'amministratore di un condominio può essere anche una società di capitali. Il rapporto fiduciario non cambia, la persona giuridica offre le stesse e, in alcuni casi, maggiori garanzie. Lo ha stabilito la Cassazione che, con la sentenza 22840 di ieri, oltre ad aver accolto il ricorso di un condominio contro due inquilini, ha anche enunciato un nuovo principio di diritto: ´anche una persona giuridica può essere nominata amministratore'. Un netto cambiamento di rotta, dunque, rispetto al passato. Infatti, con la sentenza n. 5608 del 1994 la stessa Corte aveva bocciato la possibilità per le società di diventare amministratore. I giudici di legittimità avevano assimilato la figura dell'amministratore a quella del mandatario. Istituto improntato, avevano detto, esclusivamente sulla fiducia. Con l'attuale pronuncia il Collegio non solo cambia idea, definendo ´poco convincenti' le affermazioni del '94, ma aggiunge che la figura dell'amministratore condominiale si è evoluta a tal punto da richiedere una molteplicità di conoscenze e specializzazioni tanto che una società di servizi, a cui partecipano più professionisti, può senz'altro farvi fronte in modo più completo.

Italia Oggi - D. Alberici - art. pag. 35

Controlli sul socio, azienda punibile

La Corte di cassazione respinge il ricorso di una società di persone condannata per evasione fiscale. Legittimo l'accertamento sui conti di soggetti già inquisiti

È legittimo l'accertamento nei confronti di una società di persone che l'ufficio delle imposte ha fondato sui conti bancari di uno solo dei soci, processato e condannato per reati tributari. Anche se questo svolgeva la stessa attività per conto suo con una ditta individuale. A dirlo è la Corte di cassazione, che, con la sentenza n. 22013 del 13 ottobre 2006, ha respinto il ricorso di una società di persone la cui evasione fiscale era stata accertata mediante il controllo dei conti di uno solo dei soci, il quale, fra l'altro, svolgeva la stessa attività anche per conto suo.

Italia Oggi - D. Alberici - art. pag. 36

Accordi fiscali, atti di management

Circolare Assonime: i patti tributari si configurano come decisioni di coordinamento e direzione. La società risponde per i danni provocati alle controllate

Anche gli accordi di natura fiscale possono rappresentare decisioni con le quali si manifesta l'azione di direzione e coordinamento delle società; da ciò la necessità di tener conto degli eventuali profili di responsabilità per danni provocati alle controllate; si pensi al consolidato fiscale nazionale o ai prezzi di trasferimento con i quali possono essere raggiunti accordi che favoriscono il gruppo nel complesso a scapito di alcune società del gruppo. È questa una riflessione che occorre fare sulla nuova disciplina i cui all'art. 2497 c.c.; l'occasione la fornisce la circolare Assonime n. 44 del 23/10/06. Circolare che, in realtà, non tocca aspetti fiscali, ma che, comunque, nel richiamare la possibilità di delineare e formalizzare l'azione di direzione e coordinamento con un accordo di natura privatistica fa venir in mente le stesse possibilità presenti nell'ordinamento tributario.

Italia Oggi - A. Felicioni -  art. pag. 37