Rassegna stampa del 13 novembre 2006
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Patentino Antiriciclaggio è lo strumento che permette l'adempimento dell'obbligo di formazione previsto dall'articolo 11 com. 3 del D.M. 141/2006 e dall'articolo 3 com. 4 del D.M. 143/2006 .

Il cd-rom contiene:

il corso multimediale
il codice identificativo
il link a cui è possibile collegarsi per sostenere l'esame

Rispondendo correttamente alle domande dei consulenti di Data Print Grafik, verrà rilasciata una certificazione valida ai fini di assolvere l'obbligo di legge.

Hai già pensato alla formazione?
Se ancora non lo hai fatto, visita il sito www.dataprintgrafik.it

Elenco clienti senza il "codice"

Un comunicato stampa fornisce le prime linee-guida sul nuovo obbligo per il 2006. La comunicazione non dovrà contenere la "carta d'identità" fiscale

Snellite le procedure per la presentazione dei nuovi elenchi clienti e fornitori. Con un comunicato stampa del 10 novembre, le Entrate hanno anticipato che nell'elenco clienti relativo al 2006, da presentare entro il 29 aprile 2007, basterà indicare la partita Iva dei clienti nei confronti dei quali sono state effettuate operazioni di vendita. Non è necessario - afferma l'Agenzia -  riportare anche il loro codice fiscale, come previsto dalla legge. La precisazione si è resa necessaria perchè numerosi contribuenti hanno chiesto il codice fiscale ai propri clienti, titolari di partita Iva, per includere il dato nel nuovo elenco, previsto dall'articolo 37 del decreto legge 223/06 (Bersani-Visco) che ha modificato l'articolo 8-bis del Dpr 322/98. Nulla, invece, è detto riguardo i dati da riportare per i fornitori dai quali sono stati effettuati acquisti rilevanti e per i quali, verosimilmente, sarà richiesto anche il codice fiscale.

Il Sole 24 Ore - sabato 11 novembre - R. Portale - art. pag. 27

Modelli F24 a regime

Per artigiani e commercio

E' stata ultimata la spedizione dei modelli F24 relativi alla terza emissione 2006, per il versamento dei contributi dovuti nel corrente esercizio dagli artigiani e dai commercianti iscritti in corso d'anno. A comunicarlo è stato lo stesso Inps con il messaggio numero 30031 del 10 novembre 2006. In particolare, in seguito al messaggio dell'Istituto, gli interessati riceveranno cinque moduli F24, corredati da un prospetto di liquidazione dei contributi dovuti. gli stessi moduli riporteranno anche l'indicazione dei termini di versamento. In maniera specifica, con il primo modello dovranno essere corrisposti, alla scadenza del 16 novembre prossimo, i contributi relativi al terzo trimestre 2006, in riferimento al minimale di reddito ed alla prima rata dei contributi riguardanti il minimale di reddito per  periodi pregressi. Con il secondo modello F24 dovranno invece essere versati, entro il 30 novembre 2006, i contributi per il saldo 2005 e anni precedenti e per l'acconto 2006, in riferimento alla quota di reddito eccedente il minimale. Tramite poi il terzo modello F24, dovranno esser corrisposti, entro il 16 febbraio 2007, i contributi riguardanti il quarto trimestre 2006. La terza e quarta rata dei contributi eventualmente dovuti per periodi pregressi, saranno corrisposti con il quarto e quinto modello, alle scadenze rispettivamente del 16 maggio e 16 agosto 2007.

Il Sole 24 Ore - sabato 11 novembre - A. Fo. - art. pag. 31

Iva sulle auto: forfait al 50%

Bruxelles pronta ad accogliere la proposta di Roma sulla detrazione. Il Governo si appresta alla notificazione ufficiale del limite

L'Iva sulle auto sarà indetraibile al 50 per cento. Il che, per i contribuenti, significa un recupero del restante 50% dell'imposta versata per acquisti di auto utilizzate nell'esercizio dell'attività di impresa o professionale e per le spese connesse. La proposta formulata dall'amministrazione italiana a Bruxelles nei giorni scorsi non starebbe trovando ostacoli da parte degli organi comunitari i quali attendono ora, alla luce dell'approvazione definitiva del decreto legge n.258 sul blocco delle compensazioni e sulla restituzione dell'imposta, la notificazione ufficiale del limite forfettario alla detraibilità del tributo.   

Il Sole 24 del lunedì - M. Mobili - art. pag. 31

Soggetti Ires, modifiche retroattive

Primo test di operatività della legge n. 248/06 da applicare entro il prossimo 30 novembre. Ravvedimento inutilizzabile e categorie dei fabbricati incerte

Prima applicazione del decreto Bersani per i soggetti Ires: entro il prossimo 30 novembre, infatti, nella generalità dei casi i contribuenti si dovranno confrontare con l'applicazione pratica delle nuove disposizioni introdotte nella scorsa estate. In relazione alle quali, peraltro, non sono poche né trascurabili le difficoltà e le problematiche operative con cui confrontarsi prima di effettuare il pagamento sia ai fini delle imposte sui redditi sia ai fini dell'Irap. Il contenuto del decreto legge n. 223 del 2006, convertito nella legge n. 248, ha avuto un effetto decisamente rilevante sulle disposizioni contenute nel testo unico delle imposte sui redditi e nelle norme correlate al Tuir ma che, comunque, definiscono un sostanziale cambiamento nei termini di determinazione delle imposte. Senza dimenticare, peraltro, che con successivi provvedimenti normativi le disposizioni originarie sono state ulteriormente modificate generando ulteriori complicazioni nel corretto approccio alle nuove regole. Sempre in tema di versamento di imposta, seppure limitatamente ai fini Irap, vale la pena di ricordare il blocco normativamente imposto rispetto all'eventuale effettuazione del ravvedimento operoso che, dunque, non potrà essere utilmente attivato in caso di mancato rispetto della scadenza ordinaria di pagamento. Un quadro, dunque, non del tutto chiaro con riferimento al quale si affronteranno le problematiche di maggiore spessore senza dimenticare, come già detto, il generale impatto delle novità introdotte per il periodo di imposta ancora in corso.

Italia Oggi Sette - D. Liburdi - art. pag. 15