Rassegna stampa del 24 novembre 2006
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Patentino Antiriciclaggio è lo strumento che permette l'adempimento dell'obbligo di formazione previsto dall'articolo 11 com. 3 del D.M. 141/2006 e dall'articolo 3 com. 4 del D.M. 143/2006 .

Il cd-rom contiene:

il corso multimediale
il codice identificativo
il link a cui è possibile collegarsi per sostenere l'esame

Rispondendo correttamente alle domande dei consulenti di Data Print Grafik, verrà rilasciata una certificazione valida ai fini di assolvere l'obbligo di legge.

Hai già pensato alla formazione?
Se ancora non lo hai fatto, visita il sito www.dataprintgrafik.it

Stretta su case, auto, fisco e terreni

FINANZIARIA 2007/Convertito in legge il dl fiscale. Rincaro del bollo per automobili e moto Euro 0. Torna l'imposta di successione, ma la manovra sta per cambiarla

Il decreto legge fiscale, collegato alla manovra, da ieri è legge. Grazie al sì del senato e senza che il governo ponesse il voto di fiducia. Il testo potrebbe essere pubblicato già oggi in Gazzetta Ufficiale, ma già si sa che alcune delle norme approvate avranno vita breve. Infatti, i senatori, nel varare il dl senza alcuna modifica con sette i voti di differenza tra maggioranza e opposizione (presenti 318, votanti 317, maggioranza 159, a favore 162, contro 155, astenuti zero), hanno chiesto di introdurre alcuni cambiamenti in Finanziaria. In particolare, muteranno le norme che riordinano le concessioni autostradali per adeguarle a quanto richiesto dall'Unione europea. Sarà anche estesa la franchigia sulle successioni e donazioni per le imprese e per i fratelli. E, in manovra, sarà introdotta anche una norma per destinare alla riduzione delle imposte i maggiori introiti derivanti dalla lotta all'evasione, rispetto a quanto preventivato. Le principali misure previste dal collegato fiscale dettano in primis il ritorno sulla scena dell'imposta su successioni e donazioni per i patrimoni oltre il milione di euro. Ma aumentano anche i bolli per moto e motorini ´Euro zero' e l'imposta sulle plusvalenze realizzate con la vendita di immobili posseduti da meno di un lustro. E arrivano anche nuove norme anti-elusione e nuove regole sulle concessioni autostradali.

Italia Oggi - art. pag. 29

Torna la tassa di successione, tre aliquote

Franchigia di 1 milione per ogni coniuge e parente in linea retta. La legge forse oggi

La tassazione dei trasferimenti per successione e donazione torna, con la legge di conversione del Dl 262/06, in linea di massima, all'assetto che essa aveva prima della soppressione dell'imposta di successione e donazione operata dalla legge 383/2001. Il concetto di fondo che caratterizza gli interventi normativi contenuti nel Dl 262 (con le modifiche introdotte nella legge di conversione del provvedimento d'urgenza) è che viene sottoposta a tassazione (salvo singole eccezioni, come accade ad esempio per i titoli di Stato oggetto di successione ereditaria) la trasmissione gratuita, inter vivos o mortis causa, di qualsiasi attività, con le seguenti aliquote: - il 4 per cento (ma con franchigia di un milione da moltiplicare tante volte quanti sono i beneficiari) se la successione o la donazione hanno come beneficiari il coniuge e i parenti in linea retta del donante o del defunto; - il 6 per cento (senza alcuna franchigia) se la donazione o la successione hanno come beneficiari i parenti fino al quarto grado, gli affini in linea retta e gli affini in linea collaterale fino al terzo grado; - l'8 per cento (anche qui senza alcuna franchigia) se la successione o la donazione hanno come beneficiari qualsiasi altro soggetto diverso da quelli precedentemente indicati. 

Il Sole 24 Ore - A. Busani - art. pag. 3

Negozio chiuso per evasione fiscale

FINANZIARIA 2007/ Stretta sulle sanzioni in materia di infrazioni degli obblighi strumentali Iva. Basta la sola contestazione di tre violazioni in cinque anni

Negozio ´chiuso per evasione fiscale' subito dopo la terza infrazione dell'obbligo di rilasciare scontrini e ricevute. D'ora in poi sarà infatti sufficiente la semplice contestazione di tre violazioni commesse nell'arco di cinque anni, e non più l'accertamento definitivo, per l'applicazione della sanzione accessoria della sospensione dell'attività da un minimo di tre giorni a un massimo di un mese. Il provvedimento che ordina la chiusura, inoltre, sarà immediatamente esecutivo. Questo giro di vite sulla disciplina sanzionatoria in materia di violazioni degli obblighi strumentali Iva è frutto delle disposizioni contenute nei commi da 8 a 8-ter dell'art. 1 del dl 262/2006, definitivamente approvato ieri dal parlamento. Il decreto chiarisce anche che la trasmissione telematica dei corrispettivi da parte dei soggetti non tenuti all'emissione della fattura, introdotta dal dl 223/2006, non fa venire meno l'obbligo di emettere scontrini e ricevute fiscali, ma resta salva la speciale dispensa concessa dalla legge n. 311/2004 (Finanziaria 2005) alle imprese della grande distribuzione.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 31

Dati ipocatastali, visure gratis e aumento del costo dell'elenco soggetti

Nella Finanziaria 2007

Disco verde per la gratuità delle visure e l'aumento del costo dell'elenco soggetti da 7 euro a pagina (che può contenere fino a 10 nominativi) a 4 euro a soggetto. Mentre il ddl Finanziaria 2007 stabilisce la nuova disciplina per la riutilizzazione dei dati ipocatastali (prima contenuta nel comma 371 della Finanziaria 2005) prevedendo che è sì necessario stipulare una convenzione con l'Agenzia del territorio, ma non si paga più per ogni riutilizzo (il versamento unico è però aumentato del 20% con l'aggiunta di un costo fisso), i commi dal 65 al 68 dell'art. 2 del dl fiscale fissano un nuovo tariffario. In particolare, per compensare l'esenzione dai tributi decisa per le visure catastali, prevedono dei leggeri aumenti e un raddoppiato del costo per richieste relative a più di una circoscrizione o sezione staccata.

Italia Oggi - A. Gorret - art. pag. 31

Comuni, nuovi fondi dal 5 per mille

FINANZIARIA 2007/ Le amministrazioni devono iscrivere correttamente le entrate a bilancio. Dalla quota dell'Irpef finanziamenti alle attività sociali

Ritorna in vita la destinazione del 5 per mille diretta al finanziamento di precise finalità a carattere sociale. Possibilità per i comuni di raccogliere fondi da destinare ad attività e iniziative sociali, con conseguente sviluppo di adeguate forme di marketing sociale. Il comma 738 del maxiemendamento alla Finanziaria 2007 prevede che, per l'anno finanziario 2007, con riferimento al periodo di imposta 2006, fermo quanto già dovuto dai contribuenti a titolo di imposta sul reddito delle persone fisiche, una quota pari al 5 per mille della stessa imposta sia destinata, in base alla scelta volontaria da parte del contribuente, alle seguenti finalità: a) sostegno del volontariato, delle onlus e delle associazioni di promozione sociale, queste ultime iscritte nei registri nazionale, regionali e provinciali, previsti dall'art. 7, commi 1, 2, 3, 4, della legge 383/2000; b) sostegno delle associazioni e fondazioni riconosciute operanti, in via esclusiva o permanente, nei settori di cui all'art. 10, comma 1, lett. a), del dlgs. 460/97; c) finanziamento della ricerca scientifica e delle università; d) finanziamento della ricerca sanitaria; e) attività sociali svolte dal comune di residenza dal contribuente.

Italia Oggi - M. Esposito - art. pag. 53