Rassegna stampa del 7 dicembre 2006
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Patentino Antiriciclaggio è lo strumento che permette l'adempimento dell'obbligo di formazione previsto dall'articolo 11 com. 3 del D.M. 141/2006 e dall'articolo 3 com. 4 del D.M. 143/2006 .

Il cd-rom contiene:

il corso multimediale
il codice identificativo
il link a cui è possibile collegarsi per sostenere l'esame

Rispondendo correttamente alle domande dei consulenti di Data Print Grafik, verrà rilasciata una certificazione valida ai fini di assolvere l'obbligo di legge.

Hai già pensato alla formazione?
Se ancora non lo hai fatto, visita il sito www.dataprintgrafik.it

L'ok del fisco ai documenti digitali

L'Agenzia delle entrate ha diffuso la circolare con i chiarimenti sulla conservazione delle scritture. Adempimenti soft per fatture e libri. Esclusi scontrini e ricevute

Non occorre l'intervento del pubblico ufficiale per la conservazione elettronica di documenti analogici originali ´non unici', come le fatture e i libri contabili. Anche il documento di trasporto può essere emesso in veste informatica, mentre la forma cartacea è imprescindibile per gli scontrini e le ricevute fiscali. Il processo di conservazione dei documenti informatici dovrà effettuarsi con cadenza almeno quindicinale per le fatture, fermi restando i termini di registrazione. Le violazioni delle disposizioni che disciplinano la conservazione elettronica dei documenti tributari, qualora pregiudichino l'attendibilità delle contabilità, potranno dare luogo all'accertamento induttivo. Sono alcuni passaggi della circolare n. 36 del 6 dicembre 2006, con la quale l'Agenzia delle entrate ha fornito gli attesi chiarimenti in merito alle disposizioni del dm 23 gennaio 2004, che ha finalmente regolamentato la conservazione informatica delle scritture contabili, prevista dall'ordinamento sin dal 1994.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 31

Fallimenti, pagamenti per bonifico

Lo prevedono le bozze di circolari messe a punto dal tribunale di Milano per curatori e cancellerie. Serve l'autorizzazione del giudice per le somme sopra 3.500 €

Chiarimenti in arrivo per curatori e cancellerie sui nuovi fallimenti. Il tribunale di Milano ha messo a punto una bozza di maxi circolare che detta le regole comportamentali per i curatori e per l'organizzazione delle cancellerie. Secondo l'orientamento espresso dalla sezione fallimentare del tribunale meneghino, guidata da Bartolomeo Quatraro, questa circolare si applicherà solo alle domande di concorso fallimentare presentate dopo il 16/07/2006. Si fanno più stringenti i controlli sui pagamenti. La nuova legge prevede l'originale del mandato di pagamento del giudice delegato e la copia conforme che viene rilasciata al curatore e portata in banca per versare la somma. La copia a ricalco è stata trasformata in copia conforme da rilasciare al curatore. Il nuovo mandato di pagamento è redatto in duplice copia esemplare: il primo sarà conservato in cancelleria e il curatore dovrà chiedere qualsiasi firma al giudice solo tramite segreteria non più personalmente. Il secondo, invece, va al curatore e poi alla banca. Per i pagamenti superiori a 3.500 euro il curatore dovrà consegnare alla banca anche la copia del provvedimento del giudice che autorizza il pagamento. Una volta effettuata l'operazione, l'istituto di credito dovrà darne notizia alla cancelleria e ritrasmettere il materiale del curatore solo per gli importi sopra i 3.500 euro. Tutte le operazioni, sia per il curatore sia per i terzi, devono avvenire mediante bonifico bancario. L'assegno circolare può essere usato solo su autorizzazione del giudice.

Italia Oggi - C. Cinti - art. pag. 32

Studi di settore al traguardo

L'orientamento è emerso dall'incontro dell'Agenzia delle entrate con i professionisti. A partire dal 2007 lo strumento andrà a regime

Dal 2007 gli studi di dottori commercialisti, ragionieri, consulenti del lavoro e avvocati escono dal monitoraggio e diventano definitivi. Ma il nuovo prototipo con cui saranno calcolate le risultanze potrà essere utilizzato in modo favorevole per il contribuente anche per il passato, per le annualità cioè in cui si sono applicate precedenti versioni di Gerico meno ´sofisticate'. Inoltre, avvocati, dottori commercialisti, ragionieri e consulenti del lavoro chiedono la creazione di indici di coerenza su misura, aderenti alle realtà professionali. Sono questi alcuni degli orientamenti emersi ieri durante la riunione dei rappresentanti dei professionisti con gli esperti dell'amministrazione finanziaria. Sperimentazione degli studi di settore in soffitta, dunque, e avvio dell'era dell'applicazione definitiva dello strumento. Anche se per l'approvazione definitiva il cammino è ancora lungo. L'incontro di ieri, infatti, ha avuto lo scopo di un confronto sull'evoluzione del prototipo dello studio di settore in applicazione dal 2007.

Italia Oggi - C. Bartelli - art. pag. 49

EMens, verifiche sul 2005

L'Inps busserà alle porte di aziende e consulenti per acquisire i flussi EMens 2005

Con messaggio n. 32352/2006, l'Istituto previdenziale invita le sedi periferiche a promuove ogni iniziativa, incluso l'accesso presso aziende e/o studi degli intermediari, per recuperare i dati delle denunce mensili relativi ai periodi mancanti dello scorso anno. L'Emens è la procedura telematica di trasmissione dei flussi retributivi e contributivi mensili, in vigore dal mese di gennaio del 2005 e finalizzata, tra l'altro, a velocizzare il riconoscimento dell'anzianità contributiva (che serve non solo ai fini pensionistici, ma anche per ogni altra prestazione erogata dall'Inps) ai lavoratori assicurati. La legge n. 326/2003, in particolare, ha previsto che, a partire dalle retribuzioni del mese di gennaio 2005, le aziende trasmettano mensilmente agli enti previdenziali in via telematica (direttamente o tramite gli incaricati), entro l'ultimo giorno del mese successivo a quello di riferimento, i dati retributivi e le informazioni utili al calcolo dei contributi, all'implementazione delle posizioni assicurative individuali e all'erogazione delle prestazioni.

Italia Oggi - C. De Lellis - art. pag. 50