Rassegna stampa del 15 dicembre 2006
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik


Antiriciclaggio XP è un software gestionale per l’adozione delle misure previste dai Decreti n. 141 e 143 del 3 febbraio 2006.

Antiriciclaggio XP aiuta a comprendere tutta la normativa e guida nella organizzazione e nella predisposizione dell'Archivio Unico Informatico.

Il software permette di:
  • registrare i dati per l'identificazione dei clienti

  • importare i dati anagrafici direttamente dall'applicativo gestionale utilizzato (f.to ASCII o XML)

  • registrare tutte le operazioni effettuate per conto del cliente nell'Archivio Unico Informatico (Aui)

  • predisporre la modulistica necessaria per la segnalazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze delle violazioni all’art. 1 L. 197/91

  • predisporre la modulistica necessaria per la segnalazione all'Uic (Ufficio italiano cambi) delle operazioni sospette.

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Sanatoria per le black list

Finanziaria 2007 - Paradisi fiscali, omessa indicazioni di costi sanabile con pena massima a 50mila euro. Le sanzioni più leggere applicabili anche al passato

Nel Ddl della Finanziaria 2007 trova finalmente spazio anche il nuovo regime sanzionatorio per la mancata indicazione in dichiarazione dei costi derivanti dai rapporti con fornitori di Paesi a fiscalità privilegiata. Unitamente alla norma "a regime", è stata introdotta anche una sanatoria per le violazioni commesse in passato. La prima modifica è apportata nell'articolo 110 del Tuir in cui resta fermo che le spese derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti e soggetti ubicati in Paesi indicati nella blacklist vanno indicate in dichiarazione. Viene però eliminato il periodo in base al quale la mancata indicazione comportava, comunque, il disconoscimento della deducibilità anche quando era possibile provare l'esistenza delle esimenti, cioè che la spesa era sostenuta in rapporto a un soggetto estero che svolge prevalentemente un'attività commerciale effettiva o, in alternativa, che le operazioni poste in essere rispondono a un interesse economico e hanno trovato concreta esecuzione.

Il Sole 24 Ore - art. pag. 5

Casse di previdenza, c'è l'autonomia

Finanziaria 2007 - La norma sarà retroattiva. E permetterà di sanare i casi di contenzioso in corso. Più flessibilità agli enti per garantire l'equilibrio finanziario

L'autonomia delle casse di previdenza finalmente in Finanziaria. L'attesa norma che riconosce agli enti privatizzati una maggiore flessibilità di intervento nella definizione delle misure atte a mantenere l'equilibrio finanziario di lungo periodo fa, infatti, parte dell'emendamento del governo (comma 394 bis) che riscrive da cima a fondo la manovra 2007. Le Casse potranno mettere mani a ´provvedimenti di determinazione dei requisiti di accesso ai trattamenti pensionistici, di variazione delle aliquote contributive, di riparametrazione dei coefficienti di rendimento o di ogni altro criterio di determinazione del trattamento pensionistico avuto riguardo al principio del pro rata in relazione alle anzianità già maturate rispetto alla introduzione delle modifiche derivanti dai provvedimenti suddetti e comunque tenuto conto dei criteri di gradualità e di equità fra generazioni'. Non solo. Le proiezioni attuariali dovranno ricondursi a un arco temporale non inferiore ai 30 anni, fino a oggi è stato di 15. Ancora, il correttivo fa salvi gli atti e le deliberazioni adottati e approvati dai ministeri vigilanti prima dell'entrata in vigore della stessa Finanziaria. La retroattività della norma permetterà così di risolvere i casi di contenzioso in corso a seguito della modifica del regime previdenziale.

Italia Oggi - I. Marino - art. pag. 29

Un dietrofront sulle auto aziendali

Finanziaria 2007 - Sostituti d'imposta, conti da rifare. Imprese, deducibilità in pari misura. Torna (già per il 2006) la rilevanza al 30% del fringe benefit

Per i sostituti di imposta dietro front sulle modalità di conguaglio dei redditi di lavoro dipendente in caso di attribuzione dell'auto aziendale in uso promiscuo: torna infatti, per il 2006, la rilevanza del fringe benefit in percentuale pari al 30 per cento calcolata sulla percorrenza convenzionale di 15 mila chilometri. Con conseguente deducibilità nella stessa misura per le imprese. Con la nuova formulazione della norma, peraltro, sono risolti i problemi legati ad eventuali risoluzioni dei rapporti di lavoro intervenute, in linea di principio, nell'intero 2006. Inoltre, una volta definite le regole ai fini Iva, l'intervento prioritario ai fini delle imposte sul reddito sarà proprio quello in materia di reddito di lavoro dipendente. È' questo quanto emerge dalla lettura del comma 324 dell'articolo unico contenente il disegno di legge relativo alla Finanziaria per il 2007 che interviene a modificare quanto previsto dall'articolo 2, comma 72 del decreto legge n. 262 del 2006.

Italia Oggi - D. Liburdi - art. pag. 31

La p.a. digitale non regge il passo

Pubblicato il piano triennale 2007-09 del Cnipa.

La digitalizzazione della p.a. non regge il passo. Il fabbisogno di spesa Ict per il prossimo triennio (6,2 milioni di euro) non si discosta molto da quanto richiesto nel precedente piano triennale. In percentuale, le amministrazioni hanno evidenziato un minore fabbisogno finanziario per il primo anno, rispetto al precedente piano triennale, di circa il 7%. Gli enti pubblici non economici hanno invece aumentato le loro previsioni di spesa del 4% circa. Ma l'amministrazione reclama ulteriori fondi per mantenere in pieno i sistemi esistenti e auspica lo stanziamento di apporti straordinari per i prossimi anni. È quanto emerge dal Piano triennale 2007-2009 del Cnipa (Centro nazionale per informatica nella pubblica amministrazione), appena pubblicato e già trasmesso dal suo Presidente al ministero per le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione nello scorso mese di luglio. Il piano costituisce il principale riferimento della programmazione dello sviluppo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nella pubblica amministrazione centrale.

Italia Oggi - S. Nobili - art. pag. 45

I dipendenti devono essere formati sul codice della privacy

Il provvedimento del garante dà incarico ai lavoratori dell'uso dei dati personali. I dipendenti devono essere formati sul codice della privacy.

I dipendenti devono essere incaricati del trattamento dei dati. Il provvedimento 23/11/2006 del garante per la protezione dei dati personali (pubblicato sulla G.U. n. 285 del 7/12/06), con il quale sono state fornite ´linee guida in materia di trattamento di dati personali di lavoratori per finalità di gestione del rapporto di lavoro alle dipendenze di datori di lavoro privati' ribadisce la necessità di un adempimento. Non solo i dipendenti devono essere designati quali incaricati del trattamento. Devono anche essere formati sulle prescrizioni del Codice della privacy. Senza la formazione del dipendente, in caso di danni a terzi per illegittimo trattamento dei dati rischia anche il datore di lavoro che non ha fornito corrette istruzioni al suo personale. Il garante non lascia adito a dubbi. Il datore di lavoro ha l'obbligo di preporre alla custodia dei dati personali dei lavoratori apposito personale, specificamente incaricato del trattamento, che ´deve avere cognizioni in materia di protezione dei dati personali e ricevere una formazione adeguata. In assenza di un'adeguata formazione degli addetti al trattamento dei dati personali, il rispetto della riservatezza dei lavoratori sul luogo di lavoro non potrà mai essere garantito'. E poiché l'assenza di formazione adeguata è direttamente riconducibile alla negligenza del datore di lavoro la conseguenza è la sua responsabilità per i danni a terzi provocati dalla condotta del lavoratore.

Italia Oggi - A. Ciccia - art. pag. 46