Rassegna stampa dell' 8 gennaio 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik


Antiriciclaggio XP è un software gestionale per l’adozione delle misure previste dai Decreti n. 141 e 143 del 3 febbraio 2006.

Antiriciclaggio XP aiuta a comprendere tutta la normativa e guida nella organizzazione e nella predisposizione dell'Archivio Unico Informatico.

Il software permette di:
  • registrare i dati per l'identificazione dei clienti

  • importare i dati anagrafici direttamente dall'applicativo gestionale utilizzato (f.to ASCII o XML)

  • registrare tutte le operazioni effettuate per conto del cliente nell'Archivio Unico Informatico (Aui)

  • predisporre la modulistica necessaria per la segnalazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze delle violazioni all’art. 1 L. 197/91

  • predisporre la modulistica necessaria per la segnalazione all'Uic (Ufficio italiano cambi) delle operazioni sospette.

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Attuazione con doppia corsia

La manovra 2007. I commi della Finanziaria impongono una mole di record di provvedimenti per dare corso alle novità. Da Economia e Palazzo Chigi attesi più di 120 testi, anche senza scadenza

Non solo è la più lunga dal dopoguerra e una delle più ricche. La Finanziaria 2007 polverizza tutti i record e si rivela anche la manovra più complessa da attuare. Sono infatti 370 i provvedimenti di diversa natura - soprattutto i decreti ministeriali, ma anche  Dpcm, accordi, regolamenti, convenzioni - che le misure disseminate lungo i 1.364 commi aspettano per conquistare l'operatività. E se per 144 provvedimenti attuativi la legge 296/06 fissa un termine per l'approvazione, gli altri 226 si risolvono in un impegno senza data. Così la legge distribuisce a pioggia, tra ministeri e Agenzie, autonomie locali e organismi vari gli impegni per il 2007. E anche oltre: nel calendario dell'attuazione sono infatti 133 i provvedimenti da mettere a punto e approvare entro fine anno., ma le scadenze fissate dalla Finanziaria si allungano fino al 31 marzo 2009. 

Il Sole 24 Ore - sabato 6 gennaio - V. Maglione - art. pag. 22

Dati sensibili, sei ministeri in ritardo

Privacy, il Garante ha già approvato 85  regolamenti-tipo e 928 singoli

E fanno otto. Tante sono le proroghe concesse negli ultimi due anni (cioè da quando è arrivato il Codice della privacy) dal legislatore alla pubblica amministrazione per adeguarsi al trattamento dei dati sensibili. L'ultimo differimento è arrivato con il milleproroghe  a fine anno e ha fatto slittare l'obbligo al 28 febbraio prossimo. A dire il vero, la pretesa era di chiudere la partita entro il 31 maggio. Il Garante della privacy ha invece ottenuto che lo slittamento sia solo di due mesi. A essere in ritardo sono sei ministeri: Lavoro, Solidarietà sociale, Commercio internazionale, Comunicazioni, Economia e Salute.

Il Sole 24 Ore - sabato 6 gennaio - A. Cherchi - art. pag. 23

Concorrenza, fuori le leggi anti Ue

Una sentenza del tribunale di Roma conferma il potere di annullamento che spetta all'Antitrust. Ma contro le imprese non possono essere irrogate sanzioni

Il tribunale civile valida la prassi dell'Antitrust. Il Garante della concorrenza e del mercato può disapplicare le leggi nazionali in contrasto con il diritto comunitario e colpire i comportamenti anticoncorrenziali delle imprese favoriti o posti da tali norme. Ma non può irrogare sanzioni. E' quanto prevede la sentenza n.25150/2006 della IX sezione civile del tribunale di Roma depositato lo scorso 6 dicembre che ha rigettato la richiesta di risarcimento danno per comportamento anticoncorrenziale da parte di un'azienda tedesca importatrice di fiammiferi in Italia contro il consorzio Cif che fino al 1998 aveva operato in regime di monopolio.

Italia Oggi - sabato 6 gennaio - C. Cinti - art. pag. 36

Consenso scritto per tenere il tfr

Regole e modalità sulle decisioni da prendere non oltre giugno 2007 (entro sei mesi dall'assunzione). Se il lavoratore tace, trattamento destinato ai fondi pensione

Tfr o pensione  integrativa? La scelta che oltre 11 milioni di lavoratori italiani devono prendere nei prossimi sei mesi è solo ed esclusivamente tra questi due estremi: è meglio conservare il tfr come retribuzione differita da incassare al momento della risoluzione del rapporto di lavoro oppure è più conveniente rinunciare al tfr e costruirsi una pensione integrativa? Tutto il resto, fatto di novità per lo più introdotte dalla finanziaria (in primo luogo l'istituzione del fondo di tesoreria Inps), non riguarda i lavoratori, ma solo la gestione (e le casse) della aziende. 

Italia Oggi - sabato 6 gennaio - D. Cirioli - art. pag. 43