Rassegna stampa del 9 gennaio 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Patentino Antiriciclaggio è lo strumento che permette l'adempimento dell'obbligo di formazione previsto dall'articolo 11 com. 3 del D.M. 141/2006 e dall'articolo 3 com. 4 del D.M. 143/2006 .

Il cd-rom contiene:

il corso multimediale
il codice identificativo
il link a cui è possibile collegarsi per sostenere l'esame

Rispondendo correttamente alle domande dei consulenti di Data Print Grafik, verrà rilasciata una certificazione valida ai fini di assolvere l'obbligo di legge.

Hai già pensato alla formazione?
Se ancora non lo hai fatto, visita il sito www.dataprintgrafik.it

Finanziaria sotto tutela Ue

La manovra 2007 - Ventinove misure dipendono da Bruxelles: dal cuneo al Tfr al reverse charge. Senza il via libera stallo per molte agevolazioni alle imprese

Nella corso a ostacoli verso l'attuazione, la Finanziaria 2007 deve superare anche le 29 barriere che vengono da Bruxelles. Sono infatti dieci le novità introdotte dalla legge 296/06 che aspettano, per conquistare l'efficacia, l'autorizzazione dell'Ue. E si tratta di misure di grande impatto: dai tagli al cuneo fiscale alla gestione del Tfr da parte dell'Inps. Non solo. Per altre 18 misure, i commi della Finanziaria chiedono esplicitamente il rispetto degli obblighi comunitari. Mentre un comma fa riferimento a una decisione concertata tra organismi nazionali e comunitari.

Il Sole 24 Ore - V. Maglione - art. pag. 26

Antiriciclaggio, chiarimenti sprint

Il ministero dell'economia ha inviato al Consiglio di stato le precisazioni sul decreto correttivo. Salta l'iscrizione all'albo e la redazione diventa compilazione

Sull'Antiriciclaggio correzioni sprint del ministero dell'Economia. E' stato inviato ieri al consiglio di stato il documento con le proposte di modifica e chiarimenti degli esperti di via XX Settembre dopo il parere con osservazioni che il Consiglio di stato aveva fornito in merito al decreto correttivo sull'antiriciclaggio. Provvedimento quest'ultimo che conterrà l'estensione ai tributaristi degli adempimenti di identificazione e segnalazioni, nell'ambito della propria attività professionale, troppo limitante per il riferimento all'iscrizione in albi, e utilizzo, per una attività esente, del termine "redazione e trasmissione di dichiarazioni", troppo omnicomprensivo. Gli esperti del ministero rispondono sul primo punto che, nel caso in cui l'espressione utilizzata (soggetto iscritto ai relativi collegi, ordini, albi ed elenchi come individuato all'art.2, comma 1, lettera s), s)bis e t) del decreto legislativo 20 febbraio 2004 n.56, anche quando svolge l'attività professionale in forma societaria o associativa) non indichi con sufficiente chiarezza che sono liberi professionisti, anche i soggetti che svolgono gli stessi servizi, pur non essendo iscritti in ordini e albi, la definizione può essere modificata eliminando il riferimento all'iscrizione e utilizzando semplicemente i due punti "libero professionista: uno dei soggetti indicati(...)". Per l'uso del termine "redazione e trasmissione di dichiarazioni" da via XX Settembre propongono di utilizzare al posto di redazione, l'espressione "compilazione". 

Italia Oggi - C. Bartelli, A. Gorret - art. pag. 31

Servizi sociali, esenzione Iva ampia

FINANZIARIA 2007 - Una norma interpretativa e una innovativa sulle prestazioni assistenziali. Possibilità per le cooperative di fatturare con l'aliquota al 4%

Ampliato il raggio dell'esenzione dall'Iva dei servizi socio-sanitario-assistenziali, prevista dal n.27-ter dell'art.10 del dpr 633/72: dal 1° gennaio scorso infatti il trattamento di favore si applica anche alle prestazioni rese nei confronti di persone migranti, senza fissa dimora, richiedenti asilo, di persone detenute, di donne vittime di tratta a scopo sessuale e lavorativo. Questo l'effetto di una disposizione della Finanziaria 2007. Un'altra disposizione di interpretazione autentica, contenuta nella stessa legge prevede la possibilità per le cooperative di sottoporre all'aliquota del 4% determinate prestazioni a soggetti svantaggiati, tra cui quelli appartenenti alle nuove categorie aggiunte nel n.27-ter.

Italia Oggi - F. Ricca- art. pag. 32

Cara la successione per il coniuge

FINANZIARIA 2007 - Il testo del comma 78 dell'art. 1 esclude dall'agevolazione moglie e mariti. La neutralità nei passaggi d'azienda vale solo per figli e nipoti

Il coniuge che continua l'azienda familiare paga le imposte di successione in misura piena. La neutralità fiscale di donazioni e successioni di aziende vale solo nel caso dei figli e del nipote e non nell'ipotesi della moglie o del marito. E' questa la conclusione a cui si deve giungere dalla lettura del comma 78 dell'articolo unico della legge 296/2006 che ha aggiunto il comma 4-ter all'articolo 3 del decreto legislativo n.346/1990. 

Italia Oggi - N. Villa - art. pag. 33