Se non vedi correttamente la Rassegna Stampa clicca qui

Rassegna stampa del 17 gennaio 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Patentino Antiriciclaggio è lo strumento che permette l'adempimento dell'obbligo di formazione previsto dall'articolo 11 com. 3 del D.M. 141/2006 e dall'articolo 3 com. 4 del D.M. 143/2006 .

Il cd-rom contiene:

il corso multimediale
il codice identificativo
il link a cui è possibile collegarsi per sostenere l'esame

Rispondendo correttamente alle domande dei consulenti di Data Print Grafik, verrà rilasciata una certificazione valida ai fini di assolvere l'obbligo di legge.

Hai già pensato alla formazione?
Se ancora non lo hai fatto, visita il sito www.dataprintgrafik.it

Bilanci, lo standard in attesa

Per l'attuazione del modello internazionale "Xbrl" i tempi sono troppo stretti. L'Associazione: la scadenza del 31 marzo non potrà essere rispettata

Il tempo ristretto e la fretta del Governo non giocano a favore di Xbrl, lo standard internazionale per la redazione dei bilanci. In Italia, la nuova comunicazione finanziaria d'impresa, modello eXtensible Business Reporting Language, non potrà decollare entro il 31 marzo. Il termine fissato dalla legge Visco-Bersani (248/06) per il deposito, al Registro imprese, degli atti societari in formato elaborabile dovrebbe subire "uno slittamento di almeno 12 mesi". Non solo: nel frattempo è saltata anche la scadenza, fissata  dalla stessa legge al 31 dicembre, per il varo delle regole tecniche. A richiedere il rinvio è l'Associazione italiana per lo sviluppo e la diffusione di tassonomie e di standard tecnologici in campo economico-finanziario. Nel mondo sono oltre 250 gli enti che lavorano per rendere comparabili fra loro le informazioni societario. Scontento il Presidente di Assosoftware, Bonfiglio Mariotti: "Non si può chiedere alle imprese investimenti, in termini di nuovi prodotti, per giunta in periodi di sovrapposizione con altri adempimenti, e poi rimandare tutto di un anno". Unioncamere fa sapere che "la struttura informatica del Registro imprese è già pronta a ricevere i bilanci nel nuovo formato. 

Il Sole 24 Ore - G. Rengheteanu - art. pag. 31
 

La privacy al debutto nelle scuole

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il regolamento per il trattamento delle informazioni sensibili. A regime lo scambio con le aziende di dati per stage e tirocini

La scuola dialoga con le imprese senza violare la privacy. Con il regolamento per il trattamento dei dati sensibili del ministero della pubblica istruzione (decreto 7 dicembre 2006 n. 305, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 11 del 15 gennaio 2007) entra a regime nella scuola il codice della privacy, in una delle sue parti più importanti e cioè la disciplina dei dati più delicati della persona. Il regolamento codifica ora la possibilità per gli istituti scolastici di comunicare dati alle aziende per tirocini, stage ed esperienze di lavoro. Ma il codice in materia di tutela di riservatezza riceve attuazione, non solo nel mondo della scuola, ma anche nel settore della giustizia.

Italia Oggi - A. Ciccia - art. pag. 30

Iva, attività presunta

Così una sentenza della Cassazione in materia di fisco. Per i beni ceduti in grande quantità

L'acquisto e l'immediata cessione di un consistente quantitativo di beni, compiuti da un soggetto di comprovata esperienza in uno specifico ramo del commercio, è circostanza idonea a provare l'esercizio di un'attività d'impresa da parte di costui. Lo ha precisato la Corte di cassazione con la sentenza 20 dicembre 2006, n. 27208. Sotto la lente del supremo collegio, la natura di un'operazione consistente nell'acquisto all'asta di mobili di antiquariato successivamente venduti a terzi da parte di uno stesso contribuente. Quest'ultimo impugnava un avviso di accertamento emesso, sulla scorta di un processo verbale di constatazione della guardia di finanza, dall'Ufficio Iva di Verona secondo il quale, l'operazione prima descritta, configurando esercizio di attività d'impresa, avrebbe richiesto la corretta tenuta delle scritture prescritte dalla legge ai fini Iva. Nonché l'adempimento, ai medesimi fini, degli obblighi di dichiarazione da parte del suo autore.

Italia Oggi - D. Amendola - art. pag. 31

Pec, ultima chiamata

Indagini finanziarie/ Inadempienti più di 10 mila. Dalle Entrate lettere agli operatori

Ultima chiamata per la Pec. Questa volta l'Agenzia delle entrate fa sul serio e sta inviando agli intermediari finanziari che ancora non si sono dotati della posta elettronica certificata per la ricezione e la trasmissione telematica di dati e notizie relative a indagini bancarie messe in campo dagli uffici fiscali una lettera in cui si intima di provvedere entro 30 giorni, altrimenti scatteranno inderogabilmente le sanzioni. Si tratta della multa da 206,50 a 5.164 euro prevista dall'art. 13 del dpr 605/73, così come modificato dal dl n. 203/2005, per le mancate comunicazioni all'anagrafe tributaria. Che però sale nel caso in cui l'amministrazione finanziaria voglia attivare una ricerca e non possa farlo perché l'operatore è sprovvisto di Pec (anche se poi potrà recuperare ugualmente le informazioni tramite accesso diretto).

Italia Oggi - A. Gorret - art. pag. 33
 

Rimborsi Iva auto, i giudici dicono sì

Applicati in Ctp i principi della Corte di giustizia.

Dai giudici tributari arriva il semaforo verde al rimborso dell'Iva sui costi delle auto aziendali. Con una sentenza depositata il 28 dicembre 2006 (n. 113/08/06), l'ottava sezione della Commissione tributaria provinciale di Parma, applicando i principi statuiti dalla Corte di giustizia nella sentenza del 14 settembre 2006, ha accolto il ricorso presentato da un contribuente contro il silenzio-rifiuto alla restituzione dell'imposta da parte dell'ufficio delle entrate. I giudici, dopo avere ripercorso le tappe della vicenda che ha portato alla pronuncia con la quale la Corte di Lussemburgo ha censurato le limitazioni del diritto di detrazione introdotte nella normativa interna dopo l'entrata in vigore della sesta direttiva, osservano che, non avendo l'ufficio contestato nulla in merito alla natura e all'inerenza degli acquisti da cui scaturiva la pretesa del contribuente, la controversia, instaurata nel 2006 e relativa all'anno d'imposta 2003, attiene alla verifica della legittimità della diretta applicazione delle norme comunitarie, con conseguente disapplicazione delle norme interne con quelle configgenti.

Italia Oggi - R. Rosati - art. pag. 35


Se non desideri ricevere ulteriori articoli della Rassegna Stampa/Newsletter Privacy/ArchiviOk.it
di Data Print Grafik, clicca qui per annullare la tua sottoscrizione.

Privacy
In conformità al D.Lgs. 196/2003, Testo unico della privacy sulla tutela dei dati personali, Data Print Grafik
garantisce la massima riservatezza dei dati e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica
scrivendo a areanews@dataprintgrafik.it.
Potrai prendere visione dell’informativa completa nella sezione Newsletter del nostro sito www.dataprintgrafik.it

Seguici su: Facebook Twitter