Rassegna stampa del 19 febbraio 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik


MANCANO 9 GIORNI ALLA SCADENZA!

Compra subito STAMPATI FISCALI, il software per l'invio telematico dei dati sulle forniture: il 28 febbraio è il termine ultimo!

Alcune funzionalità di Stampati Fiscali:

- codifica personalizzata dei prenumerati fiscali
- gestione registro di carico forniture
- gestione registro di scarico delle vendite
- produzione file telematico ed invio del file per l'anno 2006
- importazione dei dati anagrafici e dei registri

Per maggiori informazioni e per acquistare il software visita il sito www.dataprintgrafik.it

Costi black-list, sanzioni leggere

Con una circolare, risposte dalle Entrate. Doppio canale per le correzioni delle denunce presentate fino al 2006

Sanzione fissa per chi sana l'omessa indicazione dei costi di black-list in dichiarazioni presentate fino al 31 dicembre 2006, prima dell'avvio di una verifica. Se l'irregolarità è già stata contestata, scatta la nuova misura del 10%, con possibilità di dedurre i costi non indicati, fornendo le prove richieste dalla legge. La circolare delle Entrate 11/E di venerdì 16 febbraio chiarisce per la prima volta l'esatta portata delle nuova disciplina sanzionatoria prevista dalla Finanziaria 2007 per i costi dei "paradisi fiscali".

Il Sole 24 Ore - sabato 17 febbraio - L. Gaiani - art. pag. 27

Tempi ristretti per gli elenchi Iva da inviare ad aprile

Elenchi clienti e fornitori

Tempi ristretti per i mensili Iva, con meno di 10mila clienti e fornitori, che entro il 30 aprile dovrebbero inviare online gli elenchi Iva per il 2006. A fissare i nuovi termini per l ritorno dell'obbligo previsto dal decreto legge 223/06 è il provvedimento del direttore generale delle Entrate, in attesa di pubblicazione sulla "Gazzetta Ufficiale". L'elenco clienti dovrà essere compilato, per il 2006, indicando solo i titolari di partita Iva, mentre dall'anno d'imposta 2007 l'obbligo si estenderà a tutte le fatture di vendita, dunque anche quelle emesse nei confronti di consumatori finali.

Il Sole 24 Ore - sabato 17 febbraio - R. Portale, G. Rengheteanu - art. pag. 27

Allarme commercialisti, invii telematici flop

Denuncia del consigliere incaricato ai problemi fiscali e all'informatica del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti

Rischia di fallire il primo appuntamento telematico dell'anno a causa dell'inefficienza dei sistemi di trasmissione. sia nella giornata di giovedì 15 febbraio che nella mattinata di ieri, ultimo giorno valido per la trasmissione elettronica delle comunicazioni Iva, il sistema non consentiva di trasmettere alcuna dichiarazione essendo rimasto bloccato e fuori uso. Tutto ciò sta creando anche in queste ore una situazione di grandissimo stress e disagio nei dottori commercialisti incaricati dai contribuenti dell'inoltro delle comunicazioni: una situazione che “non può più essere tollerata”.

Italia Oggi - sabato 17 febbraio - art. pag. 39

Immobili, il fisco scalda i motori

Una rassegna delle novità in tema di accertamenti ai fini di registro contenute nella circolare 6/07. Salvagente ai contribuenti per i controlli: regole irretroattive

La circolare 6/E del 6 febbraio 2007 offre una panoramica dei nuovi poteri degli uffici in materia di accertamento ai fini degli accertamenti immobiliari delle imposte di registro, ipotecaria e catastale. Ma per fortuna esclude l'applicabilità retroattiva delle novità: per le compravendite concluse prima del 4 luglio le nuove e più rigide non sono applicabili. Di fronte a questi atti l'amministrazione dovrà limitarsi nei suoi interventi ad applicare le regole previdenti che in linea generale davano rilevanza alla valorizzazione catastale (e non venale) del ben compravenduto.
Nuovi criteri e regole per l'accertamento della base imponibile e ampliamento dei poteri degli uffici, sono questi i due argomenti analizzati dal documento di prassi.

Italia Oggi Sette - N. Villa - art. pag. 5

Doppio rebus per le auto

Iva - Da Roma e Bruxelles ancora nessuna indicazione sui rimborsi e sui limiti alla detraibilità. Scadenza del 16 aprile: mancano le percentuali dei settori

Fisco in panne sull'Iva delle auto. A sei mesi dalla pronuncia della Corte di giustizia Ue che ha riconosciuto la detraibilità dell'imposto senza limiti se non quelli legati all'utilizzo, professionisti e imprese no hanno recuperato nulla dell'Iva indebitamente versata. E l'impasse raddoppia sul fronte interno. A meno di 60 giorni dalla scadenza per la presentazione delel richieste di rimborso, fissata per il 16 aprile (il 15 è domenica), le Entrate hanno sì tratteggiato il modello, ma non ancora individuato le percentuali di rimborso, modulate a seconda  dei settori, previste dal Dl 258/06.

Il Sole 24 Ore del lunedì - M. Mobili - art. pag. 24