Rassegna stampa del 6 marzo 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Iva Auto 258 è un software che permette la generazione del file telematico per l’invio della richiesta di rimborso, ai sensi del D.L. 258/06.

Il software consente di:

Importare i dati anagrafici e i dati Iva da telematico

Predisporre un prospetto di analisi dei clienti
Gestire i Quadri AD e AR
Stampare tutti i prospetti e i modelli
Generare il file telematico per l’invio dell’istanza di rimborso.

Affrettati, hai tempo solo fino al 15 aprile per inviare la tua richiesta di rimborso!

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Scioglimenti alleggeriti

Società di comodo. Esclusa la stretta per periodo in corso al 4 luglio 2006 e anteriori alla chiusura. Le istruzioni delle Entrate alla prova del modello Unico 2007

La disciplina dello scioglimento agevolato delle società di comodo trova spazio anche all’interno di Unico 2007. Sono interessati sia il quadro RF, nella parte ordinariamente destinata alla veridica dell’operatività e determinazione del reddito imponibile in cui è stata inserita una apposita casella, sia la sezione II del quadro RQ destinata all’applicazione delle diverse imposte sostitutive per i soggetti che si sciolgono (o si trasformano) in modo agevolato. Ai soggetti che, avendone i requisiti, si avvalgono della disciplina di scioglimento agevolato, non si applicano le disposizioni sulle società di comodo, né per il periodo d’imposta in corso al 4 luglio 2006 né per quello anteriore a scioglimento o trasformazione. In questo senso si è espressa l’agenzia delle Entrate nella circolare 2 febbraio 2007, n. 5.

Il Sole 24 Ore - L. Miele, V. Russo - art. pag. 30

E-mail con privacy sorvegliata

Riservatezza in uffici. Le linee guida del Garante per l’uso di posta elettronica e internet sul luogo di lavoro. No a ispezioni sui dipendenti ma è possibile impedire attività improprie

Le mail e l’uso di Internet sul posto di lavoro non possono essere controllati. L’azienda non può effettuare ispezioni sul contenuto della posta elettronica e sui siti visitati dai dipendenti, perché questo si configura come un controllo a distanza, vietato dallo Statuto dei lavoratori, e come una violazione della riservatezza. Il Garante della privacy ha ribadito la propria posizione su una materia delicata, che oscilla tra protezione dei dati personali, diritti dei lavoratori, pretesa delle imprese di sapere se gli strumenti di lavoro sono usati in modo corretto.

Il Sole 24 Ore - A. Cherchi. - art. pag. 33

L'Iva auto verso una mini proroga

In attesa della pubblicazione in G.U. del provvedimento e dei modelli, mancano le specifiche tecniche. Possibile lo slittamento di un mese per l'istanza di rimborso

I rimborsi Iva auto verso una mini proroga. La scadenza del 15 aprile 2007, contenuta nel provvedimento di Massimo Romano, direttore dell'Agenzia delle entrate, in corso di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, potrà essere rinviata di un mese. L'ipotesi inizia a essere valutata dai tecnici dell'amministrazione finanziaria e tutta una serie di indizi fanno propendere per questa soluzione. Intanto, non risulta ancora pubblicato il provvedimento dell'Agenzia delle entrate che ufficializza l'adempimento, stesso discorso vale per la modulistica che, anche se disponibile sul sito dell'Agenzia delle entrate, non ha il crisma dell'ufficialità della Gazzetta. Mentre mancano totalmente le cosiddette specifiche tecniche, i tracciati record necessari alle software house per predisporre i software. (…)Mentre “il problema vero”, per Bonfiglio Mariotti, presidente di Assosoftware, “è che realizzano uno strumento informatico, sia Sogei sia l'Agenzia delle entrate che nessuno è in grado di inviare perché gli intermediari sono costretti a inserire i calcoli a mano, inoltre”, continua Mariotti, “a me risulta che sarebbe intenzione dell'amministrazione non pubblicare le specifiche tecniche delle istanze, anche se risulta che il 97% degli invii digitali all'Agenzia delle entrate avviene tramite i prodotti di softwarehouse private e solo il 3% con i prodotti dell'Agenzia. Non è che in questa situazione”, si chiede Mariotti, “il governo non voglia far decollare le istanze di rimborso?”.

Italia Oggi - C. Bartelli - art. pag. 31

Cud 2007, le istruzioni dell'Inps

Circolare dell'istituto con le precisazioni per le aziende sulle informazioni previdenziali da inserire. Entro il 15 marzo il modello va compilato e dato ai dipendenti

Il Cud 2007, relativamente ai dati previdenziali, è stato notevolmente semplificato, per effetto dell'introduzione, dal 1° gennaio 2005, della denuncia contributiva Emens. Ma resta l'obbligo del rilascio della certificazione. A ricordarlo è l'Inps con la circolare n. 45/2007, con la quale fornisce alcune precisazioni utili per le aziende che dovranno compilare il modello e darne copia ai propri dipendenti entro il 15 marzo. I dati previdenziali di competenza dell'Inps devono essere certificati nel modello Cud da parte di tutti i datori di lavoro già tenuti alla compilazione e presentazione del modello O1/M (tutti i datori di lavoro pubblici e privati che hanno l'obbligo della presentazione della denuncia contributiva mensile di cui al modello Dm10/2). Si tratta dunque dei datori di lavoro in genere, compresi i non sostituti di imposta, come per esempio le ambasciate, lo stato Città del Vaticano, gli organismi internazionali (Fao, Nato ecc.), le aziende straniere che occupano lavoratori italiani all'estero in paesi non convenzionati (assicurati in regime di legge n. 398/1987). Inoltre, devono essere certificati i compensi corrisposti durante l'anno 2006 ai collaboratori coordinati e continuativi iscritti alla gestione separata Inps (legge n. 335/95).

Italia Oggi - G. Leonardi - art. pag. 39