Rassegna stampa del 12 marzo 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Iva Auto 258 è un software che permette la generazione del file telematico per l’invio della richiesta di rimborso, ai sensi del D.L. 258/06.

Il software consente di:

Importare i dati anagrafici e i dati Iva da telematico

Predisporre un prospetto di analisi dei clienti
Gestire i Quadri AD e AR
Stampare tutti i prospetti e i modelli
Generare il file telematico per l’invio dell’istanza di rimborso.

Affrettati, hai tempo solo fino al 15 aprile per inviare la tua richiesta di rimborso!

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

E-mail e internet, regole scritte

Il Garante della Privacy: le indicazioni per l'uso dei pc potranno essere contenute in una lettera al dipendente. Senza direttive esplicite più fondate le pretese del lavoratore

Una lettera al dipendente, un avviso in bacheca, una guida punto per punto completa di modulistica da far firmare ai dipendenti. Sono alcuni degli strumenti che piccole e grandi imprese, nei prossimi mesi, potranno utilizzare per mettere in chiaro le regole d'uso e i rischi per la privacy di chi utilizza e-mail e internet in azienda. La trasparenza, da realizzare d'ora in poi con indicazioni esplicite, sarà la condizione minima per effettuare lecitamente eventuali controlli sui lavoratori. Con un paio di conseguenze per chi non si adegua: l'inutilizzabilità di atti e informazioni così raccolte, e una futura maggiore fondatezza delle pretese, anche risarcitorie, dei lavoratori. L'informazione preventiva sull'uso dei pc aziendali è del resto ancora una pratica poco diffusa in Italia: si tratta di una scelta operata finora essenzialmente da banche, grossi apparati amministrativi, o grandi società con necessità molto elevate di segretezza e protezione dei mezzi impiegati.

Italia Oggi Sette - S. Saturno - art. pag. 5

Fisco e contribuenti, due calendari

Il decreto 223/06 ha anticipato di tre mesi gli invii telematici. Assosoftware: rischiamo forti ritardi.
La proroga per i professionisti non è tabù. Modelli in stand-by

Il cahier des doleances dei professionisti parte dalle dichiarazioni fiscali. Il decreto Visco-Bersani (dl 223/06) e la Finanziaria 2007 hanno ridotto i tempi per l'invio telematico delle dichiarazioni e in generale di tutti gli adempimenti di versamento di imposte e tasse. La campagna dichiarazioni 2007 è, quindi, virtualmente iniziata, con il conseguente appello dei professionisti a un rinvio dei termini.
Chi già prevede uno sforamento dei termini è Bonfiglio Mariotti, presidente di Assosoftware, l'associazione che riunisce le case produttrici di software, ´La predisposizione dei file, per l'invio telematico delle dichiarazioni dei redditi, non può essere realizzata secondo le nuove scadenze previste dall'Agenzia delle entrate. L'invio anticipato di due-tre mesi dei dati dichiarativi non può prescindere', sottolinea Mariotti, ´dalla diffusione, ugualmente anticipata, di tutti gli strumenti necessari alle software house per l'invio stesso, mentre a oggi quasi nessuna specifica tecnica, nessuna modulistica si può considerare definitiva'.
Attualmente infatti soltanto il modello 730, Unico SC e Pf hanno trovato l'ufficialità della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, mentre gli altri provvedimenti sono ancora allo stato di bozza. La situazione è la stessa per quanto riguarda le specifiche tecniche.
I passi dopo la pubblicazione in G.U. di modelli e specifiche tecniche sono quelli non solo della predisposizione dei software ma anche di una fase di test diagnostico per evitare che i file inviati vengano respinti dal sistema: ´Allo stato attuale', denuncia Mariotti, ´come si può chiedere ai professionisti contabili e agli intermediari in genere che completano la redazione delle dichiarazioni e il relativo pagamento entro metà luglio di preparare ed effettuare gli invii telematici in dieci giorni? Se a questo aggiungiamo i problemi ai software di diagnostica Sogei, che sono inevitabili per prodotti così complessi, e che solo l'enorme mole di controllo e segnalazione dei tecnici delle nostre software house ha consentito negli anni passati il rispetto delle scadenze, ci si può rendere conto di quanto sia difficile rispettare la scadenza di fine luglio'.
A questi problemi si sovrappongono le modulistiche per i nuovi adempimenti 2007: il rimborso Iva auto e la trasmissione degli elenchi clienti e fornitori solo per citarne alcuni tra i più attesi.

Italia Oggi Sette - C. Bartelli - art. pag. 8

La locazione attratta dall'Iva

Risoluzione delle Entrate sulla gestione del regime provvisorio avviato dal Dl 223/06. La società di leasing può recuperare l'imposta di registro

La locazione di fabbricati strumentali iniziata nel periodo 4 luglio-11 agosto2006 in vigenza del Dl 223/06, è naturalmente imponibile Iva, dato che le disposizioni dei decreti legge modificate in sede di conversione decadono fin dall'inizio (se la legge non dispone diversamente). Lo precisa la risoluzione 39/E del 9 marzo, in risposta a un interpello. Il caso riguarda un contratto di locazione finanziaria stipulato il 19 luglio 2006. In  quel periodo la locazione di fabbricati strumentali era comunque esente, senza possibilità di assoggettarla a Iva (articolo 10, punto 8, Dpr  633/72). Dopo la conversione in legge del Dl 223/06 la società di leasing ha ricondotto a Iva il canone anticipato percepito durante il periodo di esenzione. La società, dopo l'entrata in vigore della legge, ha quindi ritenuto applicabile anche per il periodo di vigenza del Dl 223 il regime di imponibilità Iva, avendo perduto d'effetto le norme non convertite.

Il Sole 24 Ore - sabato 10 marzo - G. P. Tosoni - art. pag. 24

Studi di settore in ristrutturazione

Il viceministro Visco ha istituito una commissione per la revisione degli strumenti di accertamento. Si punta a una maggiore aderenza alla realtà economica

Studi di settore in fase di ristrutturazione, anche per renderli più aderenti alla realtà economica e più utili come strumento di accertamento dei ricavi.
Sono questi alcuni dei principali compiti ai quali dovrà rispondere la nuova commissione tecnica istituita con un decreto firmato dal viceministro Vincenzo Visco sugli strumenti di accertamento presuntivo del reddito. Sul tavolo ci sono le future ipotesi di revisione strutturale degli studi di settore.
Il comunicato stampa diffuso ieri dal ministero dell'economia annuncia infatti la costituzione di una commissione che sarà guidata da Guido Rey e dovrà presentare una relazione tecnica entro il 30 settembre 2007.

Italia Oggi - sabato 10 marzo - L. Baglioni - art. pag. 39