Rassegna stampa del 16 marzo 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Iva Auto 258 è un software che permette la generazione del file telematico per l’invio della richiesta di rimborso, ai sensi del D.L. 258/06.

Il software consente di:

Importare i dati anagrafici e i dati Iva da telematico

Predisporre un prospetto di analisi dei clienti
Gestire i Quadri AD e AR
Stampare tutti i prospetti e i modelli
Generare il file telematico per l’invio dell’istanza di rimborso.

Affrettati, hai tempo solo fino al 15 aprile per inviare la tua richiesta di rimborso!

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Recuperi limitati con l'Iva "errata"

La corte europea interviene sulle restituzioni. Fatture sbagliate: niente rimborso dall'Erario al non residente

Un soggetto estero non può chiedere allo Stato italiano il rimborso dell'Iva che gli è stata fatturata per errore da un fornitore nazionale, anche se l'imposta è stata pagata e regolarmente versata all'Erario. Solo il fornitore nazionale è legittimato  a recuperare dal Fisco l'imposta erroneamente addebitata  al cliente e versata, mentre il cliente può ottenere la restituzione di quanto pagato per errore mediante un'azione civile nei confronti del fornitore. L'azione diretta verso l'Erario per ottenere il rimborso dell'Iva versata dal fornitore è esperibile dal cliente solo se è impossibile ottenere la restituzione dell'imposta dal fornitore (ad esempio perchè ha chiuso). Lo ha stabilità la Corte di giustizia Ue, decidendo la causa C-35/05 sollevata dalla Cassazione. 

Il Sole 24 Ore - R. Portale - art. pag. 27

Cud con vista su "730" e Unico

Ieri è scaduto il termine per la consegna delle certificazione sui redditi. Le Entrate consentono anche la trasmissione telematica

Con la consegna del Cud 2007 - il termine è scaduto ieri - i lavoratori sono in possesso del certificato che attesta il reddito del 2006, necessario per compilare la dichiarazione annuale mediante il modello 730 oppure Unico. La Certificazione può essere trasmessa al lavoratore in formato elettronico, purchè sia garantita la possibilità di poterla materializzare per i successivi adempimenti (per esempio, stampare e/o scaricare dal sito aziendale). Secondo l'agenzia delle Entrate è comunque onere del sostituto d'imposta accertarsi che ciascun dipendente si trovi nelle condizioni di ricevere in via elettronica la certificazione, provvedendo, diversamente, alla consegna in forma cartacea.

Il Sole 24 Ore - E. De Fusco - art. pag. 29

Società di comodo, fallimenti fuori

Una circolare delle Entrate con le istruzioni agli uffici per accelerare la gestione delle pratiche. L'istanza di disapplicazione va presentata entro inizio maggio

Le società in fallimento o in liquidazione coatta amministrativa saranno escluse automaticamente dalla disciplina delle società di comodo. Per loro, dunque, niente istanza di disapplicazione, istanza che dovendo essere preventiva rispetto alla presentazione della dichiarazione dei redditi va inoltrata entro inizio maggio, per avere la certezza di una risposta utile prima del 31 luglio 2007. L'inammissibilità o l'improcedibilità delle istanze è accomunata a tutti gli effetti alla mancata presentazione, con la conseguenza che in tali casi non sarà possibile presentare ricorso alle commissioni tributarie contro l'eventuale avviso notificato. Queste alcune delle precisazioni contenute nella circolare n. 15/E del 15 marzo 2007 ancora in tema di società di comodo.

Italia Oggi - A. Felicioni - art. pag. 33

Cinque per mille, rinvio al 30 marzo

Si sposta il termine per l'iscrizione negli elenchi. Il 5 per mille è pronto a slittare.

Sarà il 30 marzo l'ultimo giorno utile entro il quale i beneficiari potranno iscriversi nell'elenco del 5 per mille gestito dall'Agenzia delle entrate. È quanto previsto dalla nuova bozza di decreto del presidente del consiglio dei ministri che sarà emanato a breve e che posticipa il termine finale per venire incontro alle esigenze manifestate dagli enti interessati (onlus, associazioni di promozione sociale e associazioni riconosciute). Lo ha annunciato ieri l'Agenzia delle entrate con un comunicato.
I soggetti che intendono partecipare al riparto della quota del 5 per mille dell'imposta sulle persone fisiche devono effettuare on-line (anche avvalendosi di intermediari abilitati) la richiesta di iscrizione all'Agenzia delle entrate attraverso un'autodichiarazione resa dal rappresentante legale dell'ente richiedente relativa al possesso dei requisiti previsti dalla legge 296 del 2007 al comma 1234.

Italia Oggi - S. Nobili - art. pag. 37