Se non vedi correttamente la Rassegna Stampa clicca qui

Rassegna stampa del 13 aprile 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Iva Auto 258 è un software che permette la generazione del file telematico per l’invio della richiesta di rimborso, ai sensi del D.L. 258/06.

Il software consente di:

Importare i dati anagrafici e i dati Iva da telematico

Predisporre un prospetto di analisi dei clienti
Gestire i Quadri AD e AR
Stampare tutti i prospetti e i modelli
Generare il file telematico per l’invio dell’istanza di rimborso.

Compra subito Iva Auto 258 per inviare la tua richiesta di rimborso!

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Nuovi indici a piena forza

Studi di settore - I valori soglia possono produrre conseguenze sui ricavi per tutti i contribuenti

Tutti i contribuenti soggetti a controllo sulla base degli studi di settore per il periodo di imposta 2006 si dovranno confrontare con i nuovi indicatori di normalità economica, approvati con decreto del 20 marzo 2007. In nuovi indicatori produrranno dunque effetto sui soggetti che, già nel 2005, evidenziavano particolari situazioni di non coerenza. L'impatto, però, riguarderà tutti i contribuenti in relazione alla situazione del periodo di imposta 2006. Inoltre, laddove ci si dovesse confrontare con studi di settore revisionati, l'effetto potrebbe essere addirittura dirompente, potendo discendere da un aggiornamento delle funzioni matematiche, oltre che da un'applicazione dell'analisi della normalità.

Il Sole 24 Ore - G.P. Ranocchi,G. Valcarenghi – art. pag. 29

Iva auto, termine al 20 settembre

Un decreto del presidente del Consiglio ufficializza l'indicazione preannunciata con un comunicato. Più tempo per le istanze

E' ufficiale lo slittamento al 20 settembre 2007 del termine per la presentazione della richiesta di rimborso dell'Iva sulle auto, originariamente prevista per metà aprile (il termine previsto dalla legge era il 15 aprile, che subiva la naturale proroga al 16 per il fatto che il giorno precedente cadeva di domenica). E' stato pubblicato infatti sulla "Gazzetta Ufficiale" n. 85 di ieri 12 aprile 2007 il Dpcm che differisce la scadenza. Il provvedimento riguarda solo la data entro la quale la domanda per il rimborso - secondo le modalità previste dal Dl 258 del 2006 - può essere presentata. Ancora in discussione invece gli importi e le modalità di forfettizzazione delle maggiori imposte dirette da versare.

Il Sole 24 Ore - A. Criscione - art. pag. 31

Associazioni d'impresa più libere

Una sentenza rafforza l'impatto della clausola risolutiva prevista nel contratto. Se il progetto va a monte non è preclusa una nuova unione

Associazione temporanea di imprese, cade ogni obbligo di fronte a una clausola risolutiva. Infatti una delle società associate, dopo essersi vista negare dalla pubblica amministrazione la concessione per realizzare un determinato servizio, può ripetere la domanda associandosi con un'altra impresa senza, per questo, essere responsabile nei confronti della prima. È quanto affermato dalla Corte di cassazione che, con la sentenza n. 8617 del 5 aprile 2007, ha respinto il ricorso di una società, facente parte di un'associazione temporanea d'imprese, che si era vista soffiare un affare perché, dopo il no del ministero dei trasporti alla realizzazione di una autolinea (almeno in riferimento a un certo percorso), una delle consorelle aveva realizzato lo stesso identico progetto con un'altra società fuori dal gruppo.

Italia Oggi - D. Alberici – art. pag. 31

Niente esclusioni Iva per l'in house

Secondo l'Agenzia delle entrate ricorrono tutti i presupposti per l'applicazione del tributo. Paga l'imposta la società che gestisce servizi in affidamento

Le società comunali che gestiscono servizi in affidamento diretto (in house) non sono escluse dall'applicazione dell'Iva. Lo chiarisce bene l'Agenzia delle entrate in una recente risoluzione (n. 37/E, marzo 2007) adottata a seguito di un interpello da parte di una società comunale. L'Ufficio, rigettando l'interpretazione prospettata dal contribuente, invita a tenere ben distinti gli aspetti relativi alle procedure di affidamento dei servizi (assoggettati alla normativa sugli appalti pubblici) dall'applicazione delle norme tributarie. Se è pur vero che la qualifica di società in house può essere sufficiente a escludere la società dall'obbligo di procedura pubblica per l'ottenimento di appalti, è altrettanto vero che detta qualifica non assume alcuna rilevanza in ordine all'individuazione dei presupposti impositivi Iva, nell'ambito dei rapporti giuridici che s'instaurano tra la società e l'ente locale.

Italia Oggi - E. Organni - art. pag. 49


Se non desideri ricevere ulteriori articoli della Rassegna Stampa/Newsletter Privacy/ArchiviOk.it
di Data Print Grafik, clicca qui per annullare la tua sottoscrizione.

Privacy
In conformità al D.Lgs. 196/2003, Testo unico della privacy sulla tutela dei dati personali, Data Print Grafik
garantisce la massima riservatezza dei dati e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica
scrivendo a areanews@dataprintgrafik.it.
Potrai prendere visione dell’informativa completa nella sezione Newsletter del nostro sito www.dataprintgrafik.it

Seguici su: Facebook Twitter