Rassegna stampa del 20 aprile 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik


Il prossimo 22 aprile è il termine ultimo entro il quale i professionisti del settore economico-giuridico-contabile dovranno provvedere alla registrazione, nell’Archivio Unico Informatico, delle informazioni relative ai “vecchi incarichi”, ossia quelli conferiti dai clienti prima dell’entrata in vigore del D.M. 141/2006 (22 aprile 2006) ma ancora in essere dopo un anno.

Antiriciclaggio XP è un software gestionale per l’adozione delle misure previste dai Decreti n. 141 e 143 del 3 febbraio 2006 che aiuta a comprendere tutta la normativa e guida nell'organizzazione e nella predisposizione dell'Archivio Unico Informatico.

Non ti sei ancora adeguato alla normativa antiriciclaggio? Affrettati!

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Fondi Tfr, sconti fiscali stabiliti

Rassicurazioni dal Governo ma le adesioni al secondo pilastro vanno a rilento.

Gli sconti fiscali concessi alla previdenza complementare non sono in discussione. Almeno per ora. Infatti, se è vero che "il Governo non sta studiando alcuna ipotesi di modifica al sistema di tassazione dei fondi pensione, è anche vero che "chi si iscrive al secondo pilastro dovrà convivere per 35 anni con il rischio politico di correzioni". E' stato il consulente del ministero del Lavoro Giovanni Pollastrini a rassicurare sulle intenzioni dell'Esecutivo di non mettere mano al sistema "Ett". Che prevede cioè l'esenzione dei contributi versati al fondo fino a 5.164, 57 euro l'anno (E), la tassazione dei rendimenti finanziari (t) annui all'11% e la tassazione delle prestazioni erogate dal fondo (t): queste ultime però beneficiano dell'aliquota agevolata del 15% che in più si riduce dello 0,30% per ogni anno di partecipazione al fondo pensione oltre il quindicesimo, fino a un minimo del 9 per cento.

Il Sole 24 Ore - M. Lo Conte, V. Maglione - art. pag. 25

Proroga di Unico, cresce il pressing

Dal tavolo tecnico

Un passo in avanti verso la proroga delle dichiarazioni dei redditi. E' questa la sensazione che molti dei partecipanti al tavolo tecnico con le categorie economiche e professionali, istituito presso l'agenzia delle Entrate, hanno riportato dall'incontro di ieri al gruppo A, relativo agli adempimenti, e coordinato da Aldo Polito, direttore centrale Servizi ai contribuenti dell'Agenzia. Naturalmente la decisione spetta al potere politico e non ci sono garanzie, ma la data di svolta potrebbe essere il prossimo appuntamento del gruppo di lavoro che si svolgerà il 10 maggio.
Dalla querelle sui reciproci adempimenti di Agenzia e software houses si è passati a considerare gli elementi che maggiormente creano difficoltà a contribuenti e professionisti. Anche perchè è stato riferito di un incontro positivo avuto con le software houses sui tempi di tempi di rilascio dei pacchetti per la compilazione delle dichiarazioni. In particolare, sono state segnalate le questioni degli studi di settore, complicati dagli indici di normalità economica; del test di operatività che molti contribuenti devono fare anche essendo chiaro che esercitano realmente delle attività. Un ulteriore punto segnalato è quello della revisione degli estimi catastali in agricoltura, che secondo gli esperti presenti al tavolo ieri , riguarderebbe un numero notevole di contribuenti.

Il Sole 24 Ore - A. Criscione - art. pag. 25

L'antiriciclaggio scheda i "vecchi" clienti

Entro domenica per gli incarichi pre-22 aprile 2006

Conto alla rovescia per gli adempimenti antiriciclaggio dei professionisti: se non l'hanno ancora fatto entro dopodomani, 22 aprile (giorno festivo), dovranno identificare e registrare il cliente per gli incarichi conferiti prima del 22 aprile 2006. Ricordiamo in base a quale scadenzario i professionisti sono chiamati ad applicare la normativa, secondo le seguenti distinzioni, che traggono spunto dal chiarimento n. 3 del 18 maggio 2006, dato dall'Uic ai professionisti e dal parere del ministero dell'Economia-Comitato Antiriciclaggio n. 99 del 21 aprile 2006.
I professionisti che si trovavano fin dall'origine menzionati nel decreto legislativo 56/04, e cioè commercialisti, revisori contabili, ragionieri, periti commerciali, consulenti del lavoro, notai e avvocati, hanno visto decorrere gli obblighi di identificazione, istituzione dell'archivio e segnalazione delle operazioni sospette dal 22 aprile 2006 per gli incarichi conferiti loro dal cliente da tale data in poi, coincidente con l'entrate in vigore delle istruzioni Uic. Tali obblighi non si applicano per gli incarichi conferiti prima di tale data "salvo che essi siano ancora in essere nei 12 mesi successivi. In tale caso il professionista dovrà adempiere ai suddetti obblighi entro tale scadenza".   

Il Sole 24 Ore - G. Conforti - art. pag. 35

Sempre salvo il credito Iva

Risoluzioni in materia di eccedenze e certificazione tributaria. La mancata dichiarazione non frena il recupero

Crediti Iva salvi anche se il contribuente non adempie correttamente agli obblighi dichiarativi. È legittimo riprendere in detrazione, in sede di dichiarazione annuale, le eccedenze detraibili pregresse, non computate nelle dichiarazioni di competenza perché omesse. Lo stesso vale per le eccedenze formatesi in un anno per il quale non sia stata presentata la dichiarazione annuale, nel rispetto del termine di decadenza per l'esercizio della detrazione e salvo l'accertamento del credito da parte dell'ufficio. È quanto emerge dalla risoluzione n. 74 del 19 aprile 2007, con la quale l'Agenzia delle entrate, su sollecitazione di alcune direzioni regionali, affronta e risolve favorevolmente le problematiche legate all'irregolare riporto delle eccedenze Iva nelle due ipotesi di cui appresso.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 36

Unico, integrazioni più dettagliate

Le istruzioni delle Entrate al modello 2007 forniscono maggiori indicazioni rispetto al passato. Correzioni alle dichiarazioni possibili solo indicando le modalità

Integrazioni del modello Unico più dettagliate: tutte le volte in cui si corregge la dichiarazione originaria si dovrà dare specifica indicazione delle modalità seguite. Inoltre, ai fini dell'intervento a favore del contribuente, si dovrà tenere conto delle ultime indicazioni interpretative rese dall'Agenzia delle entrate. Gli aspetti procedurali legati alla presentazione dei modelli 2007 risultano interessati da alcuni elementi di rilievo tra i quali, come sottolineato in altre occasioni, spicca la corretta individuazione delle scadenze e della modulistica da utilizzare in particolare da parte delle società di persone.

Italia Oggi - D. Liburdi - art. pag. 38