Rassegna stampa del 25 aprile 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik


Archivio Unico Informatico obbligatorio per la tenuta della contabilità per conto terzi.

Obbligo di segnalazione delle operazioni sospette per la compilazione e l’invio di dichiarazioni dei redditi.

 

E’ quanto prevede il Decreto correttivo al DM 141/06 (art. 4, comma 2-bis) anche se la sola compilazione delle dichiarazioni non dà luogo agli adempimenti di identificazione dei clienti.

Professionisti contabili, associazioni di categoria ma anche i CAF, in caso di tenuta della contabilità per conto terzi, devono istituire l’Archivio Unico Informatico.

 

Non ti sei ancora adeguato alla normativa antiriciclaggio?

 

Prova Antiriciclaggio XP, il software gestionale per l’adozione delle misure previste dai Decreti n. 141 e 143 del 3 febbraio 2006!

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Sostituti, i costi dell'incertezza

Le imprese in molti casi devono correggere le ritenute in busta paga dopo i ripensamenti del Fisco

Disciplina europea, federalismo fiscale e tutela previdenziale sono gli elementi che stanno mettendo alla prova i datori di lavoro. Soprattutto perchè da parte dell'agenzia delle Entrate ci sono stati, fino qualche giorno fa, ripensamenti che incidono sul prelievo.
Per esempio, la tassazione dei fringe benefit è stata inasprita dopo la sentenza della Corte di giustizia sulla detraibilità dell'Iva sulle auto aziendali. Una decisione impopolare che è stata rinviata dapprima al 2007 e quindi sospesa ad aprile fino alla decisione Ue sulla parziale detraibilità. con i sostituti obbligati a rifare i calcoli. Lo stesso copione si ripete per l'acconto sulle addizionali comunali: è stato in fatti chiarito solo venerdì scorso che, quando ci sono i requisiti di reddito, l'esenzione va attribuita senza alcuna richiesta da parte del lavoratore. Intanto i datori di lavoro si trovano a gestire al macchina per la scelta sulla destinazione del Tfr e a verificare le procedure per i versamenti.

Il Sole 24 Ore - L. Lovecchio - art. pag. 20

Il Tfr moltiplica le comunicazioni per il datore

I nuovi obblighi di gestione

L'operazione "previdenza complementare" fa conto sull'impegno dei datori di lavoro. Spetta infatti a lui fornire una prima informativa, all'inizio del semestre, sulle scelte che i dipendenti possono esprimere, e una seconda che segnali il maturare del silenzio-assenso, da consegnare trenta giorni prima che il semestre scada.
E' questo un adempimento che dovrà essere assolto nei confronti di tutti i dipendenti del settore privato che, in organico al 31 dicembre 2006, entro la fine di maggio non abbiano ancora restituito al datore di lavoro, il modello Trf1 (Tfr2 per i nuovi assunti). Con la seconda informativa peraltro il datore di lavoro deve fornire una indicazione più puntuale di quanto non abbia fatto con la prima. Deve infatti indicare quale sorte avrà il Tfr del lavoratore in caso di mancata scelta.

Il Sole 24 Ore - A. Casotti, M.R. Gheido - art. pag. 20

Ambiente in pericolo, c'è il carcere

Consiglio dei ministri - Sì al disegno di legge che inserisce gli ecodelitti nel codice penale. Fino a cinque anni a chi inquina. Il danno raddoppia la multa

Stretta su persone fisiche e società colpevoli di aver danneggiato o solo messo a repentaglio l'ambiente. Inquinare, senza produrre un danno ma semplicemente un pericolo concreto di ´compromissione durevole o rilevante' per suolo, acqua, aria, flora o fauna, farà scattare il carcere fino a cinque anni e multe fino a 30 mila euro. Che raddoppieranno, fino a 60 mila euro, quando l'evento temuto si verifica davvero. È quanto prevede il ddl sulla tutela penale dell'ambiente, proposto dai ministri ambiente e giustizia, Alfonso Pecoraro Scanio e Clemente Mastella, che ha ricevuto ieri il sì del consiglio dei ministri. Un giro di vite che prende di mira fenomeni molto gravi come disastri ambientali, traffici di materiali radioattivi o nucleari, traffici illeciti di rifiuti (in questi casi le sanzioni lievitano fino a 250 mila euro), ma che impone manette e multe salate anche per reati ´minori' o strumentali agli ecoilleciti. È il caso della frode ambientale o dell'impedimento al controllo: nel primo caso è punito chi falsifica atti per commettere reati ambientali, nel secondo chi ostacola l'accesso o modifica i luoghi per intralciare i controlli su impianti e insediamenti produttivi.

Italia Oggi - S. Saturno - art. pag. 34

Porte aperte agli extracomunitari

Consiglio dei ministri - Le novità previste dal ddl delega che riscrive la legge Bossi-Fini. Stop al contratto di soggiorno. Sì a sponsor e autosponsor

In soffitta il contratto di soggiorno per l'ingresso di stranieri. Il rilascio del nullaosta per motivo di lavoro avverrà con una procedura più semplice, con meno documentazione e senza più necessità di una preventiva promessa del posto di lavoro. L'ingresso, inoltre, torna a essere possibile anche solo per la ricerca del posto di lavoro, a patto che lo straniero dimostri di essere in possesso delle risorse finanziarie necessarie al periodo di permanenza sul territorio nazionale (autosponsor) o quando una medesima garanzia patrimoniale sia fornita da enti locali, associazioni o patronati (sponsor). Sono queste alcune delle novità previste dal ddl delega Amato-Ferrero per la riforma della disciplina dell'immigrazione, approvato ieri dal consiglio dei ministri.

Italia Oggi - D. Cirioli - art. pag. 35