Se non vedi correttamente la Rassegna Stampa clicca qui

Rassegna stampa del 24 maggio 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Nuova pagina 1

Avvisiamo i nostri gentili lettori che domani
 la rassegna non verrà pubblicata

 


Archivio Unico Informatico obbligatorio per la tenuta della contabilità per conto terzi.

Obbligo di segnalazione delle operazioni sospette per la compilazione e l’invio di dichiarazioni dei redditi.

 

E’ quanto prevede il Decreto correttivo al DM 141/06 (art. 4, comma 2-bis) anche se la sola compilazione delle dichiarazioni non dà luogo agli adempimenti di identificazione dei clienti.

 

Professionisti contabili, associazioni di categoria ma anche i CAF, in caso di tenuta della contabilità per conto terzi, devono istituire l’Archivio Unico Informatico.

 

Non ti sei ancora adeguato alla normativa antiriciclaggio?

 

Prova Antiriciclaggio XP, il software gestionale per l’adozione delle misure previste dai Decreti n. 141 e 143 del 3 febbraio 2006!

 

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Studi di settore, dubbi aperti

Le categorie non abbassano la guardia dopo il documento correttivo dell'agenzia delle Entrate. Preoccupano il contraddittorio con gli uffici e gli indici di normalità

Un primo passo. Una apertura apprezzabile, ma di modesta portata. Non supera i dubbi degli operatori la circolare delle Entrate sugli studi di settore (la 31/E). O almeno non tutti. E così il tema studi è destinato a restare caldo, con al centro una preoccupazione su tutte da parte degli operatori: la gestione del contradditorio da parte degli uffici locali. Il timore è infatti che le maglie, "allentate" al centro, si richiudano pericolosamente in periferia. Anche se nelle prossime settimane arriverà la "consueta" circolare delle Entrate sugli studi di settore e sembra che l'amministrazione sia intenzionata a recepire in quella sede le osservazioni che emergono in questi giorni.
L'indicazione che proviene dalle categorie interessate agli studi infatti è che i nuovi indicatori di normalità economica siano troppo "grossolani", costruiti, come sono, per studio e non per gruppi omogenei, con il rischio che la mannaia della congruità colpisca chi è in situazioni critiche, ma lasci svicolare chi effettivamente con i ricavi dichiarati qualche libertà se la prende.  

Il Sole 24 Ore - A. Criscione - art. pag. 30

Atti comunali su internet

Il Garante per la privacy spiega alle autonomie come diffondere i documenti senza violare la riservatezza.

Tra uffici pubblici e privacy c'è un conto aperto. Lo ha ricordato ieri il Garante in due differenti modi: ha reso note le linee guida per la pubblicazione anche su internet, da parte degli enti locali, degli atti e delle delibere; ha sottolineato - per voce del presidente Francesco Pizzetti - che, in materia di riservatezza, la pubblica amministrazione deve ancora colmare un grosso divario. 
Il provvedimento del Garante, in via di pubblicazione sulla "Gazzetta Ufficiale", spiega agli enti locali a quali condizioni è possibile diffondere determinati documenti.

Il Sole 24 Ore - A. Cherchi - art. pag. 32

Dichiarazioni, percorso a ostacoli

In un documento Assosoftware le principali questioni ancora aperte per Unico 2007 e mod. 730. Annotazioni separate ed enti di comodo complicano la vita

Il reddito figurativo delle società non operative e le annotazioni separate per gli studi settore presentano numerosi problemi che creano le maggiori incertezze nella corretta compilazione dei modelli 730 e Unico 2007. Lo rileva Assosoftware in un documento, inviato all'amministrazione finanziaria, di sintesi delle principali questioni ancora aperte nella redazione dei modelli dichiarativi, relativamente ai redditi del 2006 (nel mirino, in particolare, la nuova disciplina delle società di comodo).

Italia Oggi - F. G. Poggiani - art. pag. 34

Ok ai clienti-fornitori

Nella riunione del tavolo tecnico tra fisco e imprese sciolti i nodi sui tempi dei due adempimenti. Avvio con i nuovi registratori di cassa.

Il blocco del provvedimento sull'invio telematico dei corrispettivi non è un abbandono definitivo ma una messa in stand-by per ripartire in concomitanza con il provvedimento che dovrebbe sancire la perdita della valenza fiscale degli scontrini. Mentre è previsto, già oggi, il taglio del traguardo per il provvedimento sugli elenchi clienti e fornitori. Sono questi alcuni degli orientamenti emersi ieri, durante la riunione del tavolo tecnico amministrazione finanziaria-professionisti, sottogruppo A .

Italia Oggi - C. Bartelli - art. pag. 35

Conto alla rovescia sul tfr all'Inps

L'invio dell’autocertificazione entro il 31 agosto

Ai fini del versamento al Fondo Tesoro presso l'Inps del tfr dei dipendenti che intendono conservare la liquidazione presso l'azienda, i datori di lavoro con almeno 50 addetti sono tenuti a rilasciare un'apposita dichiarazione attestante la media annuale dei lavoratori in forza. A tal fine l'ente di previdenza ha predisposto un nuovo modulo denominato ´SC34_TFR_Tesoreria' (allegato al msg n. 13048/2007)..
Il modulo dovrà essere consegnato o spedito alla direzione Inps territorialmente competente, ovvero trasmesso con modalità telematica, utilizzando la funzione di invio moduli presente nella sezione ´Modulistica', entro il più breve tempo possibile e comunque non oltre il 31 agosto.

Italia Oggi - G. Leopardi - art. pag. 39
 

Dichiarazioni con strumenti e tempi adeguati

Visto dal Presidente Assosoftware

Molte, moltissime le parole e poche le verità sulla proroga delle scadenze di Unico 2007. Il ministero dell'economia e delle finanze e l'Agenzia delle entrate si sono fatti letteralmente travolgere da un fiume di parole, in parte imprecise in parte interessate, comunque pronte a scaricare su altri, siano essi gli intermediari (professionisti e associazioni) o, meglio ancora, le software house italiane, la responsabilità dello spostamento a settembre degli invii telematici delle dichiarazioni dei redditi.
Ma al viceministro dell'economia e delle finanze forse non è ancora chiaro che senza le nostre imprese, fiore all'occhiello dell'information technology italiana, nessuno è in grado di predisporre dichiarazioni dei redditi così complesse, né tanto meno si sarebbe mai potuto pensare di spedirle telematicamente.Magari sarebbe più giusto dare risposta ai numerosi dubbi e problemi segnalati all'Agenzia delle entrate, e ancora irrisolti, che non consentono la redazione di tante dichiarazioni.
Probabilmente anche in Italia si possono inviare le dichiarazioni entro aprile/maggio, come avviene ´in tutti i paesi', purché l'amministrazione finanziaria sia in grado di predisporre, come in ´tutti i paesi' tutti gli strumenti necessari, come un quadro normativo definitivo, la modulistica definitiva, le istruzioni definitive, i tracciati telematici definitivi, i programmi di controllo definitivi, possibilmente entro novembre/dicembre dell'anno precedente.

Italia Oggi - Bonfiglio Mariotti, Presidente Assosoftware - art. pag. 52


Se non desideri ricevere ulteriori articoli della Rassegna Stampa/Newsletter Privacy/ArchiviOk.it
di Data Print Grafik, clicca qui per annullare la tua sottoscrizione.

Privacy
In conformità al D.Lgs. 196/2003, Testo unico della privacy sulla tutela dei dati personali, Data Print Grafik
garantisce la massima riservatezza dei dati e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica
scrivendo a areanews@dataprintgrafik.it.
Potrai prendere visione dell’informativa completa nella sezione Newsletter del nostro sito www.dataprintgrafik.it

Seguici su: Facebook Twitter