Rassegna stampa del 29 maggio 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Nuova pagina 1


Archivio Unico Informatico obbligatorio per la tenuta della contabilità per conto terzi.

Obbligo di segnalazione delle operazioni sospette per la compilazione e l’invio di dichiarazioni dei redditi.

 

E’ quanto prevede il Decreto correttivo al DM 141/06 (art. 4, comma 2-bis) anche se la sola compilazione delle dichiarazioni non dà luogo agli adempimenti di identificazione dei clienti.

 

Professionisti contabili, associazioni di categoria ma anche i CAF, in caso di tenuta della contabilità per conto terzi, devono istituire l’Archivio Unico Informatico.

 

Non ti sei ancora adeguato alla normativa antiriciclaggio?

 

Prova Antiriciclaggio XP, il software gestionale per l’adozione delle misure previste dai Decreti n. 141 e 143 del 3 febbraio 2006!

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Elenchi Iva, ritorno con rodaggio

Con il via libera del Garante della privacy è pronto per la pubblicazione il provvedimento attuativo della manovra d'estate. Primo invio il 15 ottobre per i contribuenti mensili e a metà novembre per i trimestrali

Elenchi Iva, si parte tra ottobre e novembre con alcune semplificazioni per il 2006 e 2007. Sono agevolati dettaglianti e grandi utenze, come Telecom, Enel, municipalizzate, ma solo per le vendite con fatture. Ottenuto il parere del Garante per la privacy, è in viaggio verso la "Gazzetta Ufficiale" il provvedimento del direttore dell'Agenzia che fissa i nuovi termini per il ritorno in campo degli elenchi clienti e fornitori, usciti di scena nel 1994. L'annuncio arriva con un comunicato dell'Agenzia.
Il provvedimento prevede, nella fase di avvio, due scadenze: la prima è fissata al 15 ottobre per la generalità dei contribuenti, in particolare i "mensili Iva per obbligo" e le operazioni concluse nel 2006; la seconda è invece fissata un mese dopo. Entro il 15 novembre - spiega il comunicato dell'Agenzia - scenderanno in campo i contribuenti con un volume d'affari che consente di optare per la liquidazione trimestrale. A regime, cioè dal 2008, il termine per l'invio dei dati tornerà alla scadenza originaria: il 29 aprile dell'"anno successivo a quello di riferimento".

Il Sole 24 Ore - G. Rengheteanu - art. pag. 28

Borsa, soci senza segreti

Il garante della privacy emana un'autorizzazione specifica per la società. Via libera al trattamento dei dati giudiziari

Borsa italiana può trattare i dati giudiziari dei suoi soci. Il garante per la privacy ha infatti rilasciato una autorizzazione specifica (provvedimento del 26 aprile 2007) pubblicata sul sito dell'autorità come doc. web n. 1402630 (ne ha dato notizia la newsletter del garante n. 290 del 28 maggio 2007).
Il provvedimento è stato assunto sulla base dell'articolo 27 del Codice della privacy nella parte in cui subordina il trattamento di dati giudiziari alla autorizzazione del garante. L'autorità ha ritenuto necessaria una autorizzazione specifica per la società Borsa italiana, in quanto il caso prospettato non rientrava in alcuno di quelli già disciplinati con le sette autorizzazioni generali già emanate.
In altre parole un soggetto privato per trattare i dati sensibili e i dati giudiziari deve avere non solo il consenso scritto dell'interessato, ma anche l'autorizzazione del garante.

Italia Oggi - A. Ciccia - art. pag. 29

Tfr, fondi pensione senza appeal

Un sondaggio effettuato dalla Fondazione Studi del Consiglio nazionale dei Consulenti del lavoro sulla riforma della previdenza complementare

La diffidenza verso i fondi pensione stenta a cadere. La riforma del tfr è sì conosciuta dalla quasi totalità dei lavoratori, ma solo il 23% dei lavoratori ha riconsegnato al datore di lavoro il modello Tfr1 e di questi la scelta per il fondo non arriva al 10%. Sono questi in sintesi i risultati di un sondaggio effettuato dalla Fondazione Studi del Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro. Entro il prossimo 31 maggio una nuova informativa dovrà partire dai datori di lavoro sui fondi di destinazione del trattamento di fine rapporto in caso di silenzio-assenso. Il lavoratore che non sceglie a chi destinare il tfr maturando obbliga il datore di lavoro a versare il trattamento alla previdenza complementare e destinatario sarà, se esiste, il fondo negoziale, o il fondo individuato con accordo collettivo, o in via residuale il fondo di previdenza complementare costituito presso l'Inps (FondInps).

Italia Oggi - art. pag. 47

Antiriciclaggio, attacco agli ordini

Il decreto del ministero dell'economia n. 60/2007 ha esteso le segnalazioni ad altri soggetti. Con la nuova disciplina riconosciuta l'attività dei senza albo

Con l'entrata in vigore il 25 maggio scorso del decreto correttivo del ministero dell'economia e delle finanze del 10 aprile 2007 n. 60, in materia di antiriciclaggio, il legislatore ha definitivamente adeguato la pregressa normativa alle disposizioni dell'articolo 21 della legge 25 gennaio 2006, n. 29 (´legge comunitaria 2005').
Con l'estensione degli obblighi di cui al regolamento n. 141/2006 ´a ogni altro soggetto che rende i servizi forniti da revisori contabili, periti, consulenti e altri soggetti che svolgono in maniera professionale attività in materia di contabilità e tributi', il legislatore (secondo il consigliere nazionale delegato alla normativa antiriciclaggio dei dottori commercialisti) ha di fatto operato un implicito e illegittimo riconoscimento di attività professionali in capo a soggetti privi della necessaria qualificazione giuridica e professionale.

Italia Oggi - G. Stella - art. pag. 48