Rassegna stampa del 30 maggio 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Archivio Unico Informatico obbligatorio per professionisti ed operatori non finanziari
Formazione obbligatoria per tutti (professionisti, operatori, dipendenti)

 

Non ti sei adeguato alla normativa antiriciclaggio?

Non hai ancora pensato alla formazione?

 

Acquista subito Antiriciclaggio XP, il software per l’adozione delle misure previste dai Decreti 141/06 e 143/06 e scopri anche Patentino Antiriciclaggio, il corso di formazione certificato su cd-rom!

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Elenchi Iva a regime dal 2008

Clienti e fornitori. Solo per i dati del 2006 l’invio online è previsto tra ottobre e novembre. Due anni di esonero per gli esclusi da obblighi di registrazione

Per gli elenchi clienti e fornitori 2006-2007, il provvedimento del direttore delle Entrate, in corso di pubblicazione sulla “Gazzetta Ufficiale”, cerca di evitare eccessive complicazioni ai contribuenti. Solo per il 2006 il termine per l’invio online è posticipato al 15 ottobre per la generalità dei contribuenti e al 15 novembre 2007 per i soggetti che nel 2006 hanno realizzato un volume d’affari che consente di optare per la liquidazione Iva trimestrale. A regime, invece, la scadenza sarà al 29 aprile di ogni anno.

Il Sole 24 Ore - R. Portale - art. pag. 32

Stretta al riciclaggio

Dlgs sulla lotta al denaro sporco nel settore immobiliare. Al demanio poteri di controllo

 

Il governo intensifica l'azione di contrasto nei confronti delle società di intermediazione mobiliare o immobiliare, enti e organizzazioni che svolgano attività di “copertura” per il finanziamento delle organizzazioni terroristiche. Lo prevede uno schema di dlgs che sarà approvato in via definitiva nel prossimo Consiglio dei ministri per dare attuazione alle norme contenute nella direttiva 2005/60/Ce. Il provvedimento estende le disposizioni della normativa antiriciclaggio attribuendo, tra l'altro, maggiori poteri al Nucleo speciale di polizia tributaria della Guardia di finanza e all'Agenzia del demanio cui spetterà il compito di procedere alla custodia, all'amministrazione e alla gestione delle risorse economiche sottoposte a misure di congelamento o confisca.

 

Italia Oggi - M. Gasparini - art. pag. 38

 

Il server è stabile organizzazione

I CHIARIMENTI DEL FISCO/Risoluzioni in materia di commercio elettronico e concordato. Corrispettivi di società con sede all'estero tassati in Italia

 

L'utilizzo di due server ubicati in Italia per l'attività di commercio elettronico da parte di una società con sede all'estero costituisce stabile organizzazione i cui corrispettivi vanno assoggettati a imposta in Italia. Affinché il server costituisca una base fissa d'affari è altresì necessario che la suddetta apparecchiatura elettronica permanga in un luogo specifico per un tempo indefinito e sia “finalizzata” alla commercializzazione dei servizi offerti dall'azienda. Sono questi i contenuti forniti nella risoluzione n. 119/E del 28 maggio scorso nella quale l'Agenzia, pur precisando che la questione non è suscettibile di esame in sede di interpello, individua i parametri di base per la risoluzione in concreto del quesito proposto.

 

Italia Oggi - A. Bongi - art. pag. 41

 

Contabilità valida anche a matita

Per la Cassazione l’irregolarità non è così grave da giustificare l’accertamento induttivo tout court. La deducibilità dei costi può essere provata con altri mezzi

 

Contabilità anche a matita. Il contribuente, nonostante l'irregolarità, può provare i costi da dedurre con altri documenti senza che, dal canto suo, il fisco possa procedere a un accertamento induttivo ritenendo le scritture assolutamente inattendibili. È quanto stabilito dalla Corte di cassazione che, con la sentenza n. 12279, del 25 maggio 2007, ha accolto il ricorso di un lavoratore autonomo e bocciato la decisione della commissione tributaria regionale del Veneto. Hanno precisato i giudici della sezione tributaria, non si tratta di una irregolarità così grave da giustificare un accertamento induttivo tout court, senza nessun’altro riscontro e possibilità di replica per il contribuente.

 

Italia Oggi - D. Alberici - art. pag. 42