Rassegna stampa dell' 11 giugno 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Nuova pagina 1


Archivio Unico Informatico obbligatorio per la tenuta della contabilità per conto terzi.

Obbligo di segnalazione delle operazioni sospette per la compilazione e l’invio di dichiarazioni dei redditi.

 

E’ quanto prevede il Decreto correttivo al DM 141/06 (art. 4, comma 2-bis) anche se la sola compilazione delle dichiarazioni non dà luogo agli adempimenti di identificazione dei clienti.

 

Professionisti contabili, associazioni di categoria ma anche i CAF, in caso di tenuta della contabilità per conto terzi, devono istituire l’Archivio Unico Informatico.

 

Non ti sei ancora adeguato alla normativa antiriciclaggio?

 

Prova Antiriciclaggio XP, il software gestionale per l’adozione delle misure previste dai Decreti n. 141 e 143 del 3 febbraio 2006!

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Studi di settore, scelta libera

Il viceministro indica criteri più flessibili per l'adesione. Visco esclude controlli automatici 

Il Governo prova a raffreddare la polemica sugli studi di settore e le dichiarazioni dei redditi 2007. Lo fa con un comunicato del viceministro dell'Economia, Vicenzo Visco, che sottolinea come non vi sia l'obbligo di allinearsi ai nuovi indici e come in sede di controllo potranno essere utilizzati i nuovi studi revisionati più favorevoli ai contribuenti.
Dal canto suo il ministro dell'Economia, Tommaso Padoa Schioppa, ha sottolineato come la pressione fiscale abbia raggiunto "livelli elevati": il 42,8% del Pil quest'anno, il massimo dal '97 (43,7%). E' necessario dunque "ridurre progressivamente le aliquote legali di prelievo" a fronte dei risultati della lotta all'evasione e dei tagli di spesa. 

Il Sole 24 Ore - sabato 9 giugno - art. pag. 1

Anche la casa "sfrutta" l'F24 

La compensazione al primo posto delle modifiche al debutto entro lunedì

Una settimana esatta alla scadenza delle prima rata Ici:  a partire dal 207 in fatti il termine del pagamento è stato anticipato dal 30 al 16 giugno (quest'anno il 18, perchè il 16 è sabato). Le novità, a parte quelle sulle nuove scadenze, sono tante. La più importante è sicuramente la possibilità di compensare l'imposta sugli immobili con i crediti relativi a qualsiasi imposta erariale (Irpef, Iva, eccetera), risultanti dalla dichiarazione.
La modifica delle scadenze è dettata dall'esigenza di armonizzare l'Ici con le nuove scadenze relative ai tributi erariali, in considerazione del fatto che anche per l'imposta comunale sarà possibile utilizzare il modello F24.  

Il Sole 24 Ore del lunedì - L. Lovecchio - art. pag. 31

Due nuove voci negli acconti

Le istruzioni al modello Unico definiscono le modalità di calcolo introdotte con la Finanziaria. Cuneo fiscale Irap e telefonia nella determinazione del 2007

La determinazione degli acconti dovuti per l'anno 2007 si arricchisce di due novità: il cosiddetto cuneo fiscale Irap (commi 266, 267 e 268 legge finanziaria 2007) e le nuove norme in materia di deducibilità della cosiddetta telefonia di cui al comma 401 della Finanziaria 2007.
Mentre il cuneo fiscale influenza unicamente la determinazione degli acconti Irap 2007 le nuove norme in materia di deducibilità delle spese telefoniche hanno rilevanza sia ai fini dell'acconto Ires o Irpef che Irap.
Le istruzioni al modello Unico precisano infatti che per la determinazione degli acconti dovuti per l'anno 2007, sia ai fini dell'Ires che dell'Irap, è necessario calcolare lo stesso assumendo, quale imposta del periodo precedente, quella che si sarebbe determinata tenendo conto della disposizione di cui al comma 401 della legge 296/06 relativa alla deducibilità delle spese degli impianti di telefonia nonché, per la sola Irap, anche di quelle contenute nei commi 266, 267 e 268 della stessa norma.

Italia Oggi Sette - A. Bongi - art. pag. 14

L'Iva si calcola sul valore del mutuo

Le linee guida fornite dall'Agenzia delle entrate nella risoluzione n. 122 del 1° giugno 2007. Necessario dimostrare il minor costo dell'immobile comprato

Se l'acquirente dell'immobile ha richiesto un finanziamento superiore al prezzo di vendita, per evitare la presunzione di sottofatturazione i contribuenti non possono limitarsi a ”giustificare” l'eccedenza, ma devono fornire prove adeguate. Altrimenti il fisco pretenderà l'Iva assumendo come base imponibile minima l'importo del finanziamento. Questo il messaggio che si coglie nella risoluzione n. 122 del 1° giugno 2007, nella quale l'Agenzia delle entrate si occupa per la prima volta dell'applicazione concreta delle nuove misure di contrasto all'evasione fiscale nel settore immobiliare, introdotte un anno fa dal dl 223/2206. E questa prima pronuncia dell'amministrazione conferma l'impressione che, nelle nuove disposizioni, qualcosa non giri per il giusto verso. Ma rivediamo anzitutto le novità introdotte dal dl 223, come modificato dalla legge di conversione n. 248/2006.

Italia Oggi Sette - R. Rosati - art. pag. 17