Rassegna stampa del 26 giugno 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK è un software che consente di gestire e archiviare, in formato elettronico, documenti di qualsiasi formato e origine: spool di stampa, documenti elettronici (email, fax, pdf, …), documenti cartacei (tramite acquisizione da scanner), file di testo, file telematici.

 

 

Con ArchiviOK è possibile disporre di un archivio elettronico all'interno del quale i documenti possono essere archiviati istantaneamente, consultati in qualunque momento e da qualunque postazione di lavoro, sia interna che esterna alla rete locale purché autorizzata, e rielaborati o distribuiti senza inutile occupazione di spazio.

 

 

Inoltre, con ArchiviOK è possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Fisco locale, due pesi e due misure

Il consiglio dei ministri ha iniziato l'esame del ddl sul federalismo fiscale. Giovedì il via libera. Fondi statali solo alle città metropolitane. Gli enti si dividono

Finanziamenti statali solo alle città metropolitane. Che saranno gli unici enti a cui lo stato erogherà contributi diretti per l'esercizio delle funzioni fondamentali. Per tutti gli altri i fondi saranno erogati alle regioni e da queste a comuni e province in base alle funzioni trasferite. Ieri in consiglio dei ministri è iniziato l'esame del disegno di legge delega che attua l'articolo 119 della Costituzione (i decreti delegati dovranno essere emanati entro un anno dal varo della legge). Il testo disegna uno scenario in cui i finanziamenti verranno distribuiti in base a due criteri: il fabbisogno standard per le funzioni fondamentali, nonché per i livelli essenziali delle prestazioni, e la capacità fiscale per le altre competenze. Questo per consentire un superamento graduale del criterio della spesa storica quale parametro per determinare la distribuzione delle risorse tra i vari livelli di governo. Ma il ddl sembra proprio non piacere a nessuno. Per i comuni è troppo sbilanciato a favore delle regioni e per i governatori è frutto di un'impostazione troppo localistica. E per questo andrà rivisto, in modo da arrivare a un testo realmente condiviso, nei prossimi passaggi istituzionali, a cominciare dalla Conferenza unificata.

Italia Oggi - F. Cerisano - art. pag. 31
 

Conti bancari, risposte semplici

Da una sentenza della Commissione provinciale di Bologna una possibile difesa dagli accertamenti. Contro le presunzioni sui prelievi basta indicare i beneficiari

Per vincere la presunzione che i prelevamenti dal conto corrente siano equiparabili ai compensi o ai ricavi non dichiarati basta indicare all'ufficio le mere generalità del beneficiario. È questo il contenuto della sentenza n. 158 emessa il 4 giugno 2007 dalla Commissione tributaria provinciale di Bologna la quale apre uno squarcio nell'intricata problematica legata alle indagini finanziarie di ultimo conio.

Italia Oggi - G. Ripa - art. pag. 34
 

Bonus occupazionale trasferibile alla neosocietà

Una risoluzione dell'Agenzia chiarisce l'applicazione dell'agevolazione

Bonus occupazione trasferibile, per la parte residua non ancora utilizzata, anche alla società neonata e risultante da una fusione di più società, in quanto detta operazione realizza una mera trasformazione soggettiva, legata da una perfetta continuità con i soggetti che vi hanno partecipato.
Con la risoluzione 25/6/2007, n. 144/E, l'Agenzia delle entrate, rispondendo a un'istanza d'interpello, chiarisce che la società nata per effetto della fusione di due o più società può utilizzare anche in compensazione il credito d'imposta, di cui all'articolo 7, legge 23/12/2000, n. 388, per la parte non ancora utilizzata, in quanto l'operazione di fusione realizza una trasformazione soggettiva, caratterizzata da una situazione di perfetta continuità fra i soggetti partecipanti.

Italia Oggi - F. G. Poggiani - art. pag. 35
 

Gli ordini professionali garanti della riservatezza

Sono stabilite tutele rafforzate per gli iscritti che inviano la segnalazione

Professionisti sempre più sentinelle dell'antiriciclaggio. Le segnalazioni delle operazioni sospette transiteranno dai dottori commercialisti, ragionieri, avvocati, notai e consulenti del lavoro non più soltanto verso l'Uif (Unità di informazione finanziaria, la nuova identità dell'Uic), ma anche verso gli ordini professionali. Saranno gli ordini, infatti, a ricevere la segnalazione dell'operazione sospetta e, a loro volta, senza ritardo, la trasmetteranno all'Uif. E non solo, saranno custodi del nominativo del segnalante e dovranno dotarsi di adeguate misure per assicurare la massima riservatezza dell'identità dei professionisti che effettuano la segnalazione. Anzi la responsabilità è in capo al presidente o a un soggetto da lui delegato.
Sono queste alcune delle novità del testo ultimato del decreto legislativo di recepimento della terza direttiva sull'antiriciclaggio che è stato inviato venerdì ai ministeri competenti e che attende "il debutto" per la prima lettura del consiglio dei ministri nelle prossime settimane.  

Italia Oggi - C. Bartelli - art. pag. 41