Rassegna stampa del 27 giugno 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Archivio Unico Informatico obbligatorio per professionisti ed operatori non finanziari
Formazione obbligatoria per tutti (professionisti, operatori, dipendenti)

 

Non ti sei adeguato alla normativa antiriciclaggio?

Non hai ancora pensato alla formazione?

 

Acquista subito Antiriciclaggio XP, il software per l’adozione delle misure previste dai Decreti 141/06 e 143/06 e scopri anche Patentino Antiriciclaggio, il corso di formazione certificato su cd-rom!

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Tfr, volata finale senza rinvio

Nessuna proroga per il termine di sabato prossimo sull'opzione. Il ministero del Lavoro esclude correttivi dell'ultimo minuto

Nessuna proroga. A tre giorni dalla scadenza del semestre di scelta sulla destinazione del Tfr, il ministero del Lavoro non cede a chi chiede uno slittamento dei termini per la decisione. Uno degli elementi critici della scelta per i fondi sembra essere rappresentato dall'irreversibilità della decisione. Un tema che nei giorni scorsi è stato affrontato  anche dal ministro dell'Interno, Giuliano Amato, che ha lanciato la proposta di permettere ai lavoratori di riportare in azienda il Tfr dirottato verso forme di previdenza integrativa.

Il Sole 24 Ore - E. Marro - art. pag. 20

Ganasce e ipoteche, ecco le soglie

Lo prevede una bozza di circolare di Equitalia indirizzata ai concessionari. Fermi per debiti sopra 150 , vendite immobili oltre 30 mila

In arrivo le soglie minime per gli operatori della riscossione. I fermi amministrativi saranno possibili solo per debiti sopra i 150 euro, le ipoteche invece sopra i 3 mila e le vendite immobiliari per debiti con l'erario sopra i 30 mila euro: queste, scendendo nel dettaglio degli importi, sono infatti le asticelle di cui gli agenti del sistema Equitalia dovranno tener conto per attivare in futuro procedure esecutive e cautelari. Per le procedure di terzo (pignoramenti e richieste di informazioni ai debitori del contribuente) si dovrebbe partire dai 1.500 euro. A fissare i paletti, è una bozza di circolare allo studio di Equitalia spa, che dovrebbe vedere la luce già nelle prossime settimane.

Italia Oggi - S. Saturno - art. pag. 29

Studi di settore, si apre il tavolo

Annuncio dell'amministrazione al seminario Confartigianato. Senato, mozione dell'Unione ok. Associazioni firmatarie dell'intesa convocate per stamane

Riparte il dialogo tra il governo e le associazioni firmatarie del protocollo d'intesa sugli studi di settore. Subito dopo il via libera da parte del senato della mozione della maggioranza, è partita per stamattina alle 9 la convocazione da parte del viceministro dell'economia, Vincenzo Visco, dei presidenti di Cna, Confartigianato, Confesercenti, Confcommercio e Casartigiani. Sul piatto Visco offrirà, tra l'altro, maggiori garanzie per i contribuenti che non si adeguano, potenziando anche l'attestazione rilasciata dagli intermediari. Ossia la possibilità per i professionisti di apporre il proprio codice fiscale per attestare che per quel contribuente esistono delle ragioni che giustificano la non congruità. Lo ha anticipato ieri il suo consigliere economico Stefano Fassina durante il primo dei seminari che l'Agenzia delle entrate ha organizzato con le associazioni di categoria.

Italia Oggi - A. Gorret - art. pag. 33

Auto aziendali, ritorno al passato

Emendamento del presidente della commissione finanze del senato Benvenuto. Ok del governo. Dal 2007 una deducibilità del costo generalizzata al 40%

Sulle auto aziendali un ritorno, parziale, al passato: dopo le limitazioni operanti per il periodo di imposta 2006, la deducibilità del costo a partire dal 2007 sarà del 40% nella generalità dei casi, compresi i professionisti, e del 90% per i mezzi dati in uso promiscuo ai dipendenti. In questo ultimo caso si spezza la correlazione tra la tassazione in busta paga che torna a essere del 30% calcolata su una percorrenza forfetizzata e, appunto, la deducibilità del costo nella determinazione del reddito di impresa.
Inoltre, ai fini della determinazione dell'acconto per il 2007 varranno comunque le disposizioni di maggior favore in vigore prima della stretta operata dal decreto legge n. 262 del 2006. Le nuove misure, invece, spiegheranno effetto a regime anche ai fini della determinazione degli acconti per i periodi di imposta successivi.

Italia Oggi - D. Liburdi - art. pag. 34
 

Contanti, pagamenti sotto 5 mila

Sugli assegni al portatore un'imposta di bollo di 1,5 euro. Lo prevede lo schema del decreto legislativo che recepisce la III direttiva sull'antiriciclaggio

Vietato il trasferimento di denaro contante fra soggetti privati quando l'importo, anche frazionato, sia pari o superiore ai 5 mila euro. Assegni rilasciati dalle banche e dalle Poste italiane, di norma muniti di clausola di non trasferibilità, mentre per i moduli degli assegni in forma libera sarà dovuta dal richiedente, a titolo di imposta di bollo, la somma di 1,50 euro. Questi ultimi, peraltro, a ogni girata dovranno recare il codice fiscale del girante.
Gli assegni rilasciati a ´se stessi' dovranno essere portati all'incasso direttamente dall'emittente. Sono alcune delle rilevantissime modifiche che saranno apportate all'attuale articolo 1 della legge n. 197/91, circa ´Limitazioni all'uso del contante e dei titoli al portatore', traibili dallo schema di decreto legislativo di recepimento della terza direttiva sull'antiriciclaggio (dir. n. 2005/60/Ce), a cui gli stati membri dovranno uniformarsi entro il termine ultimo del prossimo 15 dicembre.
Detto schema dovrebbe presto transitare per la prima lettura in consiglio dei ministri.

Italia Oggi - L. De Angelis - art. pag. 36