Rassegna stampa del 28 giugno 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK è un software che consente di gestire e archiviare, in formato elettronico, documenti di qualsiasi formato e origine: spool di stampa, documenti elettronici (email, fax, pdf, …), documenti cartacei (tramite acquisizione da scanner), file di testo, file telematici.

 

 

Con ArchiviOK è possibile disporre di un archivio elettronico all'interno del quale i documenti possono essere archiviati istantaneamente, consultati in qualunque momento e da qualunque postazione di lavoro, sia interna che esterna alla rete locale purché autorizzata, e rielaborati o distribuiti senza inutile occupazione di spazio.

 

 

Inoltre, con ArchiviOK è possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Auto aziendali, ufficiale l'ok Ue

In "Gazzetta" la decisione del Consiglio sulla detraibilità al 40% dell'imposta

Parte la nuova detrazione al 40% dell'Iva sulle auto. Nella "Gazzetta Ufficiale" europea L-165/33 del 27 giugno è stata pubblicata la decisione del Consiglio Ue che autorizza l'Italia a introdurre il limite per i veicoli a motore non interamente utilizzati a fini professionali. La disposizione si applica agli acquisti effettuati da ieri, senza necessità di altre ratifiche normative. Il recupero resta invece integrale per agenti e rappresentanti, taxisti, noleggiatori e autoscuole, nonchè per i veicoli costituenti beni strumentali nell'attività propria. L'efficacia della decisione scadrà quando verranno adottate nuove norme comunitarie sulle detrazioni Iva delle auto e comunque il 31 dicembre 2010.

Il Sole 24 Ore - L. Gaiani - art. pag. 27

La Camera dice sì alle nuove patenti

Il disegno di legge ora va al Senato

Il disegno di legge di riforma del Codice della strada è stato approvato ieri dalla Camera con 246 voti a favore, 17 contrari e 151 astenuti. Elaborato dal Governo, il testo era stato discusso e ampiamente emendato dalla commissione Trasporti. Ora, se non verrà modificato dal Senato, si appresta a portare molte innovazioni al Codice del 1992. Tra le più discusse, quella che introduce il cosiddetto "foglio rosa" a 16 anni, che foglio rosa in senso stretto proprio non è (l'autorizzazione resta legata alla maggiore età e al superamento dell'esame di teoria), ma che consiste nella possibilità, data ai 16enni che siano già in possesso della patente A, di svolgere esercitazioni di guida accompagnata con un tutor che abbia la patente da almeno 10 anni.

Il Sole 24 ore - F. Abiuso - art. pag. 27

Minisconti per gli studi di settore

Le proposte avanzate dal viceministro dell'economia Visco al tavolo con le categorie produttive. E nell'accertamento spetta al fisco motivare l'uso degli Ine

Via libera all'adeguamento al ricavo minimo purchè questo non sia inferiore al ricavo puntuale depurato dall'effetto indicatori. E' questa la più importante novità contenuta nel comunicato stampa diffuso dal viceministro dell'economia Vincenzo Visco nella serata di ieri a seguito della riunione con le categorie produttive. Sarebbe stato raggiunto quindi un compromesso sulla sterilizzazione dell'effetto indicatori di normalità economica dai responsi di Gerico 2007.
Fra gli altri interventi proposti da Visco occorre segnalare anche una vera e propria inversione dell'onere della prova a carico dell'amministrazione finanziaria nell'ipotesi di utilizzo in sede di accertamento degli Ine per l'anno 2006.

Italia Oggi - A. Bongi - art. pag. 43

Antiriciclaggio, difesa senza danni

Corte di giustizia: gli obblighi a carico degli avvocati sono compatibili con il segreto professionale. La seconda direttiva Ue non contrasta con il giusto processo

L'antiriciclaggio non lede il principio del giusto processo. Con sentenza pronunciata lo scorso 26 giugno, la Corte di giustizia Ue ha definito il ricorso in via pregiudiziale sollevato dalla Cour d'arbitrage (la Corte costituzionale) di Bruxelles con riferimento alla compatibilità della direttiva 2001/97/Ce (la seconda direttiva antiriciclaggio) con il principio del giusto processo sancito dall'art. 6 della Convenzione europea per i diritti dell'uomo e dall'art. 6 (2) del Trattato Ue (causa C-305/06). Il rinvio pregiudiziale era stato sollevato nel 2005 nell'ambito di un ricorso promosso dagli organismi dell'avvocatura belga, che avevano prospettato l'esistenza di una illegittima violazione del principio del segreto professionale da parte delle disposizioni di attuazione della direttiva, che impongono agli avvocati di segnalare alle autorità competenti il compimento da parte dei clienti di transazioni suscettibili di violare le norme sul riciclaggio dei proventi di attività illecite.

Italia Oggi - A. Carta - art. pag. 56