Rassegna stampa del 5 luglio 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Con un semplice click importi i file telematici generati da qualsiasi applicativo e salvati su File System!

ArchiviOK Telematici è un software per l'archiviazione e la conservazione delle dichiarazioni trasmesse all'Amministrazione finanziaria tramite tracciato telematico.


Con ArchiviOK Telematici è possibile disporre di unarchivio elettronico di tutte le dichiarazioni trasmesse, visualizzando i dati su un modello elettronico identico al modello cartaceo.
E' inoltre, possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

Per scoprire le funzionalità visita il sito www.dataprintgrafik.it

Elenchi Iva, per studi e Pmi in arrivo l'esonero

L'esclusione dall'obbligo clienti e fornitori solo per il 2006

Partenza morbida per gli elenchi clienti e fornitori. Se anche alla Camera sarà confermato l'emendamento approvato martedì al Senato, nella discussione del disegno di legge 1485 sulle auto e gli immobili, molti contribuenti Iva tireranno un sospiro di sollievo, almeno per il 2006.
L'emendamento esclude dall'obbligo di trasmettere gli elenchi clienti e fornitori i titolari di partita Iva che operano in regime di contabilità semplificata, molti dei quali avrebbero dovuto effettuare il primo invio online entro il 15 novembre 2007. L'esonero riguarda i professionisti indipendentemente dal volume dei compensi contabilizzati, e gli imprenditori (persone fisiche o società di persone) che nel 2005 hanno dichiarato ricavi fino a 309.874,14 euro, se effettuano prestazioni di servizi, o fino a 516.456,90 euro, se effettuano altre attività.

Il Sole 24 Ore - R. Portale - art. pag. 27

Strategia in due tempi per gli archivi integrati

Lotta all'evasione - L'audizione di Fabrizio Carotti

Il dipartimento per le Politiche fiscali punta su una strategia in due tempi per integrare l'anagrafe tributaria con le altre banche dati nelle quali le agenzie e la Pa custodiscono le informazioni tributarie e finanziarie relative ai contribuenti: una prima fase, già partita, di razionalizzazione dell'attuale (frammentato) sistema; e una seconda, in cui sarà avviata la costruzione del nuovo maxi-archivio, destinato a sostituire i database esistenti.
A chiarire tempi modi della marcia verso il "sistema integrato delle banche dati in materia tributaria e finanziaria" - previsto dai commi 56 e 57 della Finanziaria 2007 - è stato il capo del dipartimento per le Politiche fiscali, Fabrizio Carotti, durante l'audizione di ieri di fronte alla Commissione bicamerale di vigilanza sull'anagrafe tributaria.

Il Sole 24 Ore - V. Maglione - art. pag. 30

I buchi online della Pa

Le pubbliche amministrazioni stanno cominciando a parlare tra loro

Il matrimonio tra pubblica amministrazione e informatica fa progressi, in Italia, ed è proprio questo il momento più delicato  per la coppia: occorre vigilare. Le pubbliche amministrazioni stanno infatti cominciando a parlare tra loro, piano piano; così diventa centrale il problema della sicurezza, perchè un anello debole della catena rischia di mettere in crisi l'intero sistema. E' l'allarme lanciato ieri dal Cnipa (Centro Nazionale per l'informatica nella Pubblica amministrazione), durante la relazione annuale che fa il punto sui traguardi raggiunti nel 2006.
"Abbiamo analizzato 1.033 centri elaborazioni dati, con 31 computer maniframe e 9.600 server applicativi nelle Pa. Ci siamo spaventati: lo stato della sicurezza informatica è preoccupante", dice Livio Zoffoli, presidente del Cnipa. Il problema? I centri per elaborare i dati nella Pa, visti nell'insieme, sono un Frankenstein binario: "Una mappa frammentata dove si vede che ogni amministrazione ha agito per conto proprio, in un processo tumultuoso per raggiungere certi obiettivi di informatizzazione, senza occuparsi della coerenza dell'intero sistema".

Il Sole 24 Ore Nòva - A. Longo - art. pag. 2

Scontrini, licenze ko

Commercio - Una risoluzione sulla mancata emissione. Non basta la definizione agevolata

La definizione agevolata delle sanzioni non blocca la sospensione della licenza a seguito della mancata emissione degli scontrini; se infatti è vero che la possibilità di chiudere il conto con l'amministrazione per il solo aspetto sanzionatorio inibisce l'applicazione delle eventuali sanzioni accessorie, è altrettanto vero che la disciplina recentemente innovata dalla manovra d'autunno in tema di licenze è speciale e gode quindi di una autonoma regolamentazione.
Nella risoluzione numero 150/E del 4 luglio del 2007 l'amministrazione finanziaria risolve in modo drastico il dubbio sollevato, peraltro, da una direzione regionale impegnata a resistere contro il ricorso in commissione di un contribuente al quale era stata irrogata la sanzione della sospensione della licenza all'esercizio dell'attività, nonostante lo stesso avesse definito ex articolo 16 del decreto legislativo. numero 472/97 le sanzioni pecuniarie irrogate.

Italia Oggi - A. Felicioni - art. pag. 32