Rassegna stampa dell' 11 luglio 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Nuova pagina 1


Archivio Unico Informatico obbligatorio per la tenuta della contabilità per conto terzi.

Obbligo di segnalazione delle operazioni sospette per la compilazione e l’invio di dichiarazioni dei redditi.

 

E’ quanto prevede il Decreto correttivo al DM 141/06 (art. 4, comma 2-bis) anche se la sola compilazione delle dichiarazioni non dà luogo agli adempimenti di identificazione dei clienti.

Professionisti contabili, associazioni di categoria ma anche i CAF, in caso di tenuta della contabilità per conto terzi, devono istituire l’Archivio Unico Informatico.

 

Non ti sei ancora adeguato alla normativa antiriciclaggio?

 

Prova Antiriciclaggio XP, il software gestionale per l’adozione delle misure previste dai Decreti n. 141 e 143 del 3 febbraio 2006!

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Il nuovo vincolo “scusa” le immobiliari

Enti di comodo. La seconda parte della circolare dell’Agenzia delle Entrate con le indicazioni sulla disciplina che è stata modificata con le manovre del 2006

Gran parte delle richieste di disapplicazione della disciplina sugli enti di comodo riguarda società in liquidazione volontaria o immobiliari. Quanto alle società in liquidazione, la circolare 44/E ribadisce che il mero stato di scioglimento non è sufficiente per uscire dal test di operatività: si deve infatti dimostrare che si sta procedendo a dimettere i beni sociali e a pagare i debiti. E’ stata quindi negata la disapplicazione a una società immobiliare che, dopo aver deliberato la liquidazione, ha proseguito nello svolgimento di una attività ordinaria ricercando possibili affittuari dei beni posseduti.

Il Sole 24 Ore - L. Gaiani - art. pag. 28

Per le aziende il puzzle del Tfr

Previdenza complementare. A luglio i datori di lavoro devono controllare i modelli e censire i dipendenti silenti. Versamenti alla Tesoreria entro lunedì con registrazione nel nuovo E-Mens

Luglio pesante nelle aziende per gli addetti agli uffici paghe. Scaduto il termine per la scelta da parte di coloro che erano in servizio al 31 dicembre 2006, è arrivato il momento degli adempimenti. La necessità di adeguare gli statuti dei fondi e di consentire all’Inps di regolamentare le modalità di versamento alla Tesoreria ha fatto sì che le operazioni derivanti dalle scelte operate nel primo semestre siano state posticipate a luglio. Con una massa di adempimenti imponente, con il rischio di non riuscire a far fronte a tutti gli obblighi.

Il Sole 24 Ore - N. Bianchi - art. pag. 29

Privacy e “Pa”, internet a revisione continua

Tutela della riservatezza. Al traguardo il vademecum del Garante. Un titolare del trattamento per ogni ufficio con autonomia

Anche per la Pubblica amministrazione arriva il vademecum salva-privacy. Il Garante, così come aveva già fatto per il settore privato, ha predisposto le regole da applicare ai lavoratori impiegati negli uffici pubblici. Le linee guida saranno prossimamente pubblicate sulla “Gazzetta Ufficiale”. In esse si chiede alla pubblica amministrazione di trattare i dati personali del propri dipendenti secondo criteri di semplificazione e mettersi nella prospettiva, già in buona parte attuata, di utilizzare le informazioni con strumenti elettronici: la tutela della riservatezza dei dipendenti dovrà essere garantita anche nel passaggio dalla carta alle nuove tecnologie.

Il Sole 24 Ore - A. Cherchi - art. pag. 30

Stampati blindati

Una risposta sui moduli fiscali della Direzione Veneto. No a modelli totalmente in bianco

No agli stampati fiscali fai-da-te: la tipografia non può fornire modelli completamente in bianco, provvisti soltanto della numerazione e dell'autorizzazione, affinché l'utilizzatore adotti un format personalizzato al momento del rilascio. Lo stop è arrivato dalla direzione regionale del Veneto dell'Agenzia delle entrate, nella risposta del 27 giugno 2007 a un'istanza di interpello presentata da una tipografia autorizzata a stampare modelli fiscali, che chiedeva di poter accogliere le richieste, ricevute da alcuni clienti, di fornire stampati dotati della sola prenumerazione e degli estremi di autorizzazione, avendo loro la necessità di realizzare direttamente, nel momento di utilizzo del prefincato, il layout grafico riportante esattamente i contenuti definiti dal modello ufficiale allegato al dm 30/03/1992.

Italia Oggi - S. Alessi - art. pag. 32

     

Pacchetto fiscale, preferenziale ko

Secondo la presidenza della Camera mancano i requisiti d'urgenza. Si sblocca il ddl rendite. Strada chiusa al trasloco dal ddl Iva auto al dl sul tesoretto

Il trasloco del pacchetto fiscale dal disegno di legge sull'Iva auto, in discussione al senato (AS1485), al decreto legge sul tesoretto (AC 2852), all'esame della camera, non ci sarà. Secondo la presidenza della Camera mancano i requisiti di necessità e urgenza. Nessun iter accelerato quindi per il pacchetto di modifiche che vanno dagli studi di settore al cuneo fiscale, dalla deducibilità delle auto ai rimborsi Iva per le autovetture e che al momento sono stati presentati come emendamenti al disegno di legge sull'Iva auto. È stata quindi scelta la strada di lasciare tutto nell'innesto originario per evitare problemi di costituzionalità sull'intero provvedimento del decreto legge. L'unica modifica, che si presterebbe al cambio di casacca legislativa, sarebbe la disposizione sull'Ici degli immobili dei residenti all'estero.

Italia Oggi - C. Bartelli - art. pag. 33