Rassegna stampa del 1° agosto 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik



ArchiviOK è un software che consente di gestire e archiviare, in formato elettronico, documenti di qualsiasi formato e origine: spool di stampa, documenti elettronici (email, fax, pdf, …), documenti cartacei (tramite acquisizione da scanner), file di testo, file telematici.

 

Con ArchiviOK è possibile disporre di un archivio elettronico all'interno del quale i documenti possono essere archiviati istantaneamente, consultati in qualunque momento e da qualunque postazione di lavoro, sia interna che esterna alla rete locale purché autorizzata, e rielaborati o distribuiti senza inutile occupazione di spazio.

 

Inoltre, con ArchiviOK è possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Slitta al 31 agosto il 730 integrativo

Per Caf e intermediari  

La mini-proroga al 31 agosto richiede la dichiarazione integrativa se i dati del sostituto sono sbagliati. E' uno degli effetti del nuovo calendario del modello 730/2007, dopo le modifiche apportate dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 31 maggio 2007.
In particolare, con la circolare 47/E del 31 luglio 2007, l'agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti agli intermediari abilitati che si avvalgono della mini-proroga al 31 agosto 2007 per la presentazione telematica dei modelli 730/2007. Mini-proroga di un mese che è concessa agli intermediari, a condizione che, entro il 31 luglio, abbiano presentato in via telematica almeno l'85% delle dichiarazioni elaborate.

Il Sole 24 Ore - T. Morina- art. pag. 28

 

Subappalti a unica annotazione

ASSONIME/ Circolare sul meccanismo del reverse charge

Registro sezionale e unica annotazione bivalente delle fatture soggette a reverse charge. Noli a caldo con fatturazione normale. Operazioni edili occasionali estranee all'inversione contabile. Sono alcune considerazioni espresse da Assonime nella circolare n. 45 del 30/7/2007 in materia di reverse charge nei subappalti.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 32

 

Il 730 neutro salva i rimborsi in busta

Entrate: modello a Sogei entro il 10/11

Il 730 neutro salva il rimborso in busta paga. Nel caso in cui la dichiarazione semplificata riporti un'erronea indicazione del datore di lavoro che eseguirà il conguaglio è ora possibile correre ai ripari presentando un nuovo modello contenente le stesse informazioni dell'originario, salvo il riquadro «Dati del sostituto d'imposta che effettuerà il conguaglio». In questo modo il risultato contabile, costituito da un credito o da un debito Irpef, sarà trasmesso al sostituto d'imposta con il modello 730-4 ordinario e seguirà le normali regole di liquidazione.
Il Caf o gli intermediari che eseguiranno l'operazione di correzione si avvarranno, invece, del modello 730, barrato come integrativo per le sole rettifiche relative ai dati del sostituto. Inoltre, il modello potrà essere elaborato esclusivamente dallo stesso soggetto che aveva prestato l'assistenza per la presentazione del modello originario. Il termine per la presentazione da parte del contribuente è fissato al 25 ottobre, e quello per la trasmissione telematica da parte dei Caf e dei professionisti abilitati al 10 novembre.
Sono queste le indicazioni fornite dall'Agenzia delle entrate con al circolare n. 47 del 31 luglio 2007.

Italia Oggi - S. Mazzei - art. pag. 33

 

L'Iva segue il fabbricato

L'Agenzia delle entrate precisa tempi e modalità di recupero dell'imposta. Detrazione rettificabile per nuova destinazione

relazione all'edificio trasformato in residence e utilizzato per porre in essere locazioni imponibili, l'acquirente ha diritto di recuperare l'imposta che al momento dell'acquisto non aveva detratto in base alla classificazione abitativa del fabbricato. La precisazione è stata fornita dall'Agenzia delle entrate con la risoluzione n. 196 del 31 luglio 2007.
Il quesito era stato presentato da una società che aveva stipulato un contratto preliminare per l'acquisto di alcuni immobili ad uso abitativo, garage e cantine, con l'impegno del venditore a presentare al comune la richiesta di cambio di destinazione degli immobili, da uso abitativo a residence. La società acquirente si era astenuta dal detrarre l'Iva relativa agli acconti corrisposti, addebitata dal promittente venditore con aliquota del 10%, in ossequio al divieto posto dall'art. 19-bis1, comma 1, lett. i), del dpr 633/72. Questa disposizione, com'è noto, sancisce infatti l'indetrabilità dell'Iva relativa all'acquisto di fabbricati abitativi, salvo che per le imprese aventi per oggetto esclusivo o principale la costruzione di fabbricati, nonché per quelle che pongono in essere affitti imponibili ed affitti esenti in regime di pro rata.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 36