Rassegna stampa del 28 agosto 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK è un software che consente di gestire e archiviare, in formato elettronico, documenti di qualsiasi formato e origine: spool di stampa, documenti elettronici (email, fax, pdf, …), documenti cartacei (tramite acquisizione da scanner), file di testo, file telematici.

 

Con ArchiviOK è possibile disporre di un archivio elettronico all'interno del quale i documenti possono essere archiviati istantaneamente, consultati in qualunque momento e da qualunque postazione di lavoro, sia interna che esterna alla rete locale purché autorizzata, e rielaborati o distribuiti senza inutile occupazione di spazio.

 

Inoltre, con ArchiviOK è possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Calcolo "virtuale" sull'acconto

Dopo la pausa estiva gli intermediari devono fare i conti con le novità della legge 127/07. Secondo appuntamento ricco di opzioni per i contribuenti.

Grandi lavori, al ritorno dalle ferie, negli studi professionali. Tra presentazione telematica di Unico 2007 (scadenza 1° ottobre), modello 770 semplificato (1° ottobre), invio della comunicazione telematica degli incassi per la grande distribuzione e per i contribuenti in franchigia, sono numerosi gli adempimenti che attendono in questi giorni i professionisti e gli intermediari.
A partire dalla legge 127/07 di conversione del decreto legge 81/2007 (cosiddetto decreto extra-gettito), che ha introdotto disposizioni che creano preoccupazioni per un ritorno al fenomeno delle "cartelle pazze". L'articolo 15-bis, rubricato "misure in materia di Irap e di oneri contributivi nel lavoro subordinato privato, nonchè in materia di  rimborsi Iva e di deducibilità delle spese  per veicoli non utilizzati esclusivamente come beni strumentali" contiene modifiche legislative che avranno ripercussioni sul versamento degli acconti ai fini delle imposte sui redditi e dell'Irap.

Il Sole 24 Ore - M. Procida, B. Santacroce - art. pag. 25

Riciclaggio, controlli di qualità

Lo schema di decreto che recepisce al terza direttiva verso l'esame delle Camere. Gli intermediari chiamati a verifiche sempre più raffinate

Parte il conto alla rovescia per la discussione in Parlamento dello schema di decreto legislativo che recepisce la terza direttiva europea sull'antiriciclaggio (60/2005). Settembre infatti dovrebbe esser il mese dell'approvazione del provvedimento, che precederebbe il Testo unico preannunciato per dicembre.
Lo schema di decreto si rivolge a quattro grandi "famiglie" di soggetti: banche, assicurazioni, professionisti, i revisori contabili e gli esercenti attività a rischio, come il recupero crediti, il trasporto valori, le case da gioco, l'offerta internet, le agenzie immobiliari.

Il Sole 24 Ore - G. Conforti - art. pag. 30

Professionisti, prescrizione lunga

Una sentenza della Corte di cassazione allunga i termini della responsabilità per colpa. Conta la data nella quale il danno è conosciuto dal cliente

Calendario lungo per la prescrizione del risarcimento del danno per colpa del professionista.
Il termine si computa a fare data dalla manifestazione del danno all'esterno e non dalla data del compimento della condotta professionale negligente.
Questo il principio formulato dalla Corte di cassazione (sentenza n. 16658 del 27 luglio 2007) nel giudicare il caso di un avvocato che ha commesso una serie di errori in una causa iniziata addirittura nel 1969. Si trattava di una causa per ottenere il passaggio di proprietà di un immobile, permesso in vendita, ma in realtà già venduto a terzi che avevano trascritto l'acquisto.

Italia Oggi - A. Ciccia - art. pag. 23

Iva auto, scudo parziale dal forfait

Le insidie delle procedure di rimborso in vista della prossima scadenza del 20 settembre. L'adeguamento non esclude il rischio di verifiche ordinarie

L'adeguamento alle percentuali forfettarie stabilite dall'Agenzia delle entrate con la circolare n. 28/2007, ai fini della «compilazione semplificata» dell'istanza di rimborso dell'Iva sulle auto aziendali, escluderà l'istanza dai controlli selettivi, ma non eliminerà completamente il rischio di accertamenti a seguito di eventuali accessi, ispezioni e verifiche. Soprattutto per quanto attiene alla determinazione della base imponibile del veicolo rivenduto, in relazione alla quale i verificatori potrebbero autonomamente contestare al contribuente il mancato adeguamento alle disposizioni contenute nel punto 4 del provvedimento del 22/2/07. La tranquillità potrebbe arrivare soltanto se le indicazioni della circolare venissero trasfuse in una norma di legge. Queste le considerazioni che possono svilupparsi, sul tema del rimborso dell'Iva pregressa sulle auto aziendali, in vista della scadenza del 20 settembre.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 24

Fattura, Iva sempre detraibile

Le indicazioni delle Entrate sui fornitori esteri

L'indicazione analitica, nella fattura, delle spese con Iva indetraibile per il fornitore, quale componente del corrispettivo dovuto per la prestazione, non pregiudica il diritto alla detrazione dell'Iva addebitata per rivalsa da parte del cliente. Conseguentemente, qualora questi sia un soggetto stabilito all'estero, l'imposta potrà essere rimborsata ai sensi dell'art. 38-ter del dpr 633/72. È quanto emerge dalla risoluzione n. 238 del 24 agosto 2007, con la quale l'agenzia delle entrate ha risposto al quesito di una società estera, appartenente ad un gruppo multinazionale, che si avvale, per la distribuzione dei propri prodotti in Italia, dei servizi di una società italiana, la quale fattura, per la propria “prestazione complessa unitaria ed inscindibile”, un corrispettivo costituito dai costi specifici maggiorati del 5%, su cui calcola ed addebita poi l'Iva del 20%.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 25