Rassegna stampa del 3 settembre 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

 
 
 
 
 
 
 
 

Iva Auto 258 è un software che permette la generazione del file telematico per l’invio della richiesta di rimborso, ai sensi del D.L. 258/06.

Il software consente di:

Importare i dati anagrafici e i dati Iva da telematico

Predisporre un prospetto di analisi dei clienti
Gestire i Quadri AD e AR
Stampare tutti i prospetti e i modelli
Generare il file telematico per l’invio dell’istanza di rimborso.

Compra subito Iva Auto 258 per inviare la tua richiesta di rimborso, la scadenza è vicina!

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Unico guarda il vecchio acconto

Nella dichiarazione uno spazio per le imposte maggiorate dalla manovra Visco-Bersani. Le società di capitali devono riportare i dati di novembre 2006 per il ricalcolo

Unico 2007 vuol conoscere il ricalcolo dell'acconto. Le società di capitali devono riportare nell'apposito prospetto del quadro RS l'imposta dell'esercizio 2005 rideterminata retroattivamente in applicazione delle norme della manovra d'estate 2006 e di quelle sul dividend washing introdotte dal decreto legge 203/05.
I contribuenti  che non avessero correttamente effettuato il pagamento dell'anticipo in base a queste regole e che hanno corrisposto la maggiore imposta solo a saldo potrebbero avvalersi  del ravvedimento versando la sanzione ridotta e gli interessi.

Il Sole 24 Ore - sabato 1° settembre - L. Gaiani – art. pag. 25

Liti con il Fisco, tutela ridotta

La Commissione regionale di Bolzano respinge i dubbi di legittimità. In secondo grado non è possibile sospendere i pagamenti

Presunti "grandi evasori" a tutela processuale dimezzata, fino a norma contraria. Finchè il legislatore non dirà espressamente qualcosa di diverso, i contribuenti in causa con il Fisco per cifre in grado di rovinarli saranno infatti costretti a pagare, dopo la prima sconfitta in aula, senza che sia detta l'ultima parola sulla lite tributaria.
La Commissione regionale di Bolzano non riscontra nessuna imperdonabile discriminazione nell'attuale disciplina della tutela cautelare nel contenzioso fiscale, e dichiara manifestamente infondata la questione di legittimità avanzata nel corso del processo tra una Srl e l'agenzia delle Entrate.

Il Sole 24 Ore - sabato 1° settembre - B. Dalia - art. pag. 26

Iva auto, scatta l'ora dei rimborsi

Dopo il caos normativo, la detrazione si è fermata al 40% e per le dirette c'è il tetto del 10%. Entro il 20 settembre l'invio telematico delle istanze sui vecchi acquisti

Gli sconti del Fisco sulle auto si fermano al 40 per cento. Dopo il caos normativo del 2006, che aveva fatto seguito alla sentenza della Corte di Giustizia Ue sull'indetraibilità dell'Iva, è questa la percentuale uniforme individuata dal legislatore per la detrazione dell'Iva e la deduzione dei costi da parte di imprese e professionisti, Nella stessa misura, i contribuenti potranno ottenere il rimborso dell'Iva sugli acquisti effettuati fino al 13 settembre 2006, inviando alle Entrate l'istanza telematica entro il 20 settembre.
In meno di 12 mesi le regole fiscali delle autovetture sono cambiate spesso, con disposizioni che si sono accavallate l'una sull'altra, e con decorrenze più volte rinviate. Il quadro normativo che si presenta alla ripresa lavorativa e, almeno si spera, definitivo, con percentuali di recupero valide per il 2007 e gli esercizi successivi.

Il Sole 24 Ore del lunedì - L. Gaiani – art. pag. 31

Richieste Iva auto, contribuenti al bivio

Istanza telematica per il forfait e cartacea per chi reclama più detrazione

I contribuenti che intendono ottenere il rimborso dell'Iva assolta sull'acquisto e sulle spese accessorie di alcuni mezzi di trasporto a motore, effettuati nel periodo che va dal 1° gennaio del 2003 al 13 settembre del 2006, hanno a disposizione due strumenti e debbono inserire in agenda due differenti scadenze.
Infatti, per coloro che condividono le misure a forfait introdotte (30, 40 o 50% a seconda dei settori di attività del soggetto e del tipo di propulsione del veicolo) è disponibile una istanza di rimborso telematica, da trasmettere entro la data del 20 settembre 2007, mentre per i contribuenti che ritengono di poter dimostrare una maggior percentuale di detrazione rispetto a quella genericamente disposta, potranno presentare una istanza di rimborso cartacea entro la successiva data del 15 novembre 2008.

Il Sole 24 Ore del lunedì - G. P. Ranocchi, G.  Valcarenghi - art. pag. 32

Ricorso al Garante Privacy scudo antiabusi

Dalle ultime statistiche risulta che molto spesso non occorre neppure arrivare a una pronuncia. Rivolgersi all'Authority ha esito favorevole nel 64% dei casi

Il ricorso al garante della privacy funziona. Porta a un risultato favorevole per l'interessato nel 64% dei casi. Nei restanti i ricorsi sono infondati nel 9%, mentre sono inammissibili (e quindi non valutati per esempio per difetti formali) nel restante 27%. Anzi il dettaglio delle statistiche diffuse dal garante evidenzia il fatto che nel 48% dei casi il garante non deve nemmeno arrivare a una pronuncia: la sola presentazione del ricorso suggerisce al titolare del trattamento un comportamento virtuoso. Cosicché il garante deve limitarsi a prendere atto dell'avvenuto soddisfacimento delle ragioni del cittadino ed emettere una pronuncia di non luogo a procedere.
Nel mirino dei ricorsi al garante le centrali rischi private, banche e società finanziarie. In terza posizione gli operatori economici contro cui è stata presentata opposizione contro messaggi pubblicitari. Non sono esclusi, seppure in misura estremamente ridotta parrocchie e professionisti.

Italia Oggi Sette - A. Ciccia - art. pag. 10