Rassegna stampa del 5 settembre 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK è un software che consente di gestire e archiviare, in formato elettronico, documenti di qualsiasi formato e origine: spool di stampa, documenti elettronici (email, fax, pdf, …), documenti cartacei (tramite acquisizione da scanner), file di testo, file telematici.

 

Con ArchiviOK è possibile disporre di un archivio elettronico all'interno del quale i documenti possono essere archiviati istantaneamente, consultati in qualunque momento e da qualunque postazione di lavoro, sia interna che esterna alla rete locale purché autorizzata, e rielaborati o distribuiti senza inutile occupazione di spazio.

 

Inoltre, con ArchiviOK è possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Diritto fallimentare, nuove soglie solo dal 2008

Pronto il decreto correttivo alla riforma. I nuovi parametri operativi dall'anno prossimo

Correzioni in vigore dal 2008. Chiarimenti sui poteri dell'autorità giudiziaria. Limiti alla proposta di concordato dell'imprenditore fallito. Precisazioni sul regime delle sanzioni personali e sulle maggioranze necessarie per l'approvazione del concordato preventivo. Scudo automatico sugli accordi di ristrutturazione. Indicazione dei requisiti dei professionisti coinvolti nella procedura.
Con queste modifiche dell'ultimissima ora si avvia al Consiglio di ministri il decreto legislativo correttivo alla riforma del diritto fallimentare. Cambiamenti significativi, che accolgono in parte le richieste del Parlamento nei pareri approvati a fine luglio e contribuiscono a dissipare ulteriormente alcuni dubbi che hanno costellato la prima fase di applicazione della nuova legge fallimentare.

Il Sole 24 Ore - G. Negri - art. pag. 29

L'elenco clienti e fornitori "trascura" San Marino

I criteri per la compilazione non sono esaustivi 

La mancanza di un modello ministeriale relativo agli elenchi clienti e fornitori e delle istruzioni per la compilazione degli stessi metteranno in difficoltà i contribuenti oltre che per le operazioni in reverse charge anche con riferimento a ulteriori fattispecie.
Ad esempio, non è chiaro se e come indicare negli elenchi gli acquisti di carburanti per autotrazione documentati dalle apposite schede, le operazioni a esigibilità differita, le operazioni con la Repubblica di San Marino e con la Città del Vaticano

Il Sole 24 Ore - P. Formica, N. Forte- art. pag. 30

Riciclaggio, verifica ampia

Lo schema di decreto legislativo varato dal Governo estende l'ambito degli accertamenti. Controlli stringenti nella gestione del rapporto con il cliente

L'adeguata verifica del cliente e archiviazioni dei dati che lo riguardano sono gli elementi essenziali con cui i professionisti sono chiamati a confrontarsi nella prossima attuazione della terza direttiva antiriciclaggio (2005/60/Ce).
Lo schema di decreto legislativo di recepimento ha infatti ricevuto il via libera preliminare del Consiglio dei ministri lo scorso 27 luglio e dovrà ora ottenere i pareri parlamentari.
Il provvedimento riscrive le regole sugli obblighi di verifica della clientela e di registrazione e segnalazione delle operazioni sospette per intermediari, professionisti e altri "controllori". Con segnalazione, se se ne creano le circostanze, all'Uif (Unità di informazione finanziaria) delle operazioni sospette di riciclaggio e di finanziamento al terrorismo.

Il Sole 24 Ore - G. Conforti - art. pag. 35

La privacy non blocca l'energia liberalizzata

Authority e riservatezza

Istruzioni semplici, nessuna telefonata inopportuna e dati conservati "a tempo determinato". Sono questi i cardini della deliberazione del Garante della Privacy, Francesco Pizzetti, cui la recente liberalizzazione del mercato dell'energia e del gas dovrà attenersi per una corretta informazione degli utenti e un utilizzo altrettanto sensibile dei loro dati.
Un'operazione di apertura del mercato che il rispetto della riservatezza intende accompagnare a beneficio di una leale concorrenza tra nuovi operatori . Tanto che "ora - sottolinea con una certa soddisfazione il presidente dell'Autorità Garante per la protezione dei dati personali - nessuno potrà dire che la privacy è di ostacolo alle liberalizzazioni, semmai è di stimolo".

Il Sole 24 Ore - L. Cavestri - art. pag. 35