Rassegna stampa del 12 settembre 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

 
Mancano 8 giorni alla scadenza!

Iva Auto 258 è un software che permette la generazione del file telematico per l’invio della richiesta di rimborso, ai sensi del D.L. 258/06.

Il software consente di:

Importare i dati anagrafici e i dati Iva da telematico

Predisporre un prospetto di analisi dei clienti
Gestire i Quadri AD e AR
Stampare tutti i prospetti e i modelli
Generare il file telematico per l’invio dell’istanza di rimborso.

Compra subito Iva Auto 258 per inviare la tua richiesta di rimborso, hai tempo fino al 20 settembre!

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Unico automatico dal 2009

L'amministrazione rivede i tempi per l'invio delle denunce pre-compilate. Ma per l'attivazione è fondamentale l'anticipo delle scadenze

Partirà dalle dichiarazioni del 2009 l'invio dei modelli precompilati ai contribuenti, con riferimento ai redditi 2008. E quindi verosimilmente dal febbraio 2009, con lo slittamento di un anno rispetto alle prime indicazioni emerse nella primavera scorsa. Il progetto resta però legato all'anticipazione generalizzata delle scadenze per le dichiarazioni, che per quest'anno non si è realizzata, se non in misura limitata. E per quanto riguarda i contribuenti minimi è probabile che la semplificazione comporti anche il superamento dell'obbligo di dichiarazione annuale.

Il Sole 24 Ore - A. Criscione – art. pag. 29

Partita Iva esentasse

In Gazzetta il restyling degli oneri legati al Registro imprese. Stop al diritto di segreteria in Cciaa

Addio al diritto di segreteria che le imprese devono versare in camera di commercio, nel momento in cui presentano richiesta di partita Iva. Ma arriva un nuovo diritto, questa volta in salsa hi-tech. Dovrà essere versato ogni qual volta la camera di commercio rilasci al titolare di una carica di impresa un certificato Cns (relativo alla Carta nazionale servizi), su chiavetta Usb. Costo: 40 euro, se è il primo rilascio per l'impresa, 70 euro per ogni ulteriore rilascio di certificato. E un onere simile dovrà essere pagato ogni volta che l'ente camerale provveda a rilasciare documenti relativi alla Carta nazionale servizi, sempre mediante dispositivi Usb. Il nuovo listino prevede: 25 euro per il rilascio Cns e 7 euro per il certificato Cns.

Italia Oggi - L. Chiarello - art. pag. 29

Il modello 770 apre ai curatori

FALLIMENTI/ Predisposizione e invio entro il 1° ottobre. Ma non mancano difficoltà operative. Ritenuta d'acconto a doppio regime per i compensi 2006 

Il modello 770/2007 apre ai curatori. Per la prima volta infatti i curatori fallimentari, quali novelli sostituti d'imposta, saranno chiamati alla predisposizione e all'invio del modello 770 semplificato entro il prossimo 1° ottobre 2007. Il debutto si presenta tutt'altro che agevole a causa di una serie di particolarità legate essenzialmente al fatto che la loro veste di sostituti d'imposta non riguarda l'intero anno 2006 ma la seconda frazione (dal 4 luglio in poi) ai sensi del dl 223/06. Ciò comporta che all'interno dell'intero esercizio 2006 solo i compensi erogati dopo tale data saranno stati assoggettati a ritenuta d'acconto mentre quelli erogati precedentemente non hanno subito alcuna trattenuta da parte degli organi fallimentari.

Italia Oggi - A. Bongi – art. pag. 30

Iva ridotta, paletti

Agevolazione 1ª casa - Intervento della Cassazione. L'abitazione deve essere condonata

La Cassazione fissa i paletti sull'agevolazione Iva per la prima casa. L'abitazione dev'essere condonata, o, in mancanza, deve essere presentata ogni anno una dichiarazione che attesta la pendenza della procedura di sanatoria. Restano fermi gli altri due requisiti espressamente richiesti dalla legge: il venditore dev'essere la società di costruzioni e l'appartamento non dev'essere di lusso. È quanto stabilito dalla Suprema corte che, con la sentenza n. 18876 del 7 settembre 2007, ha respinto il ricorso di una contribuente proprietaria di una casa sulla quale era stata pagata l'Iva al 4% perché, aveva detto il notaio, l'abitazione non era di lusso ed era stata acquistata dalla società di costruzione. Ma i giudici di Palazzaccio hanno esteso un principio già affermato secondo cui, in tema di agevolazioni tributarie per l'acquisto della prima casa, ciò non si applica in caso di immobile abusivo non ancora condonato.

Italia Oggi - D. Alberici - art. pag. 31