Rassegna stampa del 14 settembre 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

 
Mancano 6 giorni alla scadenza!

Iva Auto 258 è un software che permette la generazione del file telematico per l’invio della richiesta di rimborso, ai sensi del D.L. 258/06.

Il software consente di:

Importare i dati anagrafici e i dati Iva da telematico

Predisporre un prospetto di analisi dei clienti
Gestire i Quadri AD e AR
Stampare tutti i prospetti e i modelli
Generare il file telematico per l’invio dell’istanza di rimborso.

Compra subito Iva Auto 258 per inviare la tua richiesta di rimborso, hai tempo fino al 20 settembre!

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Iva auto, una settimana per le domande

Entro giovedì 20 devono essere inviate le istanze sugli acquisti effettuati fino al 13 settembre 2006

Iva auto, istanze di rimborso al fotofinish. I ritardatari, che cominciano solo ora ad affrontare la possibilità di richiedere la restituzione dell'imposta non detratta, devono compilare e inviare la domanda entro il prossimo 20 settembre. Un ausilio per chi è alle prese con le istanze giunge comunque con la circolare Assonime 51 diffusa ieri, che illustra anche il nuovo regime di detrazione in vigore dal 27 giugno scorso.
Nella rivendita di auto con Iva detratta al 40%, spetta una corrispondente riduzione della base imponibile. Assonime - nella circolare 51/2007 - ritiene che questa regola, attualmente non prevista esplicitamente dall'ordinamento sia comunque desumibile dalle regole comunitarie e, dunque, immediatamente applicabile.

Il Sole 24 Ore - L. Gaiani – art. pag. 29

Fondi pensione, semplificazione cercasi

La seconda parte della mappa degli adempimenti per le forme negoziali ricostruita dalla Fondazione dei consulenti del lavoro

La semplificazione delle procedure per i versamenti e la trasmissione dei dati sugli iscritti ai Fondi pensione è all'ordine del giorno al ministero del Lavoro. "Entro settembre - anticipa Giovanni Pollastrini, consigliere del ministro Cesare Damiano - costituiremo un tavolo tecnico per tentare di definire regole omogenee tra le varie gestioni. In questi giorni stiamo facendo un censimento per capire quali sono le questioni che possono essere disciplinate in modo uniforme e che non rientrano tra le disposizioni contrattuali, che sono indisponibili".
L'intervento istituzionale del Lavoro va nello stesso solco dell'opera avviata a fine giugno da Assosoftware, con la proposta di un tracciato standard per la trasmissione dei dati. "Ci sono molte realtà di previdenza complementare - dice Bonfiglio Mariotti, presidente di Assosoftware - che hanno strutture organizzative molto scarne: tracciati informativi uniformi vanno anche a loro vantaggio".
Senza percorsi omogenei i datori di lavoro rischiano di dover sopportare costi molto elevati per la gestione della previdenza complementare.

Il Sole 24 Ore - M. C. De Cesari, E. De Fusco - art. pag. 32

Ricongiunzioni e riscatti online

In un messaggio dell'Istituto le modalità dei versamenti da eseguire tramite internet

Anche i contributi da riscatto e ricongiunzione possono essere pagati online. Lo ha comunicato l'Inps con il messaggio n. 22370 del 13 settembre 2007, con il quale viene rilasciata l'applicazione "pagamento online contributi riscatti e ricongiunzioni".
Il servizio telematico ricalca quello introdotto per il pagamento dei contributi relativi ai lavoratori domestici ed è finalizzato al pagamento dei contributi via internet in collaborazione con Poste Italiane, è disponibile tra i servizi online pubblicati sul sito internet dell'Istituto e raggiungibile su www.inps.it attraverso il percorso "servizi online" , "cittadino".

Il Sole 24 Ore - A. Rossi – art. pag. 33

Il 36% col compromesso

La risposta della Dre dell'Emilia Romagna su un acconto pagato per il box. Il preliminare indispensabile per le detrazioni

Senza il compromesso salta la detrazione Irpef del 36%. In pratica, l'acconto pagato dal contribuente per l'acquisto di un'autorimessa pertinenziale all'edificio abitativo senza la stipula e la registrazione del relativo compromesso, non consente al contribuente di fruire del beneficio. E ciò anche se nello stesso anno in cui sono stati corrisposti gli acconti, mediante bonifici bancari, si arriva alla stipula del rogito notarile nel quale vengono menzionati, tra l'altro, i pagamenti già eseguiti a titolo d'acconto da parte dell'acquirente.
È quanto sancito dalla risposta fornita dalla direzione regionale dell'Agenzia delle entrate dell'Emilia Romagna, in data 28/8/2007, a un interpello proposto da due coniugi che intendevano conoscere il corretto comportamento da seguire in sede di redazione della dichiarazione dei redditi.

Italia Oggi - M. Bonazzi - art. pag. 39