Rassegna stampa del 1° ottobre 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Iva Auto 258 è un software che permette la generazione del file telematico per l’invio della richiesta di rimborso, ai sensi del D.L. 258/06.

Il software consente di:

Importare i dati anagrafici e i dati Iva da telematico

Predisporre un prospetto di analisi dei clienti
Gestire i Quadri AD e AR
Stampare tutti i prospetti e i modelli
Generare il file telematico per l’invio dell’istanza di rimborso.

Compra subito Iva Auto 258, il termine ultimo per l'invio della tua richiesta di rimborso è il 22 ottobre!

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

L'online perdona l'intermediario

Una circolare delle Entrate detta le regole per il ravvedimento operoso di professionisti e Caf.

Gli intermediari che non provvedono alla trasmissione telematica delle dichiarazioni, per le quali hanno assunto il relativo impegno, possono usufruire del ravvedimento operoso inviando la dichiarazione entro  90 giorni dal termine e versando, contestualmente, la sanzione per la propria condotta omissiva nonchè le sanzioni poste a carico del contribuente per la tardiva presentazione della dichiarazione, entrambe ridotte ad un ottavo del minimo.
Il ravvedimento è ammesso anche per il rilascio infedele del visto di conformità, dell'asseverazione e della certificazione tributaria a condizione che il Caf o il professionista che li hanno rilasciati provvedano a inviare un'apposita comunicazione all'agenzia delle Entrate e a versare le relative sanzioni ridotte a un quinto del minimo. Nessuno sconto è invece previsto per Caf e professionisti nei casi di violazioni particolarmente gravi e ripetute.
Sono questi alcuni dei chiarimenti forniti dall'agenzia delle Entrate con la circolare n. 52 (diffusa venerdì) in tema di applicazione del nuovo regime sanzionatorio di tipo tributario alle violazioni commesse dai soggetti che prestano assistenza fiscale e dagli intermediari abilitati. 

Il Sole 24 Ore - sabato 29 settembre - C. Mezzetti, E. Re – art. pag. 33

Arriva la cambiale telematica

Innovazione - Cambia il pagherò

Nei prossimi giorni nelle tabaccherie italiane arriveranno le nuove cambiali. Telematiche. Si tratterà di foglietti privi di valore (a differenza di quelli attuali) sui quali andrà incollato il contrassegno telematico "marca cambiali", con l'imposta dovuta.
In pratica, i "pagherò" seguiranno la sorte della marca da bollo su carta, uscita di scena il 1° settembre scorso. Ma per le vecchie cambiali l'avvicendamento è progressivo: le Entrate ricordano infatti in un comunicato che gli "effetti cambiari!" attualmente in uso possono ancora essere utilizzati, integrandone se necessario il valore con i nuovi contrassegni telematici.

Il Sole 24 Ore - sabato 29 settembre - E. Marro - art. pag. 33

Undici miliardi per 100 notizie

Varato dal consiglio dei ministri un ddl e un decreto da 7,5 mld per redistribuire il tesoretto.

Meno tasse, meno spesa. Il tutto da realizzarsi anche grazie a una sforbiciata di lungo periodo ai costi della politica, come lo sfoltimento del numero dei parlamentari già dalla prossima legislatura: secondo il progetto in aula dovrebbero restare solo 450 deputati e 200 senatori.
E' la ricetta della Finanziaria soft per il 2008 messa a punto dal ministro Tommaso Padoa-Schioppa.
La portata della manovra sarà di circa 11 mld, cui si aggiunge un decreto legge del valore di 7,5 miliardi, 2 dei quali da destinare ai ceti deboli e 3 agli investimenti in infrastrutture. L'annunciato disegno di legge collegato sul welfare, che deve dare attuazione al protocollo di luglio, sarà approvato dal consiglio dei ministri del 12 ottobre. Il dl prevede tagli di spesa per 4.689 milioni di euro e un calo delle tasse che arriva al 3.200 milioni di euro.

Italia Oggi - sabato 29 settembre - R. Miliacca – art. pag. 2

Privacy senza abusi

Il garante: no a ricorsi per cambio di gestori dei servizi. La norma non va strumentalizzata 

La privacy non serve a evitare i rincari delle bollette.
Il passaggio da un gestore di un servizio pubblico a un altro non può essere contestato con un ricorso al garante della privacy. Si tratterebbe di un'illecita strumentalizzazione della legge sulla privacy per fini di tutela diversi da quelli della protezione dei dati personali. Con il ricorso privacy si può ottenere una tutela sulle proprie informazioni, si può conoscere se vi sia un trattamento e ci si può opporre allo stesso per motivi legittimi, o si possono rettificare i dati errati. Ma non si possono contestare le bollette.
L'occasione per stabilire questo principio è stata data al garante presieduto da Francesco Pizzetti da un ricorso di numerosi utenti che contestavano l'utilizzo dei dati personali che li riguardavano da parte di un'azienda subentrata alla gestione comunale per la fornitura del servizio idrico.

Italia Oggi - sabato 29 settembre - A. Ciccia - art. pag. 44

Per gli elenchi è l'ora dell'invio

Entro il 15 ottobre la trasmissione telematica dei documenti relativi al 2006

Due settimane di tempo per "presentare" al Fisco la mappa dei propri interlocutori commerciali: i clienti e i fornitori. L'ambito dei soggetti che devono comparire nel listing comunicato alle Entrate da imprese e professionisti include coloro nei cui confronti sono state emesse fatture nell'anno di riferimento, nonchè i titolari di partita Iva da cui sono stati effettuati, nello stesso periodo, acquisti rilevanti ai fini del tributo.

Il Sole 24 Ore del lunedì - M. Sirri - art. pag. 34

Al via i nuovi contribuenti minimi

Le regole partiranno dal primo gennaio 2008. Semplificazioni nella tenuta della contabilità. Regime naturale da indicare nella dichiarazione di inizio attività 

Per i contribuenti con ricavi e compensi sotto i 30 mila euro sarà possibile una tassazione sostitutiva con applicazione di un'aliquota pari al 20%.
Esclusi, inoltre, dall'applicazione dell'imposta regionale e dell'Iva ma, soprattutto, esonerati dagli obblighi di tenuta delle scritture contabili.
Nella bozza di legge Finanziaria 2008 presentata venerdì scorso un'importante novità riguarda il nuovo regime fiscale applicabile ai contribuenti minimi, ovvero quei soggetti che realizzano ricavi o compensi al di sotto dei 30 mila euro.

Italia Oggi Sette-  F. G. Poggiani- art. pag. 8