Rassegna stampa del 23 ottobre 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK è un software che consente di gestire e archiviare, in formato elettronico, documenti di qualsiasi formato e origine: spool di stampa, documenti elettronici (email, fax, pdf, …), documenti cartacei (tramite acquisizione da scanner), file di testo, file telematici.

 

Con ArchiviOK è possibile disporre di un archivio elettronico all'interno del quale i documenti possono essere archiviati istantaneamente, consultati in qualunque momento e da qualunque postazione di lavoro, sia interna che esterna alla rete locale purché autorizzata, e rielaborati o distribuiti senza inutile occupazione di spazio.

 

Inoltre, con ArchiviOK è possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Si amplia la banca dati del Dna

Prelievo coatto anche in caso di misure alternative alla detenzione

Alla fine, aggirato lo scoglio dei fondi, la banca dati del Dna approda all'esame del Consiglio dei ministri. Dopo avere ricevuto il parere del Garante della privacy (fornito per la prima volta in via preventiva) e con alcune modifiche tese ad allargare al platea dei soggetti cui sarà possibile effettuare il prelievo forzoso e a rafforzare la riservatezza. Ai costi (quasi 10 milioni di euro per il 2008, 6 milioni per il 2009 e 4 milioni 700mila per gli anni successivi) per l'istituzione e la manutenzione dell'archivio dei profili biologici provvederanno sia il ministero della Giustizia sia quello dell'Interno.

Il Sole 24 Ore - G. Negri - art. pag. 31

In manette per autoriciclaggio

CONSIGLIO DEI MINISTRI/ Nel pacchetto sicurezza la riscrittura del codice penale. Furto, rapina, estorsione: si moltiplicano le sanzioni

Manette per l'autoriciclaggio. Con due tratti di penna agli articoli del codice penale, 648-bis e ter, del reato di riciclaggio ne risponderà anche chi commette un reato presupposto e cioè un reato con un legame di accessorietà con il riciclo di denaro sporco. È questa una delle novità contenuta nel cosidetto «pacchetto sicurezza», che si compone di un disegno di legge dell'Interno e di tre della Giustizia, oggi al vaglio del consiglio dei ministri.
L'articolo 4 del ddl contiene modifiche al codice penale e, con riferimento agli articoli dedicati al riciclaggio di denaro, prevede di eliminare l'espressione «fuori dai casi di concorso nel reato» per il 648-bis e «dei casi di concorso di reato» per il 648-ter. Nell'ordinamento italiano infatti il reato di riciclaggio non si applica a chi ha commesso il reato presupposto, per esempio la rapina aggravata, l'estorsione aggravata, il sequestro di persona a scopo di estorsione. L'uso e l'occultamento dei proventi criminosi, da parte delle persone che hanno commesso il reato che ha generato proventi (cosiddetto autoriciclaggio), sono considerati come un evento successivo al fatto e per questo non punibile. Ecco anche spiegati i numeri bassi di condanne per reati di riciclaggio.

Italia Oggi - C. Bartelli, M. Gasparini - art. pag. 33

Sinistri, un minimo ai risarcimenti

CONSIGLIO DEI MINISTRI/Dlgs sulla Responsabilità civile. Più trasparenza per i danneggiati. Cinque mln di euro per i danni a persone, un milione a cose

Soglie minime di risarcimento, non negoziabili, nelle polizze assicurative per la responsabilità civile legata ai sinistri che toccano persone (copertura minima da 5 mln di euro) o cose (1 mln di euro). Siano essi incidenti causati da autoveicoli, motoveicoli o imbarcazioni. Rc auto a più ampio spettro, obbligate a coprire anche i danni a persone e cose subiti da pedoni, ciclisti e ogni genere di persona non motorizzata circolante su strada. Ma anche maggiore trasparenza e diffusione delle informazioni relative agli assicurati: i dati relativi alla copertura assicurativa del veicolo che ha causato il sinistro, al numero di polizza stipulata e alla data di scadenza della polizza dovranno essere obbligatoriamente messi a disposizione dei danneggiati. Che dovranno anche avere la possibilità di riceverli e consultarli in formato elettronico. Cioè via mail o via internet.
Sono questi i tratti innovativi dello schema di decreto legislativo oggi al vaglio del consiglio dei ministri.

Italia Oggi - L. Chiarello, M. Gasparini - art. pag. 34

Unico on-line, compenso più alto

Ieri la V commissione del senato ha dato l'ok al decreto collegato alla Finanziaria. Oggi in aula. Pubblicità affissa in farmacia per lo scontrino parlante

Innalzato da 0,52 a 1 euro il compenso che lo stato assegna agli intermediari per l'invio delle dichiarazioni telematiche con F24. Il bonus incapienti diventa una “detrazione fiscale”, mentre sono rimodulati i tagli all'editoria. Arrivano modifiche al testo unico delle accise e al piano di rientro dai deficit sanitari delle regioni. Vengono, anche stanziati 550 milioni di euro per ampliare l'offerta di alloggi a canone sociale da destinare alle giovani coppie a basso reddito, oltre che agli sfrattati; così come nuovi fondi rifinanzieranno i programmi di riqualificazione delle periferie degradate. Salta per i pensionati pubblici il prelievo ''automatico'' dello 0,15-0,35% delle pensioni per finanziare il fondo Inpdap. L'obbligo, a partire dal 1° gennaio 2008, di dotarsi di scontrino fiscale parlante in farmacia dovrà essere reso noto con un avviso. Le conservatorie saranno chiuse di sabato.
Queste alcune delle novità inserite nel decreto fiscale collegato alla Finanziaria per il 2008 dalla commissione bilancio del senato che ieri notte ha terminato l'esame del provvedimento, senza trovare un accordo sulla questione degli strumenti finanziari, compresi i derivati, sottoscritti dagli enti locali.

Italia Oggi - A. Gorret - art. pag. 39