Rassegna stampa del 9 novembre 2007
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Con un semplice click importi i file telematici generati da qualsiasi applicativo e salvati su File System!

ArchiviOK Telematici è un software per l'archiviazione e la conservazione delle dichiarazioni trasmesse all'Amministrazione finanziaria tramite tracciato telematico.


Con ArchiviOK Telematici è possibile disporre di un archivio elettronico di tutte le dichiarazioni trasmesse, visualizzando i dati su un modello elettronico identico al modello cartaceo.


E' inoltre possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

Per scoprire le funzionalità visita il sito www.dataprintgrafik.it

Per gli acquisti di inizio 2006 niente detrazioni

Immobili e Iva

Non c'è via di scampo per la rettifica della detrazione Iva relativamente ai fabbricati abitativi acquistati nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 4 luglio 2006. Lo ribadisce l'agenzia delle Entrate con la risoluzione n.317/E del 7 novembre.
Il caso è ricorrente e riguarda una società avente per oggetto la compravendita di immobili a uso abitativo che aveva effettuato nel corso del 2006 acquisti di case di abitazioni destinate alla rivendita. Fino al 4 luglio 2006 l'Iva sull'acquisto era detraibile in quanto la cessione di immobili abitativi da parte di imprese di compravendita era soggetta all'imposta sul valore aggiunto. Da tale data le cessioni sono divenute esenti Iva in base all'articolo 10 punto 8 bis del Dpr 633/72, quindi con Iva non detraibile.

Il Sole 24 Ore - R. Portale, G. P. Tosoni - art. pag. 29

Anche gli enti pubblici vincolati all'F24 online

Per l'Irap e le ritenute dal 1° gennaio

Il modello F24 si arricchisce di una nuova versione. Dal 2008, per i versamenti dell'Irap e delle ritenute, anche gli enti pubblici dovranno usare il modello F24. Con un provvedimento dell'8 novembre è stato infatti approvato il modello "F24 enti pubblici". Le modalità operative sono simili agli altri sistemi di pagamento "online" dell'agenzia delle Entrate.
Nelle motivazioni indicate nel provvedimento si legge che il nuovo sistema di pagamento, che sarà usato per l'Irap e le ritenute alla fonte operate per l'Irpef e le addizionali, consente di ottenere numerosi vantaggi, tra cui la sicurezza dei flussi informativi e la tempestività degli accrediti ai municipi. 

Il Sole 24 Ore - T. Morina - art. pag. 33

Antiriciclaggio, archivio ricco

Il decreto in corso di emanazione allarga il censimento a operazioni fuori conto e deleghe. Le Entrate: il silenzio degli intermediari non equivale a una risposta negativa

Per l'Archivio dei rapporti è in vista un vero e proprio boom di nuovi "contatti" censiti. Nella bozza di decreto legislativo che andrà al Consiglio dei ministri della prossima settimana in materia di antiriciclaggio è previsto infatti che anche operazioni fuori conto e deleghe andranno censite nell'Archivio.
Questo mentre per le risposte negative alle indagini finanziarie una nuova direttiva interna dell'agenzia delle Entrate agli uffici è stata firmata nei giorni scorsi dal direttore centrale Accertamento, Villiam Rossi. La questione delle risposte negative, vale a dire quando gli intermediari finanziari chiariscono che non intrattengono rapporti con i contribuenti sottoposti a indagini finanziarie, prevedeva la possibilità di considerare le mancate risposte negative. Ma per le Entrate è una soluzione che non si ritiene praticabile in base alla normativa attuale.

Il Sole 24 Ore - A. Criscione - art. pag. 35
 

Studi di settore a prova ribaltata

FINANZIARIA 2008/ L'aula del senato ha approvato un emendamento al disegno di legge. Il fisco deve avvalorare i maggiori ricavi da indicatore 

Sugli studi di settore onere della prova al fisco. L'aula del senato ha approvato ieri, a stragrande maggioranza, un emendamento al ddl finanziaria (n. 1817) sulla revisione degli studi di settore che prevede sia l'Agenzia delle entrate «a fornire elementi di prova per avvalorare i maggiori ricavi o compensi derivanti dall'applicazione degli indicatori di normalità economica».
Il testo approvato dall'assemblea è il seguente: «Ai fini dell'accertamento l'Agenzia delle entrate ha l'onere di motivare e fornire elementi di prova per avvalorare i maggiori ricavi o compensi derivanti dall'applicazione degli indicatori di normalità economica, approvati con il decreto del ministro dell'economia del 20 marzo 2007 sino all'entrata in vigore dei nuovi studi di settore varati secondo le procedure, anche di concertazione con le categorie. In ogni caso - conclude la norma - i contribuenti che dichiarano ricavi o compensi inferiori a quelli previsti dagli indicatori non sono soggetti ad accertamenti automatici».

Italia Oggi - G. Galli - art. pag. 45