Rassegna stampa dell'8 febbraio 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK è un software che consente di gestire e archiviare, in formato elettronico, documenti di qualsiasi formato e origine: spool di stampa, documenti elettronici (email, fax, pdf, …), documenti cartacei (tramite acquisizione da scanner), file di testo, file telematici.

 

Con ArchiviOK è possibile disporre di un archivio elettronico all'interno del quale i documenti possono essere archiviati istantaneamente, consultati in qualunque momento e da qualunque postazione di lavoro, sia interna che esterna alla rete locale purché autorizzata, e rielaborati o distribuiti senza inutile occupazione di spazio.

 

Inoltre, con ArchiviOK è possibile procedere alla completa smaterializzazione dei documenti attraverso il servizio di conservazione sostitutiva a norma.

 

Per maggiori informazioni visita il sito www.dataprintgrafik.it

Il Registro fa spazio ai dati Inps

Con due anni di ritardo un decreto aggiorna i quadri per le Camere di commercio. La semplificazione parte con gli artigiani e i commercianti

I dati Inps si fanno strada nei modelli anagrafici delle Camere di commercio. E per il Registro delle imprese è un primo passo verso l'integrazione delle informazioni. Un percorso che porta al tanto atteso sportello unico del quale si parla dal 1993. Uno strumento destinato a semplificare le procedure di iscrizione, modifica e cancellazione delle imprese.
Con un ritardo di oltre due anni è pronto un maxi-decreto dello Sviluppo economico che adegua la modulistica elettronica del Registro imprese alle previsioni del decreto legge 269/2003 (legge 326/03, articolo 44, comma 8) sui conti pubblici e la previdenza. Il provvedimento mira soprattutto ad accorciare i tempi per l'apertura di nuove imprese, tagliando i passaggi inutili. Come appunto la presentazione di domande e dati a tutti gli altri sportelli interessati: Fisco, Inps e Inail.

Il Sole 24 Ore - M. Pirazzini, G. Rengheteanu - art. pag. 30

Unico pieno di imposte sostitutive

Operazioni straordinarie, ok ai pagamenti sulle differenze

Il modello delle società di capitali per il 2007 fa il pieno di imposte sostitutive: già in questo modello, infatti, sarà possibile procedere al pagamento sulle differenze relative a operazioni straordinarie compiute entro il 31 dicembre 2007. Possibile inoltre indicare l'imposta di ingresso prevista per le Siiq (Società di investimento immobiliare quotate) nonché l'affrancamento delle differenze emergenti dal quadro EC che, peraltro, potrà essere compilato per l'ultima volta in aumento proprio in questo modello.

Italia Oggi - D. Liburdi - art. pag. 33

Servizi promozionali soggetti a Iva

Risoluzione dell'Agenzia delle entrate sugli accordi tra azienda produttrice e distributori. Il cliente fattura al fornitore le prestazioni aggiuntive

Gli sconti che, a vario titolo, il fornitore concede al cliente rappresentano una riduzione del prezzo di vendita e possono essere trattati, ai fini dell'Iva, come variazioni in diminuzione. Le somme che il fornitore eroga, invece, a fronte dei servizi promozionali resi dal cliente, rappresentano il corrispettivo di prestazioni di servizi da assoggettare all'Iva con l'aliquota ordinaria; stesso trattamento si applica ai cosiddetti «servizi di centrale», resi da centrali o gruppi di acquisto alle imprese produttrici o distributrici in relazione all'attività commerciale, organizzativa o amministrativa. Questo, in estrema sintesi, il contenuto della risoluzione n. 36 del 7/2/2008, con la quale l'Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento applicabile, agli effetti dell'Iva, alle operazioni poste in essere tra imprese della grande distribuzione nei confronti delle imprese fornitrici dei beni di largo consumo.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 35

 

Società di comodo, Gerico decisivo

Le interrelazioni tra le due discipline dopo le modifiche apportate dalla legge finanziaria. I soggetti congrui e coerenti evitano l'istanza d'interpello

Le società che superano il test di Gerico possono evitare la presentazione dell'istanza di disapplicazione per dimostrare l'esistenza di oggettive situazioni che non hanno consentito il raggiungimento della soglia di operatività. Infatti, la congruità, anche per adeguamento, e la coerenza rispetto agli studi di settore garantiscono il lasciapassare anche per la normativa sulle società di comodo. In attesa di una risposta la situazione delle società che applicano i parametri nonché ulteriori chiarimenti in merito al concetto di coerenza valido anche a questi fini in considerazione delle possibili evoluzioni degli indicatori di normalità economica.
Sono queste alcune delle osservazioni che possono essere formulate su una delle nuove ipotesi di esclusione dall'applicazione delle disposizioni di cui all'articolo 30 della legge n. 724 del 1994 come introdotte dalla legge n. 244 del 2007.

Italia Oggi - D. Liburdi - art. pag. 36