Rassegna stampa dell'11 febbraio 2008
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Vuoi un software per l’archiviazione e la conservazione dei libri contabili e delle dichiarazioni fiscali, che sia indipendente dal software che utilizzi per l’elaborazione dei dichiarativi, abbia procedure guidate, ti permetta di risparmiare distruggendo tutti i tuoi archivi cartacei e che magari abbia la delega completa delle responsabilità del processo di conservazione?

 

Abbiamo quello che fa per te: ArchiviOK Professionisti!

 

Scopri le funzionalità su www.dataprintgrafik.it

Unico apre ai nuovi sconti Irpef

Il reddito dell'abitazione principale esce dal calcolo delle detrazioni familiari

Arriva Unico 2008. Debuttano le nuove regole in tema di detrazioni per carichi di famiglia. Scompaiono invece la no tax area, cioè l'imponibile furori fisco, e le deduzioni per carichi di famiglia, cosiddetta no tax family. Il nuovo modello prevede anche uno specifico quadro "BF richiesta bonus fiscale" che riguarda i contribuenti cosiddetti incapienti, con imposta netta 2006 pari a zero, che hanno diritto al rimborso forfettario di 150 euro, maggiorato di un ulteriore bonus di 150 euro per ciascun familiare a carico nel 2006. Debuttano altresì gli sconti del 55% per il risparmio energetico.
Da quest'anno la dichiarazione dovrà essere presentata esclusivamente in via telematica, direttamente o tramite intermediari, entro il 31 luglio 2008.

Il Sole 24 Ore - sabato 9 febbraio - T. Morina - art. pag. 25

Il Cud registra i vecchi premi scontati

L'ultima certificazione con il bonus previdenziale

Con la circolare n. 17/2008 l'Inps riepiloga alcune delle principali regole per la certificazione che il sostituto di imposta deve consegnare ai lavoratori dipendenti e ai collaboratori entro il prossimo 28 febbraio. In caso di cessazione del rapporto di lavoro e su richiesta del dipendente, il Cud deve essere rilasciato entro 12 giorni dalla fine del rapporto.
Per la parte dei dati previdenziali e assistenziali, l'Inps ricorda nella circolare che il modello deve essere rilasciato anche da quei datori di lavoro che non rivestono la qualifica di sostituti di imposta. Tra questi figurano per esempio ambasciate, organismi internazionali e aziende straniere che occupano lavoratori italiani all'estero assicurati in Italia. Da qualche anno, dopo l'entrata in vigore della denuncia EMens, il Cud è stato notevolmente alleggerito visto che molti dati vengono trasmessi all'Inps mensilmente.

Il Sole 24 Ore - sabato 9 febbraio - A. Cannioto, G. Maccarone - art. pag. 28

Controlli bancari a briglia sciolta

La Corte di cassazione rispolvera un principio che riduce le chance di difesa contro il fisco. Ok agli accertamenti senza l'audizione del contribuente

Il contribuente ha poche chance per difendersi, davanti al fisco, dalle verifiche sui suoi conti correnti bancari. È infatti legittimo l'accertamento basato su tali movimentazioni senza che questo sia mai stato chiamato dall'ufficio delle imposte a fornire spiegazioni: la replica del cittadino di fronte all'amministrazione finanziaria, infatti, non è obbligatoria ma soltanto facoltativa.
È quanto ha ricordato la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 2821 del 7 febbraio 2008, ha respinto il ricorso incidentale presentato da un contribuente inchiodato da una verifica della guardia di finanza sui suoi conti bancari.
La sentenza, che rispolvera un vecchio principio affermato, fra l'altro, con una decisione del 2002, la numero 7267, arriva proprio quando le nuove disposizioni sull'anagrafe dei conti cominciano a produrre effetti tangibili. Da quasi un anno, infatti, le banche e gli intermediari sono tenuti a comunicare al fisco, in particolare all'archivio dell'anagrafe tributaria, la natura dei rapporti intrattenuti con i clienti. Il tutto, come ha più volte specificato l'amministrazione finanziaria, per rafforzare la lotta all'evasione fiscale.

Italia Oggi - sabato 9 febbraio - D.Alberici - art. pag. 33

Box auto con detrazione a rischio

Risoluzioni dell'Agenzia delle entrate sulle pertinenze. Box auto con detrazione a rischio. Il 36% Irpef salta in mancanza del contratto preliminare 

Salta il 36% per il box senza preliminare. In caso di acquisto cumulativo di abitazione e pertinenza, il pagamento di quest'ultima prima del rogito inibisce la detrazione in assenza di un atto preliminare registrato che ne accerti l'asservimento al bene principale. In questa ipotesi, infatti, nel momento in cui vengono effettuati i bonifici, i contribuenti non risultano essere proprietari e promissari acquirenti del box né tanto meno dell'immobile abitativo. A questo proposito non rileva nemmeno la circostanza che l'atto d'acquisto sia stato stipulato nello stesso periodo d'imposta in cui sono state sostenute le spese con bonifico. Ciò in quanto il contratto preliminare regolarmente registrato serve proprio a formalizzare la destinazione funzionale del box al servizio dell'abitazione. Sono queste le conclusioni a cui giunge l'Agenzia delle entrate nella risoluzione n. 38 dell'8 febbraio 2008.

Italia Oggi - sabato 9 febbraio - S. Mazzei - art. pag. 36

Iva auto a detrazione variabile

L'uso esclusivo per attività economica apre la strada a un credito del 100 per cento

Il regime Iva dei veicoli aziendali, rimasto a lungo in balia degli eventi succedutisi all'indomani della nota sentenza Stradasfalti (C-228/05), depositata dalla Corte di giustizia delle Comunità europee il 14 settembre 2006, ha trovato, nel bene e nel male, un definitivo assetto. La Finanziaria 2008, attraverso un ampio intervento normativo condotto in aderenza alla decisione del Consiglio Ue 2007/441/Ce ha infatti riscritto le regole di settore, giungendo a delineare un quadro di riferimento che, se da un lato scoglie i dubbi sulla misura della detrazione, dall'altro lascia ampi spazi all'incertezza per ciò che concerne le ipotesi di assegnazione del mezzo in uso ai dipendenti.
Dalla versione modificata della norma è con certezza desumibile come la detrazione possa essere effettuata in misura integrale (100%) tutte le volte in cui la vettura è utilizzata "esclusivamente nell'esercizio dell'impresa, dell'arte o professione".

Il Sole 24 Ore del lunedì - M. Mantovani, B. Santacroce - art. pag. 31